Bonus caldaia senza limiti ISEE – Requisiti per fruirne





L’efficientamento energetico delle abitazioni prevede un recupero di spesa che arriva fino al 65% sulla dichiarazione dei redditi 2022





Vorrei sapere come presentare la domanda e soprattutto quali sono i requisiti, anche ISEE, per fruire del bonus caldaia varato dal governo.

Potete essermi utili?

Anche quest’anno, grazie alla Legge di Bilancio 2021, è possibile usufruire del bonus caldaia: si tratta di un incentivo per agevolare l’efficientamento energetico delle abitazioni e che prevede un recupero di spesa che arriva fino al 65% sulla dichiarazione dei redditi 2022.

Si può far domanda entro il 31 dicembre 2021.

Il bonus caldaia rientra nel piano degli Ecobonus.

Per beneficiare della detrazione del 65%, bisogna inoltre testimoniare di aver effettuato la sostituzione della caldaia entro il 31 dicembre 2021. Fa fede la data del bonifico bancario e non quella della fattura rilasciata dal tecnico.

Si tratta di una detrazione fiscale sull’Irpef (Imposta Reddito Persone Fisiche) e sull’IRES (Imposta Reddito Società) che viene concessa nel momento in cui si intenda ristrutturare la propria abitazione, migliorandola da un punto di vista di efficientamento energetico.

Il bonus caldaia è stato prorogato per tutto il 2021, ma dall’ultimo Governo sono state introdotte alcune novità che riguardano gli interventi che è possibile attuare per richiedere il credito: sostituzione della caldaia vecchia con una nuova a condensazione, di classe A o superiore, sostituzione della vecchia caldaia con una caldaia a condensazione di classe A, ma senza valvole, che consente una detrazione fiscale del 50%
Il requisito principale da rispettare per ottenere il bonus caldaia, beneficiando così della detrazione fiscale del 65% sulle spese effettuate, è quello di una attestazione, da parte di un tecnico, di una effettiva miglioria energetica con il montaggio della nuova caldaia.

L’importo totale della detrazione deve perciò essere suddiviso in dieci frazioni di uguale importo (10 anni), le quali si andranno a scaricare sulla dichiarazione dei redditi tramite Modello 730 o Modello Unico. Per quanto riguarda tutto il 2021, l’importo massimo che è possibile detrarre è di 30 mila euro, da detrarre dall’Irpef in dieci annualità, con rate di importo uguale.

Si comincerà così a detrarre la spesa dalla dichiarazione dei redditi del 2022, per dieci anni consecutivi.

Le spese ammissibili per le quali spetta il bonus caldaia sono le seguenti: smontaggio, dismissione dell’impianto di climatizzazione esistente; fornitura e posa in opera di tutte le apparecchiature termiche, meccaniche, elettriche ed elettroniche, delle opere idrauliche e murarie necessarie per la sostituzione a regola d’arte dell’impianto termico esistente con un generatore a condensazione; adeguamento della rete di distribuzione, dei sistemi di accumulo, dei sistemi di trattamento dell’acqua, dei dispositivi di controllo e regolazione nonché sui sistemi di emissione; prestazioni professionali (produzione della documentazione tecnica, direzione dei lavori, etc.).

20 Ottobre 2021 · Gennaro Andele


Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con Whatsapp

condividi su Whatapp

    

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!




Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni » Bonus caldaia senza limiti ISEE – Requisiti per fruirne. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.