Autocertificazione per la richiesta del "Bonus famiglia" Modello "AGENZIA DELLE ENTRATE"

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Il bonus, il cui ammontare può variare da 200 fino a 1.000 euro in considerazione sia del reddito sia dei componenti del nucleo familiare, può essere richiesto dai cittadini residenti, lavoratori e pensionati, incluse persone non autosufficienti, che facciano parte di una famiglia qualificata come a basso reddito.

Le scadenze per richiedere l’agevolazione dipendono dall’anno d’imposta che viene preso come riferimento per la verifica dei requisiti previsti dalla norma per il riconoscimento del bonus. A questo riguardo, ci sono due alternative:

  • chi sceglie come anno di riferimento il 2007 deve presentare la richiesta al datore di lavoro o all’ente pensionistico entro il 28 febbraio 2009, utilizzando il modello “sostituto” predisposto per la richiesta del bonus al sostituto d’imposta o agli enti pensionistici. Nel caso in cui il beneficio non è erogato dai sostituti d’imposta, la domanda potrà essere invece inviata, in via telematica, all’Agenzia delle Entrate entro il 30 aprile 2009, utilizzando il modello denominato “agenzia”.
  • coloro che , invece, scelgono il 2008, devono presentare la richiesta al datore di lavoro o all’ente pensionistico entro il 30 aprile 2009. In tutti casi in cui il beneficio non è erogato dai sostituti d’imposta, la richiesta può essere presentata, sempre in via telematica, all’Agenzia delle Entrate entro il 30 giugno 2009.

MODELLO PER LA RICHIESTA ALL’AGENZIA DELLE ENTRATE DEL BONUS STRAORDINARIO PER FAMIGLIE,LAVORATORI, PENSIONATI E NON AUTOSUFFICIENZA

(articolo 1 del decreto legge 29 novembre 2008, numero 185)

MODELLO “AGENZIA”

IL BONUS STRAORDINARIO

L’articolo 1 del decreto legge 29 novembre 2008, numero 185 ha previsto l’attribuzione di un bonus straordinario, per il solo anno 2009, ai soggetti residenti, componenti di un nucleo familiare a basso reddito. Ai fini dell’individuazione dei componenti il nucleo familiare si tiene conto del soggetto che richiede il beneficio, del coniuge non legalmente ed effettivamente separato, anche se non fiscalmente a carico, dei figli e degli altri familiari a carico (articolo 12 del TUIR, alle condizioni ivi previste). Nel computo del reddito complessivo familiare si assume il reddito complessivo di cui all’articolo 8 del TUIR, con riferimento a ciascun componente il nucleo familiare.

SOGGETTI BENEFICIARI

I beneficiari del bonus straordinario per le famiglie a basso reddito devono essere residenti in Italia e aver conseguito, nell’anno 2008, ai sensi dell’articolo 1, comma 1 del citato decreto, esclusivamente redditi appartenenti alle seguenti categorie:

a) redditi di lavoro dipendente (articolo 49, comma 1 del TUIR);
b) redditi di pensione (articolo 49, comma 2 del TUIR);
c) redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente di cui all’articolo 50, comma 1, lettere a), c-bis),
d), l) ed i) limitatamente agli assegni periodici corrisposti al coniuge di cui all’articolo 10,
comma 1, lettera c), del TUIR, tra i quali, ad esempio:

• compensi percepiti dai lavoratori soci delle cooperative di produzione e lavoro;
• redditi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa;
• compensi percepiti da soggetti impegnati in lavori socialmente utili;

d) redditi diversi di cui all’articolo 67, comma 1 lettere i) e l) del TUIR, qualora percepiti dai soggetti
a carico del richiedente, ovvero dal coniuge non a carico, ossia:

• redditi derivanti da attività commerciali non esercitate abitualmente;
• redditi derivanti da attività di lavoro autonomo non esercitato abitualmente;

e) redditi fondiari di cui all’articolo 25 del TUIR, per un ammontare non superiore ad euro
2.500,00, solo se considerati cumulativamente con il reddito di lavoro dipendente e/o di
pensione.

