Dichiarazione dei redditi – detrazione per il canone di locazione

Questa detrazione è fruibile dai contribuenti titolari di contratti di locazione di immobili utilizzati come abitazione principale che si trovano in uno dei sottoelencati casi:

  1. avere stipulato o rinnovato il contratto ai sensi della Legge 9 dicembre 1998, numero 431;
  2. avere stipulato o rinnovato il contratto secondo quanto disposto dall'articolo 2, c. 3, e dall'articolo 4, commi 2 e 3, della Legge 9 dicembre 1998, numero 431 ( contratti convenzionali);
  3. avere un'età compresa fra i 20 ed i 30 anni e avere stipulato un contratto di locazione ai sensi della legge 9 dicembre 1998, numero 431. In tal caso è necessario che l'unità immobiliare sia diversa da quella destinata ad abitazione principale dei genitori o di coloro cui sono affidati dagli organi competenti ai sensi di legge.

La detrazione d'imposta per il canone di locazione dell'abitazione principale sarà attribuita dal soggetto che presta l'assistenza fiscale nella misura prevista per ciascuno dei casi sopra descritti.

In particolare:

a) Se il caso è quello individuato dal punto 1)  la detrazione spettante è:

  • di euro 300,00 se il reddito complessivo non supera euro 15.493,71;
  • di euro 150,00 se il reddito complessivo è superiore a euro 15.493,71 e non superiore a euro 30.987,41;

Qualora il reddito complessivo è superiore a quest’ultimo importo non spetta alcuna detrazione;

b) Se il caso è quello individuato dal punto 2) la detrazione spettante è:

  • di euro 495,80 se il reddito complessivo non supera euro 15.493,71;
  • di euro 247,90 se il reddito complessivo è superiore a euro 15.493,71 e non superiore a euro 30.987,41;

Qualora il reddito complessivo è superiore a quest’ultimo importo non spetta alcuna detrazione;

c) Se il caso è quello individuato dal punto 3) la detrazione spettante è:

  • di euro 991,60 se il reddito complessivo non supera euro 15.493,71;

Qualora il reddito complessivo è superiore a quest’ultimo importo non spetta alcuna detrazione. Tale detrazione d'imposta spetta per i primi tre anni dalla stipula del contratto e, pertanto, se questo è stato stipulato nell'anno 2009 la detrazione potrà essere fruita oltre che per l'anno in corso anche per gli anni  2010 e 2011.

Le detrazioni  indicate ai punti 1) 2) e 3) non sono cumulabili ma il contribuente ha diritto di scegliere quella a lui più favorevole.

Per quanto riguarda la dichiarazione dei redditi presentata con modello 730, gli importi vanno indicati nei righi E41.

Per compilare il rigo indicare:

  • nella colonna 1 (tipologia) il codice:
    • ‘1′ se il contribuente si trova nel caso di cui al sopradescritto punto 1;
    • ‘2′ se il contribuente si trova nel caso di cui al sopradescritto punto 2;
    • ‘3′ se il contribuente si trova nel caso di cui al sopradescritto punto 3.
    • Qualora nel corso dell'anno il contribuente si trova in situazioni identificate con codici differenti occorre compilare per ognuna di esse un rigo E41 utilizzando un nuovo modello. In tal caso, la somma dei giorni indicati nella colonna 2 dei diversi righi non può essere superiore a 365;
  • nella colonna 2 (N. di giorni) il numero dei giorni nei quali l'unità immobiliare locata è stata adibita ad abitazione principale;
  • nella colonna 3 (Percentuale) la percentuale di spettanza della detrazione nel caso in cui il contratto di locazione è cointestato a più soggetti. Ad esempio, due contribuenti cointestatari del contratto di locazione dell'abitazione principale devono indicare ‘50′.  Se il contratto di locazione è stato stipulato da un unico soggetto indicare ‘100′ perché la detrazione spetta per intero.

Qualora nel corso dell'anno sia variata la percentuale di spettanza della detrazione, occorre compilare per ognuna di esse un rigo E41 utilizzando un nuovo modello. In tal caso, la somma dei giorni indicati nella colonna 2 dei diversi righi non può essere superiore a 365.

Nei casi in cui il contribuente può beneficiare di più detrazioni, trovandosi in una delle previste situazioni per una parte dell'anno e in una delle altre situazioni per la restante parte dell'anno potrà compilare più righi E41 utilizzando più modelli. In tale caso il numero dei giorni indicati nelle colonne 2 dei righi non può essere superiore a 365 giorni.

Per fare una domanda sugli adempimenti fiscali necessari per avvio attività, sui regimi fiscali semplificati ed altri argomenti correlati clicca qui.

1 febbraio 2013 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Irpef » detrarre le spese per l'affitto della casa - Detrazione per affitti a canone non convenzionato
È prevista una detrazione per chi sostiene le spese dell'affitto per la casa adibita a propria abitazione principale. Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente. In particolare, ai soggetti titolari di contratti di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale [ ... leggi tutto » ]
Dichiarazione dei redditi - la detrazione per coniuge a carico
E' considerato fiscalmente a carico, il coniuge, non legalmente ed effettivamente separato, che nell'anno di imposta oggetto della dichiarazione ha percepito un reddito complessivo uguale o inferiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili. Nel limite di reddito di 2.840,51 euro che il coniuge non deve superare per essere [ ... leggi tutto » ]
Dichiarazione dei redditi – precisazioni ADE su detrazione canoni di locazione studenti e corsi di istruzione
E' possibile fruire della detrazione d'imposta anche per spese relative a "canoni relativi a contratti di ospitalità, nonché agli atti di assegnazione in godimento o locazione, stipulati con enti per il diritto dello studio, università, collegi universitari legalmente riconosciuti, enti senza fine di lucro e cooperative"… Con questa nuova formulazione [ ... leggi tutto » ]
Dichiarazione dei redditi e detrazione interessi passivi mutuo - aspetti particolari
Non è possibile portare in detrazione gli interessi pagati a seguito di aperture di credito bancario, cessione dello stipendio e comunque gli interessi derivanti da finanziamenti diversi da quelli relativi a contratti di mutuo. Unitamente agli interessi passivi sono detraibili le commissioni spettanti agli istituti di credito per la loro [ ... leggi tutto » ]
Dichiarazione dei redditi da locazione - sistema ordinario e cedolare secca
Per le abitazioni concesse in locazione è possibile scegliere il regime di tassazione definito "cedolare secca" sugli affitti che prevede l'applicazione di un'imposta che sostituisce, oltre che l'Irpef e le addizionali regionale e comunale, anche le imposte di registro e di bollo relative al contratto di locazione. L'opzione per l'applicazione [ ... leggi tutto » ]

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su dichiarazione dei redditi – detrazione per il canone di locazione. Clicca qui.

Stai leggendo Dichiarazione dei redditi – detrazione per il canone di locazione Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 1 febbraio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 5 ottobre 2017 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca