Casa accatastata con tre subalterni - Il Comune pretende il pagamento dell'IMU per due delle tre sub come seconda casa

Possiedo una casa accatastata con foglio e particelle uguali ma sub unità diverse contigue: il catasto mi ha certificato l'iscrivibilità come unica unità immobiliare. Ho pagato Ici, Imu sempre come prima casa. Il comune mi chiede di pagare l'imu arretrato per due delle tre sub come seconda casa. L'abitazione è di 7 vani utilizzata realmente come prima casa. Gradirei dei chiarimenti.

Per il catasto fabbricati, il subalterno (o sub), identifica un bene immobile, compreso nella singola unità immobiliare esistente su una particella.

Tuttavia, nell'ipotesi di un intero fabbricato, ciascuna unità immobiliare è identificata da un proprio subalterno. Qualora il fabbricato è costituito da un'unica unità immobiliare il subalterno è solitamente assente.

Il subalterno, infatti, qualora esistente, serve proprio per l'univoca identificazione della singola unità immobiliare all'interno del fabbricato.

Siamo dunque nel campo delle interpretazioni. La circostanza che in passato abbia versato ICI ed IMU come unica unità immobiliare (adibita ad abitazione principale) non è rilevante. Purtroppo, credo che sarà costretto a rivolgersi alla Commissione Tributaria Provinciale.

Per i giudici della Corte Suprema (sentenza 11272/14) il dato catastale riferito al subalterno di una particella identifica univocamente un immobile a meno che non sia dimostrato, da circostanze pressoché inequivoche, il rapporto pertinenziale fra più unità immobiliari ciascuna identificata da un subalterno.

10 giugno 2016 · Piero Ciottoli

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Agevolazioni fiscali prima casa » Per la qualificazione delle abitazioni di lusso cantina soffitta e superficie esterna del condominio non vanno conteggiati
In materia di agevolazioni, per il bonus prima casa, non vanno considerate la cantina, la soffitta e la superficie esterna del condominio per decidere se un'abitazione va considerata di lusso o meno. Non si può qualificare di lusso l'abitazione, se ai fini del calcolo della superficie utile complessiva si è ...
Agevolazioni prima casa - Possibile fruire dell'imposta di registro ridotta al 2 per cento anche per l'acquisto di una seconda casa a condizione che entro un anno si alieni la prima
Com'è noto, ai fini dell'applicazione dell'aliquota del 2 per cento dell'imposta di registro agli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di case di abitazione non di lusso e agli atti traslativi o consuntivi della nuda proprietà , dell'usufrutto, dell'uso e dell'ambientazione relativi alle stesse, devono ricorrere le seguenti condizioni: che ...
Agevolazioni fiscali prima casa - cantine sottotetti e superfici esterne non computabili per metratura case di lusso
Per fruire delle agevolazioni prima casa, non sono computabili ai fini del calcolo della superficie le cantine ed i sottotetti, nonchè la superficie esterna in quanto pertinenza del condominio. Pertanto, devono considerarsi di lusso e come tali escluse dalle agevolazioni prima casa, le unità abitative composte di uno o più ...
Agevolazioni prima casa » coniuge in regime di comunione - titolari di nuda proprietà ed altro
Coniuge in regime di comunione legale Nel caso in cui due coniugi, in regime di comunione legale, acquistino un appartamento da adibire ad abitazione principale, ma solo uno dei due possiede i requisiti soggettivi per fruire dell'agevolazione prima casa - in quanto, per esempio, l'altro ha già fruito dell'agevolazione in ...
No al beneficio fiscale prima casa per un secondo immobile acquistato dal coniuge separato di fatto
Per il godimento delle agevolazioni fiscali prima casa occorre che nell'atto di acquisto l'acquirente dichiari di non essere titolare esclusivo o in comunione con il coniuge dei diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del comune in cui è situato l'immobile da acquistare. ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca