Avvio attività - Diversi regimi contabili, quale scegliere?


Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Come per la forma giuridica, anche per il regime contabile da adottare è possibile per le imprese scegliere tra più soluzioni.

La scelta, che condizionerà i conseguenti obblighi nei confronti del Fisco, dipende da molteplici fattori, i più importanti dei quali sono: il volume d’affari che si presume di realizzare, la forma giuridica adottata, le dimensioni aziendali, la possibilità di usufruire di semplificazioni, sia per la tenuta dei registri contabili che per il calcolo delle imposte.

Vediamo, allora, quali sono i regimi contabili a disposizione delle imprese, i principali adempimenti che ciascuno di essi comporta, i vantaggi e le semplificazioni.

REGIME ORDINARIO

Il regime ordinario è un regime sempre obbligatorio per le società di capitali. Per le società di persone e le ditte individuali, la tenuta della contabilità ordinaria è obbligatoria solo se nel periodo di imposta precedente sono stati conseguiti ricavi superiori a determinati  importi.

Quelli di seguito indicati

Al di sotto di tali limiti il regime ordinario è facoltativo.

Adempimenti contabili per ditte individuali e le società di persone in contabilità ordinaria

Le ditte individuali e le società di persone in contabilità ordinaria devono tenere i seguenti registri:

Per le registrazioni contabili va utilizzato il metodo contabile della partita doppia.

Come si determina il reddito per ditte individuali e le società di persone in contabilità ordinaria

La determinazione del reddito avviene sulla base dell’utile o perdita derivante dal bilancio di esercizio a cui si applicano le variazioni (in aumento e in diminuzione) previste dalla normativa.

REGIME SEMPLIFICATO

Il regime semplificato e dunque la contabilità semplificata si applicano, indipendentemente dall’attività svolta, alle imprese individuali e alle società di persone che, nell’anno precedente a quello in corso, e relativamente a tutte le attività esercitate, abbiano conseguito ricavi non superiori a specifici limiti.

Quelli indicati di seguito:

Adempimenti contabili per chi adotta il regime semplificato

La semplificazione, rispetto al regime ordinario, consiste nell’esonero dalla tenuta dei registri obbligatori ad eccezione dei:

I registri Iva vanno però integrati, riportando:

ATTENZIONE

Le annotazioni riguardanti i beni ammortizzabili possono essere eseguite, anziché nell’apposito registro, nel registro Iva acquisti, entro il termine della dichiarazione dei redditi. Inoltre, a partire dal 1° gennaio 2002, tali scritture possono non essere tenute purché il contribuente sia in grado di fornire, su richiesta dell’Amministrazione, i dati previsti dal registro dei beni ammortizzabili.

Come si determina il reddito nel regime semplificato

Per le imprese minori il reddito imponibile è determinato dalla differenza fra i ricavi ed i costi dell’esercizio, applicando alcune regole specifiche contenute nel TUIR (nell’articolo 66). Non essendovi l’obbligo della redazione del bilancio annuale, il reddito si determina compilando l’apposito quadro della dichiarazione dei redditi.

FORFETTINO

Il regime sostitutivo per le nuove iniziative produttive è il regime fiscale agevolato introdotto dall’articolo 13 della legge 23 dicembre 2000, numero 388 (la legge Finanziaria per il 2001) e rivolto alle ditte individuali e imprese familiari che avviano una nuova attività imprenditoriale, anche noto come “FORFETTINO.

Esso prevede, principalmente, una tassazione ridotta che si realizza attraverso il versamento di un’imposta sostitutiva dell’Irpef pari al 10% del reddito prodotto.

A tale regime fiscale è stato dedicato un apposita sezione, cui si rinvia per conoscere maggiori dettagli.

CONTRIBUENTI MINIMI (FORFETTONE)

La legge finanziaria 2008 per semplificare e snellire gli adempimenti e ridurre le imposte ha introdotto, a partire dal 1° gennaio 2008, un nuovo regime dedicato ai contribuenti cosiddetti minimi.

Il nuovo regime semplificato, indicato spesso come “nuovo forfettone”, nel prevedere una significativa riduzione delle procedure e degli adempimenti, di fatto si è proposto come una valida occasione per instaurare un rapporto di lealtà con i contribuenti e fornire loro gli strumenti per poter agire in autonomia.

Con l’obiettivo primario di favorire l’adeguamento spontaneo dei contribuenti agli obblighi fiscali, è stato introdotto un semplice sistema di agevolazioni e la guida si offre come strumento di conoscenza del nuovo regime.

In sintesi, in base a quanto previsto, i contribuenti che aderiscono a questo regime non sono più tenuti a versare l’IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, l’IVA e l’IRAP.

Il nuovo regime prevede l’applicazione solo di un’imposta sostitutiva del 20 per cento sul reddito, calcolato come differenza tra ricavi o compensi e spese sostenute, comprese le plusvalenze e le minusvalenze dei beni relativi all’impresa o alla professione.

Il calcolo del reddito nel regime contabile FORFETTONE si determina applicando il “principio di cassa”, e questo costituisce un’importante novità per i redditi d’impresa in quanto comporta un’immediata e integrale rilevanza dei costi, anche quelli inerenti i beni strumentali, possibilità molto incentivante soprattutto in fase di avvio dell’attività produttiva.

I contributi previdenziali si possono dedurre per intero dal reddito ed è ammessa la compensazione di perdite riportate da anni precedenti.

I contribuenti minimi sono inoltre esonerati:

Gli unici obblighi che continueranno a rimanere in uso saranno quelli relativi alla numerazione e conservazione delle fatture di acquisto e delle bollette doganali, alla certificazione dei corrispettivi, e alla conservazione dei documenti emessi e ricevuti.

Per fare una domanda sui diversi regimi contaibili, su avvio attività, su fisco, tasse, dichiarazioni dei redditi, regimi fiscali agevolati, ed altri argomenti correlati clicca qui.

13 Dicembre 2007 · Andrea Ricciardi



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su avvio attività - diversi regimi contabili, quale scegliere?. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)