MISURA DEL BENEFICIO

Il beneficio è attribuito in base al numero dei componenti del nucleo familiare, degli eventuali componenti portatori di handicap e del reddito complessivo familiare riferiti al periodo d’imposta 2007 o, in alternativa, al periodo d’imposta 2008, per i seguenti importi:

• euro 200,00 nei confronti dei soggetti titolari di reddito di pensione ed unici componenti del
nucleo familiare, qualora il reddito complessivo non sia superiore ad euro 15.000,00;
• euro 300,00 per il nucleo familiare di due componenti, qualora il reddito complessivo
familiare non sia superiore ad euro 17.000,00;
• euro 450,00 per il nucleo familiare di tre componenti, qualora il reddito complessivo familiare
non sia superiore ad euro 17.000,00;
• euro 500,00 per il nucleo familiare di quattro componenti, qualora il reddito complessivo
familiare non sia superiore ad euro 20.000,00;
• euro 600,00 per il nucleo familiare di cinque componenti, qualora il reddito complessivo
familiare non sia superiore ad euro 20.000,00;
• euro 1.000,00 per il nucleo familiare di oltre cinque componenti, qualora il reddito complessivo familiare non sia superiore ad euro 22.000,00;• euro 1.000,00 per il nucleo familiare in cui vi siano figli a carico del richiedente  portatori di handicap ai sensi dell’articolo 3 comma 3, della legge 5 febbraio 1992, numero 104, qualora il reddito complessivo familiare non sia superiore ad euro 35.000,00.

Il beneficio viene attribuito ad un solo componente del nucleo familiare e non costituisce reddito né ai fini fiscali, né ai fini contributivi e assistenziali, né per il rilascio della carta acquisti (articolo 81, comma 32, del decreto legge 25 giugno 2008, numero 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, numero 133).

TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE

Il presente modello deve essere utilizzato qualora il beneficio economico è richiesto ai sostituti d’imposta di cui agli articoli 23 e 29 del DPR del 29 settembre 1973 numero 600, presso cui il richiedente presta attività di lavoro dipendente o assimilato ovvero è titolare di trattamento pensionistico o di altro trattamento. Il modello può essere presentato direttamente dal contribuente o mediante gli intermediari abilitati (articolo 3, comma 3, del DPR 27 luglio 1998,n. 322 e successive modificazioni).
La richiesta dell’erogazione del beneficio deve essere presentata:

• entro il 31 gennaio 2009, qualora il beneficio sia richiesto sulla base del numero di componenti del nucleo familiare e del reddito complessivo familiare riferiti al periodo d’imposta 2007;
• entro il 31 marzo 2009, qualora il beneficio sia richiesto sulla base del numero di componenti del nucleo familiare e del reddito complessivo familiare riferiti al periodo d’imposta 2008.

Qualora il beneficio non venga erogato dai sostituti d’imposta, è necessario presentare una nuova richiesta da  indirizzare all’Agenzia delle Entrate. Se il beneficio si riferisce al periodo d’imposta 2007, la domanda va presentata utilizzando l’apposito “Modello per la richiesta all’Agenzia delle Entrate del bonus straordinario per famiglie, lavoratori, pensionati e non autosufficienza”.

Se, invece, il beneficio si riferisce al periodo d’imposta 2008, la richiesta deve essere effettuata in sede di dichiarazione dei redditi ovvero, per i soggetti esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi, deve essere effettuata utilizzando l’apposito “Modello per la richiesta all’Agenzia delle Entrate del bonus straordinario per famiglie, lavoratori, pensionati e non autosufficienza”.

