Mantenimento » Si ad assegno divorzile se ex marito fa carriera ed ex moglie no

Mantenimento post divorzio: Si ad assegno se ex marito fa più carriera dell’ex moglie » Sentenza Cassazione

Sì all’assegno di mantenimento in favore della moglie se l’ex marito fa carriera e lei no.

Questo importante concetto è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 23080/13, ha sancito che: È legittimo l’assegno di mantenimento alla moglie se il marito avanza professionalmente incrementando il reddito nonostante il coniuge debole abbia ereditato dai genitori alcuni immobili.

A parere degli Ermellini, pertanto,è legittimo l’assegno di mantenimento alla moglie se il marito avanza professionalmente incrementando il reddito. Non importa, a tal fine, se il coniuge debole abbia ereditato dai genitori alcuni immobili.

Mantenimento post divorzio: Si ad assegno se ex marito fa più carriera dell’ex moglie » Considerazioni

Già altre volte, i giudici di piazza Cavuour, in tema di mantenimento, avevano applicato il principio secondo cui, per l’ex coniuge più debole economicamente, andava tenuto lo stesso tenore di vita matrimoniale.

Anche dalla sentenza in esame si evince, infatti, che l’assegno divorzile corrisposto al coniuge bisognoso serve, appunto, a garantirgli la medesima qualità della vita che aveva da sposato.

Non conta che, nonostante la rottura del matrimonio, entrambi i coniugi siano autosufficienti, né che il coniuge più agiato economicamente si sia risposato.

La cosa rilevante è la disuguaglianza reddituale tra i due ex coniugi.

Se esiste, deve essere colmata con la corresponsione dell’assegno divorzile al soggettomeno ricco.

Mantenimento post divorzio: Si ad assegno se ex marito fa più carriera dell’ex moglie » La fattispecie

La prima sezione civile, in linea con la Corte veneziana, ha ritenuto legittimo l’assegno valutando l’incremento di reddito del marito a seguito di un avanzamento in ambito lavorativo e la mancanza di una progredita carriera della moglie, nonostante fosse una professionista.

La Suprema corte ha ritenuto congruo il giudizio della Corte di merito che non ha escluso o ridotto ulteriormente l’obbligo di contribuzione sulla base di una divergente situazione finanziaria nonostante l’incremento patrimoniale e reddituale goduto dalla donna che ha ereditato dal padre alcuni immobili e la situazione economica dell’uomo dovuta al secondo matrimonio.

Insomma, gli incrementi di reddito derivanti dal progredire della carriera professionale dell’obbligato configurano la legittimità dell’assegno divorzile.

L’ex consorte deve mantenere il tenore di vita goduto in costanza di matrimonio.

21 Ottobre 2013 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Separazione » Ex moglie aveva bruciato carriera per dedicarsi alla famiglia: Sì ad un super assegno di mantenimento
Separazione e divorzio: una carriera bruciata per dedicarsi alla famiglia. Concesso un assegno di mantenimento faraonico all'ex moglie. Riconosciuto l'assegno di mantenimento di € 4.000,00 in favore della ex coniuge poiché quest’ultima non aveva i mezzi per mantenere il tenore di vita goduto durante il matrimonio né la possibilità di procurarseli da sola. Ciò, perché aveva interrotto l'attività lavorativa durante il matrimonio e non era possibile un suo reinserimento nel mondo del lavoro, né vi era prova che avesse rifiutato offerte di lavoro. Il tenore di vita coniugale era molto alto, tenuto conto del notevole patrimonio immobiliare e delle liquidità ...

Separazione » No all'assegno divorzile se ex moglie si può permettere il mercedes
No all'assegno divorzile se l'ex coniuge si può permettere un'auto di lusso in leasing. L'uso di una vettura di grossa cilindrata è indicativo di una situazione di benessere. Infatti, non spetta l'assegno divorzile all'ex coniuge che acquisisca in leasing un'autovettura di lusso. L'uso di un'auto di grossa cilindrata dimostra l'insussistenza di una situazione reddituale che legittimi l'assegno divorzile al coniuge che ne fa richiesta. Questo è, riassunto brevemente, l'orientamento espresso dalla Suprema Corte con sentenza 129/2013. Assegno divorzile negato alla moglie che acquista auto di lusso: Considerazioni sulla pronuncia Niente assegno divorzile alla ex moglie che sostiene di non potersi ...

Al marito obbligato non basta corrispondere l'assegno di mantenimento - deve pagare anche le rate del mutuo della casa assegnata alla moglie separata
Il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare prevede la punibilità di chiunque faccia mancare i mezzi di sussistenza ai figli minori o al coniuge, ancorché legalmente separato non per sua colpa. Tra i mezzi di sussistenza va ricompreso anche l'alloggio familiare, e quindi si rende responsabile del reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare il coniuge che, con la sua condotta, rischia di far perdere alla moglie e ai figli la casa in cui essi vivono. In altre parole, la casa di abitazione rientra tra i mezzi di sussistenza che devono essere assicurati al coniuge (anche separato ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mantenimento » si ad assegno divorzile se ex marito fa carriera ed ex moglie no. Clicca qui.

Stai leggendo Mantenimento » Si ad assegno divorzile se ex marito fa carriera ed ex moglie no Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 21 Ottobre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)