Chiudere una attività individuale


Salve, mi chiamo Massimo e le volevo chiedere cosa serve al consulente per chiudere un’attività individuale (cessazione attività) e quindi p.iva, posizione inps ecc.e se possibile sapere, anche per sommi capi, quanto potrebbe costare.La ringrazio anticipatamente, grazie di tutto.


Allora, chiudere una ditta individuale è semplice: innanzitutto chiudere la partita iva e questo si può fare via internet tramite il servizio Entratel (il costo dipende dal consulente, non ci sono bolli o costi fissi).

Poi, andare alla camera di commercio con il modello di cessazione precompilato dell’attività (insieme ad una fotocopia di un documento d’identità e della ricevuta di chiusura della partita iva), in bollo da € 14,62 (non ci dovrebbero essere diritti di segreteria..cmq qualora ci fossero siamo sempre nell’ordine dei € 30,00).

Se l’attività è artigiana bisogna andare al comune invece.

In ultimo passare all’inps (la comunicazione di cessazione dovrebbe farla la camera di commercio ma io consiglio di fare comunque  una visita) di competenza oppure fare una raccomandata .a/r in carta semplice allegando la comunicazione di cancellazione arrivata dalla cam.di comm.e, sempre una fotocopia di un doc.e la ricevuta di cessazione della p.iva.Riassumendo,l’unico costo certo è la marca da bollo, il resto dipende dal commercialista. Il costo potrebbe lievitare se è quest’ultimo a fare tutti i vari giri.

Per fare una domanda su detrazioni, deduzioni ed agevolazioni fiscali; adempimenti fiscali necessari per avvio attività e regimi fiscali semplificati; termini di prescrizione degli accertamenti; notifica, pagamento e dilazione della cartella esattoriale; fermo amministrativo ed iscrizione ipotecaria; pignoramento ed espropriazione esattoriale; ravvedimento operoso, autotutela, adesione e ricorso tributario; e su tutti gli argomenti correlati a questo articolo, clicca qui.

2 Febbraio 2009 · Andrea Ricciardi

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza zero voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!







Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!


Costa sto leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Chiudere una attività individualeAutore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 2 Febbraio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nelle categorie , , , Numero di commenti e domande: 2. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.' .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • fabius 23 Febbraio 2015 at 12:02

    Un anno fa comprai un negozio di alimentari pagato con un acconto ed il resto pagamento dilazionato senza garanzia ed avendo stipulato però un atto notarile. Oggi purtroppo mi trovo con delle dilazioni scadute e non sanate ed il negozio che non incassa. Sono quindi arrivato alla conclusione di chiuderlo. La mia è una ditta individuale cosa mi succede se chiudo e non ho i soldi per pagare la rimanenza delle dilazioni? E per quanto riguarda i fornitori visto che anche con loro ho un debito di 2000 euro?

    • Ludmilla Karadzic 23 Febbraio 2015 at 12:16

      I creditori cercheranno di recuperare i loro crediti in via stragiudiziale (cessione a società specializzate nel recupero) o giudiziale (chiedendo al giudice l’emissione di un decreto ingiuntivo per poi procedere al pignoramento).

      Ma, se non ha conti correnti provvisti di liquidità, se non ha in casa arredi di pregio, non possiede immobili di proprietà o automobili di lusso, può stare tranquillo. Al massimo, se dovesse trovare, in futuro, un impiego, le verrà pignorato lo stipendio per un massimo del 20% al mese (il massimo è riferito a tutti i creditori procedenti). Oppure se dovesse riuscire ad avviare un’attività produttiva di reddito, le pignoreranno il conto corrente oppure arredi e strumenti di lavoro sempre nel massimo di un quinto.