EROGAZIONE DEL RIMBORSO

Il sostituto d’imposta e l’ente pensionistico erogano il beneficio spettante, rispettivamente nel mese di febbraio 2009 e marzo 2009 qualora il beneficio sia stato richiesto in dipendenza del numero di componenti del nucleo familiare e del reddito complessivo familiare riferiti al periodo d’imposta 2007, ovvero rispettivamente nei mesi di aprile 2009 e maggio 2009 se riferiti al periodo d’imposta 2008.

RESTITUZIONE DELLE SOMME

I contribuenti che, a seguito della presentazione del presente modello di richiesta, hanno ricevuto somme non spettanti, in tutto o in parte, sono tenuti a restituirle entro il termine di presentazione della prima dichiarazione dei redditi successivo alla erogazione. Per coloro che sono esonerati dall’obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi, la restituzione del beneficio non spettante, in tutto o in parte, avviene mediante versamento effettuato
con il modello F24 entro i medesimi termini.

REPERIBILITÀ DEL MODELLO

Il presente modello e le relative istruzioni sono resi gratuitamente disponibili in formato elettronico e possono essere prelevati presso il sito dell’Agenzia delle Entrate (AdE). Il modello può essere stampato in bianco e nero.

DATI DEL RICHIEDENTE

Vanno indicati il codice fiscale, il cognome, il nome e gli altri dati relativi al sesso, alla data e al luogo di nascita.

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

Al fine di poter fruire del beneficio previsto, il richiedente è tenuto a sottoscrivere, ai sensi dell’articolo 47 del DPR 28 dicembre 2000, numero 445, una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con cui attesta:

• il possesso dei requisiti previsti al comma 1 dell’articolo 1 del decreto legge del 29 novembre
2008 numero 185;
• la composizione del proprio nucleo familiare e il reddito complessivo di ciascun componente;
• di trovarsi in una delle condizioni individuate nelle lettere da a) a g) prestampate nel
modello per la richiesta del bonus;
• la scelta del periodo d’imposta 2007 o 2008.

Possesso dei requisiti

Per poter richiedere il beneficio economico devono sussistere, nell’anno 2008, i requisiti previsti dal comma 1, dell’articolo 1 del decreto legge 29 novembre 2008, numero 185. A tal fine, il richiedente attesta di essere residente in Italia e che i componenti del nucleo familiare hanno conseguito nell’anno 2008 esclusivamente i seguenti redditi:

– lavoro dipendente, assimilati e pensione;
– fondiari per un ammontare complessivo riferito al nucleo familiare non superiore a 2.500,00 euro;
– derivanti da attività commerciali e di lavoro autonomo non esercitate abitualmente percepiti dai soggetti a carico del richiedente ovvero dal coniuge non a carico.

Composizione del nucleo familiare

Indicare i dati relativi al nucleo familiare. In particolare, per ciascun familiare, compilare un distinto rigo, indicando:

• la lettera che individua la relazione di parentela con il familiare: C per coniuge, F per figlio e A per altro familiare;
• il codice fiscale del familiare a carico. Il codice fiscale del coniuge deve essere sempre indicato anche se non fiscalmente a carico. Si precisa inoltre che i codici fiscali dei componenti il nucleo familiare devono essere indicati anche nel caso in cui non hanno reddito;
• il proprio reddito complessivo. Il reddito complessivo è dato dalla somma degli importi indicati nei punti 1 e/o 2 del CUD 2008 o del CUD 2009, a seconda del periodo d’imposta preso in considerazione, aumentato del reddito derivante dal possesso di terreni e fabbricati compresa la rendita dell’abitazione principale e delle relative pertinenze. Riguardo i redditi derivanti da attività commerciali e di lavoro autonomo non esercitati abitualmente, l’importo da indicare può essere desunto dalla relativa certificazione.

Per il dichiarante è richiesta solo l’indicazione del reddito complessivo.

Nel rigo “Totale redditi riferiti al nucleo familiare” deve essere indicata la somma dei redditi complessivi di tutti i componenti il nucleo familiare.

