Al via la rottamazione del vibratore - In Austria bonus di 40 euro a chi decide di aderire all'iniziativa

Nel disperato tentativo di rilanciare i consumi in piena crisi economica, arriva la rottamazione anche per i vibratori.

La Schwabe, una ditta austriaca specializzata nella vendita on line di oggetti erotici, ha deciso di offrire ai suoi clienti uno sconto fino a 40 euro per chi rottama il vecchio strumento di piacere.

Ecco l'immagine della home page tradotta da Google:

home-page-tradotta

L'originale iniziativa è diretta soprattutto alla Germania e agli otto milioni di tedeschi che possiedono un vibratore. «Vogliamo far ripartire l'economia, serve un ambiente positivo almeno in camera da letto», ha spiegato a «Die Welt» Thomas Schwabe, che ha detto di essersi ispirato agli incentivi per il settore automobilistico varati dal governo Merkel.

In Germania ci sono centri commerciali che già `rottamanò scarpe e servizi di pesate. Per chiunque desiderasse rinnovare il suo vibratore il procedimento è semplice: basta inviare all'azienda una richiesta (il modulo è scaricabile su Internet) e, una volta ottenuta risposta, si spedisce il vecchio vibratore e si attende di ricevere quello nuovo, che si pagherà a prezzo scontato.

Rinnovare il ´parco-vibratorì fa anche bene alla salute, fanno notare alla Schwabe:  in Germania ce ne sono ancora mezzo milione in Pvc, materiale ora proibito. La Schwabe si augura anche che l'iniziativa contribuisca a rilanciare l'economia nazionale dal momento che sarebbe utile su scala nazionale ed in tempi di crisi,  rendere piacevole  l'atmosfera almeno in camera da letto.

17 febbraio 2009 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Link a ritroso

Stai leggendo Al via la rottamazione del vibratore - In Austria bonus di 40 euro a chi decide di aderire all'iniziativa Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 17 febbraio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • Simone 7 maggio 2009 at 17:30

    Interessante davvero come iniziativa, soprattutto considerando che la maggior parte delle persone che hanno un vibratore non sanno nulla della qualità e neppure dei materiali usati per realizzarli… e questo è molto grave dato che, tranne poche eccezioni, sono fatti con componenti nocivi o tossici, così come mostrato anche in una nota trasmissione televisiva. Purtroppo c’è poca serietà da parte di chi vende (si guarda solo al guadagno), ma spesso anche superficialità da parte di chi acquista (si guarda al risparmio senza conoscere le caratteristiche reali).

    La marca tedesca di “Love Toys” o vibratori a cui si fa riferimento in questo articolo la potete vedere per intero sul sito funfactoryitalia.

    La totale garanzia di qualità la trovate solo qui direttamente dall’importatore ufficiale. Ve lo assicura chi da anni opera in questo settore. Augurandomi di avere fornito una dritta interessante e magari un qualche spunto di informazione e riflessione in più… UN INVITO AL CONSUMO RESPONSABILE E ATTENTO

  • mary 7 maggio 2009 at 16:01

    niente male come idea! :-)
    Ma si può fare anche dall’Italia?

    • weblog admin 7 maggio 2009 at 16:07

      Via internet senz’altro :-))

      Comunque, se clicchi sull’immagine del “campionario” presente nell’articolo ti trovi subito nel sito in questione…

  • aramis 17 febbraio 2009 at 18:24

    Simpatica!

  • Anonimo 17 febbraio 2009 at 18:07

    rilanciare i consumi ed allo stesso tmepo tenere un occhio alla salute.ottima iniziativa

  • Anonimo 17 febbraio 2009 at 18:05

    Rilanciare l’economia interna e rinnovare il parco vibratori…ottima iniziativa




Cerca