Bonus bebè - una nuova chance per chi si è visto respingere la domanda

Nel caso di domande per il bonus bebé respinte perchè non è stato reperito un ISEE valido oppure perchè dalla dichiarazione ISEE non risulta convivente con il figlio per il quale è richiesto l'assegno, è prevista, su istanza del richiedente, la possibilità di riesame della domanda respinta presso la Sede competente che avrà cura di effettuare tutte le verifiche necessarie alla definizione della domanda stessa.

Qualora il riesame si concluda con un provvedimento di accoglimento, l'assegno verrà corrisposto con tutte le mensilità arretrate spettanti.

Con il messaggio 5145/2015, l'INPS chiarisce, dunque, che è prevista la possibilità di riesame della domanda di assegno di natalità respinta perché non è stato reperito un ISEE valido o perché dalla dichiarazione ISEE non risulta convivente con il figlio per il quale è richiesto l'assegno.

4 agosto 2015 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su bonus bebè - una nuova chance per chi si è visto respingere la domanda. Clicca qui.

Stai leggendo Bonus bebè - una nuova chance per chi si è visto respingere la domanda Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 4 agosto 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria sostegno al reddito - contributi incentivi pensione di inabilità e assegno di invalidità - assegno familiare e per il nucleo familiare - indennità di disoccupazione Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca