cartella esattoriale inps

Ciao, ti ho interpellato per questo quesito … prima delle ferie, ho ricevuto una cartella esattoriale tra INPS e IRPEF di circa 8000 euro… per la verita’ me l’aspettavo…infatti sono andato all’Equitalia per chiedere l’istanza di dilazionamento che avevo effettuato in precedenza alla agenzie delle entrate.

In sede di discussione, l’impiegato allo sportello, mi ha detto che verificando la mia posizione, il totale delle cartelle esattoriali sono per un totale di 31000 euro…si puo’ chiedere solo il dilazionamento per tutto il debito e non solo per la cartella da 8000 euro…oltretutto si puo’ fare richiesta di una rateizzazione, oltre i 72 mesi, ma se venisse accettata…devo versare alla prima rata, spese accessorie, more e quant’altro…per 10000 euro scarsi….poi le rate le posso versare come concordato…

Volevo chiederti, non si puo rateizzare tutto l’importo e se si fino a quante rate si puo’ dilazionare il debito….

Se non pago che succede….non ho auto intestate, non ho case intestate ne garage ne nulla.. nullatenente…conto corrente bancario sempre al limite dello zero… cosa mi consigli.

ciao e grazie

Commento di Emilio | Lunedì, 6 Ottobre 2008

Il numero di rate massimo in cui può essere dilazionato un debito con Equitalia è 72.  Quindi, diciamo che mi stai dando tu una notizia.

L’insolvenza del debitore (a meno che non ci sia frode, nel caso in cui si amministrino società) non prefigura un reato penale.

La riscossione coattiva prevede pignoramento e vendita all’asta della casa, pignoramento e vendita di beni mobili, fermo amministrativo dell’auto, pignoramento del quinto dello stipendio, blocco del conto corrente.

Quindi … a questo punto puoi valutare tu.
Ciao

Commento di karalis | Lunedì, 6 Ottobre 2008

Per fare una domanda agli esperti sulla cartella esattoriale originata da debiti INPS ed IRPEF vai al forum

8 Ottobre 2008 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Avviso di intimazione al pagamento di una cartella esattoriale per debiti INPS, IRPEF e multe
Chiedo, cortesemente, consigli per intimazione di pagamento riassuntiva di cartelle notificate a mio marito, in vari anni dal 2000 al 2014, notificata il 21 ottobre 2015 per un importo di € 175 mila relativa a contributi inps, irpef, multe. Nell'elenco delle cartelle evidenziate da Equitalia con l'allegato prospetto delle cartelle notificate e, che peraltro ho, vi è anche una di € 80 mila notificata nel 24 aprile 2008 e relativa a contributi inerenti gli anni 1992 e 1993 non versati dalla ditta di mio marito, cessata nel 1993. Altre cartelle elencate e consistenti sono del periodo 2001 (cartella notificata il ...

Cartella esattoriale originata dal mancato o insufficiente pagamento di irpef iva e bollo auto
In materia di imposte sui redditi e relative imposte sostitutive, IVA, INVIM, imposta di registro, imposta sulle successioni e donazioni, imposte ipotecaria e catastale, imposta sulle assicurazioni, IRAP, imposta di bollo, tassa sui contratti di borsa, tassa sulle concessioni governative, tasse automobilistiche, altri tributi indiretti. ...

Contributi INPS - Ho rateizzato la cartella esattoriale ma forse era già intervenuta la prescrizione
E' arrivata circa 6 mesi fa una cartella da equitalia per contributi inps di mia figlia degli anni 1993-94-95-96-97 con codice tributi 8094 e 8095 per un totale di 4897 euro. Mi recai con delega all'ufficio Equitalia che con molto garbo mi fece una rateizzazione a 20 rate di importo 102 euro ciascuna. Sono ora venuto a conoscenza che è possibile prescrivere dei debiti inps. La notifica della cartella era 16/12/2004. Avendo già pagato 4 rate posso ancora fare qualche cosa? ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartella esattoriale inps. Clicca qui.

Stai leggendo cartella esattoriale inps Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 8 Ottobre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 21 Settembre 2017 Classificato nella categoria cartelle esattoriali - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • stefano 24 Maggio 2009 at 17:59

    la riscossione coattiva prevede esclusivamente il pignoramento dei beni intestati al debitore, che non abbia obblighi economici nei confronti di minori ed altri soggetti previsti per legge , l’imps molte volte non eseguono controlli sui committenti che hanno obbligato i vecchi co co co a intestarsi una partita iva per lavorare, quindi il committente mette in atto una procedura fraudolenta eludendo la parte dei contributi a suo carico, ma la giurisprudenza resta a gurdare