Si ricorda che sono considerati fiscalmente a carico i familiari che abbiano posseduto, nell’anno preso a riferimento per l’attribuzione del beneficio, un reddito complessivo non superiore a euro 2.840,51, al lordo degli oneri deducibili.

Qualora il numero dei familiari componenti il nucleo familiare sia superiore ai righi disponibili, va utilizzato un altro modulo del modello, compilando unicamente la presente sezione avendo cura di indicare il progressivo modulo nella casella “Mod. N” posta in alto a destra del modello. In tal caso il “totale redditi riferiti al nucleo familiare” deve essere indicato nel primo foglio utilizzato (Mod. N. 1).

Reddito complessivo familiare

Barrare la casella corrispondente alla condizione nella quale il richiedente si trova in base al nucleo familiare ed al reddito complessivo. Per verificare il beneficio spettante si rinvia alle indicazioni contenute nel paragrafo relativo alla “Misura del beneficio”.

ATTENZIONE Si precisa che nel caso in cui all’interno dei componenti il nucleo familiare siano presenti figli a carico portatori di handicap ai sensi dell’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, numero 104, deve essere barrata la condizione di cui alla lettera g) del modello di richiesta del beneficio, a condizione che il reddito non sia superiore a 35.000,00 euro.

Indicazione del periodo d’imposta

Barrare la casella corrispondente al periodo d’imposta a cui fanno riferimento i dati relativi alla composizione del nucleo familiare e del reddito complessivo familiare.

DATA E FIRMA

Inserire la data di presentazione della richiesta e la firma del richiedente.

La dichiarazione deve essere sottoscritta a pena di nullità.
Si fa presente che il rilascio di dichiarazioni mendaci comporta per il firmatario responsabilità anche penali e la conseguente decadenza dai benefici concessi, ai sensi degli articoli 75 e 76 del nominato DPR numero 445 del 2000.

COORDINATE DEL CONTO CORRENTE (BANCARIO O POSTALE) E MODALITÀ DI EROGAZIONE DEL RIMBORSO

Le somme spettanti possono essere erogate mediante accredito nel conto corrente intestato al richiedente.

A tal fine il richiedente deve indicare il corrispondente codice IBAN, composto da 27 caratteri, che può essere richiesto al proprio istituto o desunto dall’estratto conto che periodicamente le banche inviano ai propri clienti.

In assenza dei dati relativi al conto corrente bancario o postale si procederà tramite invio al domicilio dell’interessato di un modulo per la riscossione in contanti presso un qualsiasi ufficio postale.

IMPEGNO ALLA PRESENTAZIONE TELEMATICA

Il riquadro deve essere compilato e sottoscritto dall’intermediario che trasmette l’istanza in via telematica.

L’intermediario deve riportare:

• il proprio codice fiscale;
• se si tratta di CAF, il proprio numero di iscrizione all’albo;
• la data (giorno, mese e anno) di assunzione dell’impegno a trasmettere l’istanza.

12 Gennaio 2009 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

730 precompilato e Bonus Irpef - I calcoli dell'Agenzia delle Entrate sono errati?
Reddito da lavoro dipendente 10 mila e 151 euro, giorni lavorati 300, ritenute Irpef 634, Bonus Irpef erogato 808, spese sanitarie 346. L'Agenzia delle Entrate calcola: Imposta lorda 2.335, detrazione lavoro dipendente 1465, detrazione oneri 41; imposta netta 829 meno 634 ritenute effettuate, totale imposta netta 195 euro, alla quale aggiunge euro 19 restituzione bonus non dovuto, più 125 addizionale regionale irpef, più 41 addizionale comunale più 12 euro acconto add. comunale; Totale da pagare 380 euro giugno e 195 euro a novembre. Ora il mio dubbio sul calcolo è principalmente sul Bonus irpef, ma questo non doveva andare a ...

