Bonus cultura di 500 euro per i diciottenni – Occhio alla truffa che circola sul web


Phishing informatico e truffa online, tutela consumatore - truffe

Sono maggiorenne da pochi mesi, e qualche giorno fa sono stato contattato da una persona che mi ha offerto dei soldi, più copia del codice fiscale e carta d’identità, in cambio del mio bonus cultura.

Inoltre, mi veniva proposto di trovare altre persone interessate all’accordo in cambio di ulteriore denaro.

Si tratta di una truffa?

Da qualche giorno i ragazzi che hanno compiuto quindi diciotto anni nel 2018, nati dunque nel 2000, possono registrarsi via SPID e vedere accreditati i tanto sospirati 500 euro del Bonus Cultura da spendere entro l’anno in cinema, musica, concerti, eventi culturali, libri, musei, monumenti e parchi, teatro e danza, corsi di musica, di teatro o di lingua straniera.

Un provvedimento che in tanti aspettavano già per settembre, ma che per vari motivi amministrativi e burocratici,alla fine è slittato di diversi mesi.

I soldi arrivano tramite l’applicazione ufficiale 18App, a cui si accede con la propria identità digitale (lo SPID).

Tramite le lista degli esercenti che hanno aderito, il ragazzo può cominciare a creare ‘buoni’ da spendere per i singoli prodotti o servizi, tra cui biglietti per il cinema, per concerti, per il teatro, oppure libri, corsi di formazione, musei, mostre, musica registrata (CD e dischi).

Il problema è che in rete e addirittura nei negozi sotto casa, circolavano delle vere e proprie truffe ai danni del Bonus Cultura.

Nel 2017 se ne era occupata Striscia la Notizia, con la truffa delle cartolibrerie.

In quel caso, l’esercente incassava il bonus, dando in cambio al giovane qualche centinaio di euro in contati, ma non la somma per intero, che poi spendeva come voleva.

In poche parole, lo scambio era 200-300 euro in contati a fronte di un Bonus di 500 euro.

L’esercente ci guadagnava, il giovane, in cambio di alcune centinaia di euro da spendere subito, magari per smartphone e altri gadget elettronici che non sono contemplati dalla lista della spesa del Ministero, ci perdeva sempre.

Insomma, pochi soldi ma subito e da mettersi in tasca in contanti.

Un paio di giorni fa, la trasmissione televisiva Le Iene ha rilanciato di nuovo l’argomento delle truffe sul Bonus Cultura, ma stavolta in rete.

I giovani sono adescati da annunci del tipo Ragazzi del 2000 se volete guadagnare qualche soldo contattatemi in privato non è una perdita di tempo.

Gli annunci in questione si trovano ovunque, anche su Facebook, nei tanti gruppi di compravendita di qualsiasi cosa.

Ai ragazzi, in cambio dell’intero Bonus Cultura, venivano offerti anche meno di 100 euro, nel caso riportato da Le Iene intorno ai 70 euro in contanti.

Sul sito de Le Iene è riportata la trattativa in nero tra un truffatore online e un ragazzo che si è finto interessato allo scambio.

Alla fine, non solo gli sono stati offerti pochissimi soldi in cambio di un Bonus da 500 euro, ma gli si chiedeva anche di trovare altre persone interessate all’accordo, tra i suoi amici neo diciottenni, in cambio avrebbe avuto diciamo una provvigione di 20 euro per ogni trattativa andata a buon fine.

Un problema ulteriore, leggendo i posti riportati nel servizio de Le Iene, è che nella trattativa in nero erano chiesti al giovane anche foto della carta di identità e del codice fiscale, sia suoi, sia di chiunque altro fosse stato coinvolto in questi accordi in nero.

Informazioni personali che vengono consegnate ad estranei e che possono venire utilizzate per qualsiasi altra finalità, anche criminali, portate a termine con i dati di questi ignari ragazzi.

Di fatto, il numero di queste truffe è in aumento e la possibilità di avere dei soldi in contati, anche se pochi, ma subito (ammesso che arrivano per davvero poi sul conto o su postepay), per molti di questi ragazzi sembra una prospettiva irresistibile, anche se capiscono bene di perdere gran parte del Bonus.

Cosa ne faranno del Bonus questi truffatori è al momento materia di indagine, ma è certo che le forze dell’ordine, già a partire da Facebook e dalle chat più popolari come WhatsApp, dovrebbero intervenire per porre fine a questo business criminale che fa leva sull’incoscienza dei diciottenni e sull’assenza di controlli.

11 Gennaio 2019 · Giovanni Napoletano

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 110 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose » Bonus cultura di 500 euro per i diciottenni – Occhio alla truffa che circola sul web. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.