Bonus caldaia 2023 – Come fruirne


È stato prorogato al 2023 il bonus caldaia, l’agevolazione rivolta soggetti che decidono di sostituire impianti di climatizzazione invernale

Dovrei cambiare la caldaia nel mio appartamento e mi è stato detto che è possibile fruire, in alcuni casi specifici, di un bonus o agevolazione per l’acquisto e/o la sostituzione.

E’ vero?

È stato prorogato al 2023 il bonus caldaia, l’agevolazione rivolta soggetti che decidono di sostituire impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione in grado di garantire migliori prestazioni energetiche.

Il bonus caldaia 2023 permette di accedere ad una detrazione fiscale in caso di sostituzione della caldaia presente nella propria abitazione. La detrazione fiscale può andare dal 50 o al 65% in base all’intervento che si decide di effettuare.

La detrazione del 50% spetta nei seguenti casi:

  • installazione di una caldaia a condensazione di classe A senza valvole;
  • sostituzione dell’impianto di climatizzazione con impianti dotati di caldaie a condensazione di classe energetica pari alla A o superiore su un limite di spesa di 30mila euro;
  • acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati a biomasse combustibili, sempre su un limite di spesa di 30mila euro.

La detrazione al 65%, invece, si applica in caso di:

  • installazione di sistemi di termoregolazione evoluti, appartenenti alle classi V, VI o VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02;
  • impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro;
  • spese sostenute per l’acquisto e posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione.

Per poter beneficiare del bonus caldaia 2023, l’intervento deve configurarsi come sostituzione totale o parziale del vecchio generatore termico e non come nuova installazione.

Vige l’obbligo di trasmettere all’ENEA la scheda descrittiva dell’intervento di riqualificazione energetica entro 90 giorni dalla conclusione dei lavori.

Di seguito, invece, tutti i documenti da conservare:

  • la ricevuta dell’avvenuto invio tramite internet o della raccomandata postale all’Enea;
  • fatture, o ricevute fiscali, o ricevuta del bonifico, che attestino le spese effettivamente sostenute per la realizzazione degli interventi;
  • certificato di asseverazione redatto da un tecnico abilitato;
  • dichiarazione di consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario.

Il bonus, ricordiamo, viene diviso in 10 rate annuali di pari importo da portare in detrazione a partire dalla dichiarazione dei redditi 2023.

23 Gennaio 2023 · Andrea Ricciardi

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza zero voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni » Bonus caldaia 2023 – Come fruirne. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.