Cartella Agenzia delle Entrate per restituzione bonus Renzi
Ricevuta cartella dell'Agenzia delle Entrate in seguito a controllo del Modello Redditi 2016 con i seguenti codici tributi 4001, 4105, 4110, 9364, 9366, 9365, 385A, 386A, 387A relativi ad omessi/ritardati/carenti pagamenti di Irpef persone fisiche (Bonus Renzi),Irpef comunali, Irpef regionali ed enti locali-autotassazione per un totale di 1754 euro. Ora, so bene che il Bonus Renzi va restituito se non dovuto e mio marito, avendo cambiato lavoro si è ritrovato per quell'anno con due certificazioni uniche ed ha sforato il limite, ma si trattava di 945 euro, il resto è dovuto alle sanzioni (euro 500 circa che considero ingiuste in ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su autocertificazione per la richiesta del "bonus famiglia" modello "agenzia delle entrate". Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 22 Luglio 2010 at 09:33

    o presentato la domanda nel 2007 e non o ancora preso il bonus lo perso!

    • cocco bill 22 Luglio 2010 at 11:12

      A questo punto l’unica cosa da fare è chiedere assistenza ad un CAF per ottenere informazioni certe dall’Agenzia delle Entrate.

  • giovanni 6 Gennaio 2010 at 00:19

    quando possiamo erogare il bonus avendo fatto iscrizione marzo 2009

    • iride baldoncini 18 Marzo 2010 at 18:44

      ho presentato domanda nel nel 2009 ed ancora nn ho preso il bonus
      dove posso kiedere…?

  • angela 22 Dicembre 2009 at 09:45

    questo bonus famiglia non ha tutelato coloro che hanno perso il lavoro in quanto liquidato immediatamente a chi ha ancora un occupazione.E gli altri? Ancora in attesa.SARA’ UN NATALE FANTASTICO.

  • giuseppe 22 Novembre 2009 at 13:58

    quando mi arrivera’il bonus famiglia avendo fatto richiesta all’agenzia delle entrate con la dichiarazione dei redditi del 2008?,l’agenzia delle entrate mi ha detto che ancora non si sa niente

  • chicca 22 Giugno 2009 at 14:15

    in Lombardia il bonus famiglia dello stato non è ancora stato liquidato dall’Agenzia delle Entrate.

    Altro che campa cavallo!

  • Gino 21 Maggio 2009 at 16:14

    io sto in campania ed ho fatto richiesta del bonus straordinario in riferimento all’anno d’imposta 2007 direttamente all’agenzia delle entrate. Devo avere 1000 euro perchè ho un figlio disabile, secondo Voi quando aspetterò ancora?

  • giorgio stanca 21 Maggio 2009 at 12:11

    Il piano anti-crisi della regione Lombardia prevede un bonus per famiglie con non meno di tre figli, uno dei quali deve essere al di sotto dei 6 anni.

    Per ottenere il bonus è necessario rivolgersi alla propria ASL di competenza e compilare una serie di moduli. Sono state selezionate circa 15.400 famiglie in tutta la Lombardia.

    Il presidente Roberto Formigoni, in una breve cerimonia simbolica, a palazzo Pirelli, ha consegnato a una ventina di famiglie il primo assegno. Il bonus prevede tre rate quadrimestrali di 500 euro l’una.

  • weblog admin 21 Maggio 2009 at 12:10

    LOMBARDIA/BONUS FAMIGLIA: AL VIA EROGAZIONE 15 MILA ASSEGNI

    Famiglie italiane e straniere che hanno da tre a otto figli, alcuni piccoli, altri piccolissimi, altri, due per la precisione, che devono ancora nascere. Sono i 20 rappresentanti delle 15.333 famiglie, circa meta’ italiane e meta’ straniere, (7.739 italiane, 7.594 straniere) beneficiarie del ”Buono famiglia”, erogato a partire da oggi ai nuclei a basso reddito con almeno tre figli residenti in Lombardia. In realta’ tutto era pronto un mese fa, ma i ricorsi pendenti al Tar hanno provocato un mese circa di ritardo. Al grattacielo Pirelli il presidente di Regione Lombardia, Roberto Formigoni, e l’assessore alla Famiglia e Solidarieta’ sociale, Giulio Boscagli, oggi hanno infatti consegnato la prima tranche di 500 euro dei 1.500 euro annui.

