Cartelle esattoriali non pagate e trattamento di fine rapporto lasciato in azienda e gestito dal Fondo INPS

Sono un dipendente di un azienda privata srl ed ho ho sempre lasciato il mio TFR in azienda quindi nel fondo gestito dall’inps.

A giugno mi sono licenziato e dovrei prendere il TFR a luglio. Avendo delle cartelle esattoriali con le Agenzia delle entrate da pagare è possibile che mi venga effettuato il pignoramento del tfr?
L’INPS comunicherà all’agenzia delle entrate che sto per percepire il tfr?

Dal gennaio 2007 i datori di lavoro privati con più di 50 dipendenti hanno l’obbligo di versare al Fondo di Tesoreria le quote maturate per il Trattamento di Fine Rapporto (TFR) da ciascun lavoratore e non destinate a forme pensionistiche complementari cosiddetto TFR lasciato in azienda).

Di norma, però, la liquidazione del TFR lasciato in azienda è effettuata integralmente dal datore di lavoro anche per la quota parte di competenza del Fondo (che viene poi compensata al datore di lavoro erogante il TFR).

Tuttavia, qualora il datore di lavoro non fosse in grado di anticipare l’importo maturato dal lavoratore a titolo di TFR (datore di lavoro che si dichiara incapiente), dovrà essere seguita la procedura di pagamento diretto del TFR da parte dell’INPS al lavoratore.

In questo secondo scenario entra in gioco l’articolo 48 bis del Decreto del Presidente della Repubblica 602/1973, in base al quale se il valore del TFR dovuto al lavoratore supera i cinquemila euro, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale deve preliminarmente verificare se il lavoratore beneficiario del TFR è inadempiente all’obbligo di versamento derivante dalla notifica di una o più cartelle esattoriali per un ammontare complessivo pari almeno a tale importo e, in caso affermativo, è obbligato a sospendere il pagamento e a segnalare la circostanza all’agente della riscossione competente per territorio, ai fini dell’esercizio dell’attività di riscossione coattiva delle somme iscritte a ruolo.

Superfluo aggiungere che, in tal modo) Agenzia delle Entrate riscossioni potrà effettuare un ordine diretto (ex articolo 72 bis del dpr 602/1973) o un pignoramento del TFR verso terzi (l’INPS), riuscendo ad assicurarsi il 20% della somma che avrebbe dovuto essere versata al lavoratore a titolo di TFR.

11 Giugno 2019 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

TFR lasciato in azienda - L'accesso al Fondo di Garanzia INPS per il pagamento del Trattamento di Fine Rapporto in caso di insolvenza del datore di lavoro
Da sette anni lavoro da dipendente per una piccola società: ho scelto di lasciare il TFR in azienda, ma se l'attività fallisse, chi paga il TFR? Rischio di perderlo? Grazie ...

Possibile pignoramento per debiti esattoriali del Trattamento di Fine Rapporto erogato dal fondo di garanzia INPS
Il 24/07/18 ho presentato domanda al fondo di garanzia Inps: dopo una lunga attesa 100 giorni finalmente stanno visionando la pratica. La mia paura è che mi pignorano il tutto perche ho delle cartelle esattoriali da pagare. Aspetto questi soldi da otto anni e purtroppo in questi anni ho accumulato debiti con Equitalia. La domanda è: Può l'inps pignorarmi il tfr visto che è pagato dal fondo di garanzia inps? Se si C'è modo di poterlo evitare magari facendo subito domanda di rateizzazione, esempio pace fiscale 2019? Ringrazio per l'attenzione. ...

In caso di fallimento del datore di lavoro il pagamento del trattamento di fine rapporto (TFR) da parte del fondo di garanzia INPS è subordinato all'ammissione del credito del lavoratore allo stato passivo (insinuazione al passivo)
In caso di fallimento del datore di lavoro, il pagamento del trattamento di fine rapporto (TFR) da parte del fondo di garanzia INPS richiede, secondo la disciplina della legge 297/1982, articolo 2, che il lavoratore assolva all'onere di dimostrare che è stata emessa la sentenza dichiarativa di fallimento e che il suo credito è stato ammesso allo stato passivo, senza che questo requisito possa essere escluso a seguito della dimostrazione, da parte del lavoratore, che la mancata insinuazione nel passivo fallimentare del suo credito è addebitabile alla incolpevole non conoscenza da parte sua dell'apertura della procedura fallimentare, poiché la legge ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Cartelle esattoriali non pagate e trattamento di fine rapporto lasciato in azienda e gestito dal Fondo INPS