Debiti di natura tributaria - La fase di accertamento della pretesa




» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo



In generale, per debiti di natura tributaria (laddove il creditore è l’Agenzia delle entrate o il Comune) esiste una prima fase di attività in cui l’ufficio preposto alla riscossione accerta l’insufficiente o omesso pagamento del tributo stesso. Viene quindi notificato al debitore un atto di accertamento che giustifica e motiva la pretesa tributaria: talvolta questo documento può essere immediatamente esecutivo (nel senso che legittima la fase vera e propria di esecuzione della riscossione) ed allora assume la veste di accertamento immediatamente esecutivo (se emesso dall’Agenzia delle entrate) o ingiunzione fiscale (se emesso dal Comune).

Dunque, la fase di accertamento del credito tributario porta alla notifica di una atto al debitore che può assumere la forma di:

Per impugnare nel merito uno degli atti appena elencati bisogna sempre adire la Commissione Tributaria Provinciale (CTP).



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


7 Ottobre 2015 · Annapaola Ferri




Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su debiti di natura tributaria - la fase di accertamento della pretesa. Clicca qui.

Stai leggendo Debiti di natura tributaria - La fase di accertamento della pretesa Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 7 Ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 8 Marzo 2018 Classificato nella categoria atti impoesattivi - avviso di accertamento immediatamente esecutivo e ingiunzione fiscale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)