    ”Abbiamo voluto portare i bambini e le loro famiglie in questo luogo di lavoro – ha detto Formigoni – per ringraziare direttamente le famiglie di avere messo al mondo questi figli. La nascita di un figlio e’ un gesto di grande responsabilita’ e apre una nuova speranza per tutti”. Per il governatore lombardo, ”si tratta di una misura straordinaria per aiutare i nuclei famigliari che vivono in Lombardia ad affrontare una situazione economica che si prospetta piu’ difficile di quella degli anni passati, un momento nel quale si sta diffondendo sempre di piu’ una situazione di impoverimento generale”. Le domande per il ”Buono Famiglia” sono state presentate presso le Asl a partire dal 16 febbraio fino al 15 marzo. Ora e’ stato completato l’esame delle richieste: per soddisfarle tutte la Regione ha integrato lo stanziamento iniziale di 20 milioni con ulteriori 3 milioni. Le famiglie aventi diritto hanno un Indicatore della Situazione Reddituale, riferito ai redditi percepiti da tutti i componenti della famiglia nel 2007 (dichiarazione 2008), non superiore a 10 mila euro. Il calcolo dell’Isr e’ fatto tenendo conto di piu’ elementi: il numero dei componenti della famiglia; il reddito complessivo, eventualmente ridotto del canone annuale di locazione dell’abitazione di residenza, e altre caratteristiche (la presenza di persone con handicap o invalidita’, famiglie con un solo genitore o con entrambi genitori che lavorano). In base a questi parametri 10.000 euro ISR corrispondono, per esempio, a un reddito annuale di 28.500 euro per una genitore solo con tre figli o per una coppia, sempre con tre figli, ma nella quale solo uno dei genitori lavora; oppure ai 37.500 euro di una famiglia con 4 figli nella quale entrambi i genitori lavorano, e cosi’ via.

  • Gino 21 Maggio 2009 at 12:05

    …..e l’Agenzia delle entrate quando eroga il bonus?

    • weblog admin 21 Maggio 2009 at 12:13

      Lo Stato ha già iniziato da tempo.

      In Lombardia Formigoni ha distribuito ieri i primi bonus regionali.

  • c0cc0bill 4 Febbraio 2009 at 18:12

    1) Fanno parte del nucleo familiare:

    * il richiedente;
    * il coniuge non legalmente ed effettivamente separato, anche se fiscalmente non a carico;
    * i figli, compresi i figli naturali riconosciuti, i figli adottivi e gli affidati o affiliati;
    * ogni altra persona indicata nell’art. 433 del c.c. che conviva con il contribuente o percepisca assegni alimentari non risultanti da provvedimenti dell’autorità giudiziaria.

    2) Il bonus di 1000 euro spetta al nucleo familiare con componenti portatori di handicap, per i quali ricorrono le condizioni previste dall’articolo 12, comma 1, del Tuir, con un reddito complessivo familiare non superiore a trentacinquemila euro.

  • Anonimo 4 Febbraio 2009 at 17:46

    se il portatore di handicap è il richiedente del bonus

  • anna maria 3 Febbraio 2009 at 23:08

    se si é titolari di un conto corrente bancario, si ha diritto al bonus ? Grazie

    • c0cc0bill 4 Febbraio 2009 at 07:46

      la titolarità di un conto corrente non ha rilevanza per l’eventuale diritto al bonus

    • angela 22 Dicembre 2009 at 09:51

      Questo Bonus è una SOLA. HA tutelato solo chi ha ancora un occupazione, rimborso immediato.Chi ha perso il lavoro che fa? aspetta ancora.

      AUGURI DI BUON NATALE ( FORSE )