Ciao, ho ricevuto una cartella esattoriale tra INPS e IRPEF di circa 8000 euro

Ciao, ti ho interpellato per questo quesito … prima delle ferie, ho ricevuto una cartella esattoriale tra INPS e IRPEF di circa 8000 euro… per la verita’ me l’aspettavo…infatti sono andato all'Equitalia per chiedere l’istanza di dilazionamento che avevo effettuato in precedenza alla agenzie delle entrate.

In sede di discussione, l’impiegato allo sportello, mi ha detto che verificando la mia posizione, il totale delle cartelle esattoriali sono per un totale di 31000 euro…si puo’ chiedere solo il dilazionamento per tutto il debito e non solo per la cartella da 8000 euro…oltretutto si puo’ fare richiesta di una rateizzazione, oltre i 72 mesi, ma se venisse accettata…devo versare alla prima rata, spese accessorie, more e quant’altro…per 10000 euro scarsi….

poi le rate le posso versare come concordato…

Volevo chiederti, non si puo rateizzare tutto l’importo e se si fino a quante rate si puo’ dilazionare il debito….

Se non pago che succede….non ho auto intestate, non ho case intestate ne garage ne nulla.. nullatenente…conto corrente bancario sempre al limite dello zero… cosa mi consigli.

ciao e grazie

Commento di Emilio | Lunedì, 6 Ottobre 2008
Il numero di rate massimo in cui può essere dilazionato un debito con Equitalia è 72.  Quindi, diciamo che mi stai dando tu una notizia.

L’insolvenza del debitore (a meno che non ci sia frode, nel caso in cui si amministrino società) non prefigura un reato penale.

La riscossione coattiva prevede pignoramento e vendita all'asta della casa, pignoramento e vendita di beni mobili, fermo amministrativo dell'auto, pignoramento del quinto dello stipendio, blocco del conto corrente.

Quindi … a questo punto puoi valutare tu.
Ciao

Commento di karalis | Lunedì, 6 Ottobre 2008

Per fare una domanda agli esperti sulla cartella esattoriale originata da debiti INPS ed IRPEF vai al forum

8 Ottobre 2008 · Paolo Rastelli





Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con Whatsapp

condividi su Whatapp

    

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!