Agenzia delle Entrate ed indagini bancarie » Ecco la nuova circolare

L’Agenzia delle entrate, con la circolare del 6 agosto 2014, ha esplicato le modalità con cui verranno eseguite le prossime indagini sui conti correnti bancari dei contribuenti.

Le indagini dell’agenzia delle entrate si prospettano davvero invadenti, a causa di un perverso meccanismo di prove che posiziona il contribuente in un vera e propria trappola.

Le verifiche, infatti, non riguarderanno solo l’ultimo periodo di imposta, ma, al contrario, partiranno dall’ormai lontano 2012: ciò renderà non facile ricostruire le ragioni delle singole movimentazioni sul conto e poter, così, controbattere alle richieste di chiarimenti dell’amministrazione fiscale.

Come accennato, nella circolare viene precisato che le indagini saranno innanzitutto indirizzate all’anno 2012. Ma non finisce qui: l’agenzia delle entrate mette le mani davanti e si riserva la possibilità di prendere in considerazioni anche le annualità precedenti al 2012.

La circostanza avrà di certo specifiche conseguenze: infatti, più l’esercizio è lontano nel tempo, più è difficile per il contribuente ricordarsi o fornire le controprove.

Ciò, perché, mentre per gli altri accertamenti servono giustificazioni sommarie, per le indagini bancarie il contribuente deve fornire una prova per ogni singolo movimento in entrata ed in uscita.

Il problema, dunque, si complica più per i piccoli evasori: chi effettua grosse movimentazioni di denaro è solito conservare le pezze giustificative delle operazioni o, quanto meno, procurarsi le prove dei propri pagamenti e prelievi, mentre, di solito, il piccolo contribuente non usa precauzioni di questo tipo e, con una certa ingenuità, opera sul proprio conto senza preoccuparsi degli eventuali successivi accertamenti.

La Corte di Cassazione, sul tema, infatti, afferma che la prova deve essere analitica e non generica, con indicazione di ogni movimento bancario, per dimostrare come ciascuna operazione è estranea a fatti imponibili.

Pertanto, il contribuente deve così fornire affermazioni non apodittiche, generiche, sommarie e cumulative.

Per quanto concerne, invece, i prelevamenti di carattere personale difficilmente è conservata la copia dell’assegno o della fattura o altra documentazione che dopo tre o quattro anni potrebbe essere richiesta dall’agenzia delle entrate ai fini dell’accertamento.

Il consumatore si preoccupa, si solito, della conservazione della documentazione di acquisto più ai fini della garanzia del produttore che non per dormire sonni tranquilli con l’agenzia delle entrate.

Questo colpo basso ai piccoli contribuenti potrebbe in parte essere attenuato dai buoni propositi contenuti nella circolare dell’agenzia delle entrate: infatti, nel documento vengono esortati gli uffici territoriali a utilizzare le indagini finanziarie solo dopo aver riscontrato significative anomalie rispetto alla dichiarazione presentata.

Non dovranno, dunque, essere richieste spiegazioni su importi poco rilevanti e chiaramente riferibili alle normali spese personali e/o familiari.

A rendere però troppo generica questa promessa e suscettibile di interpretazioni personali da parte dei singoli uffici vi è che la circolare non indica un limite numerico dove specificare cosa intendersi con significative anomalie: insomma, il tutto lascia spazio a notevoli perplessità.

Capita spesso, infatti, che i contribuenti sottoposti all’accertamento vengano chiamatia giustificare importi di poche centinaia di euro, per i quali è risultato ovviamente impossibile assolvere l’onere probatorio.

L’ennesimo pasticcio all’italiana.

1 Settembre 2014 · Stefano Iambrenghi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Accertamento fiscale » Occhio ai consumi di energia: l'Agenzia delle Entrate può servirsene
Accertamento fiscale: i consumi di energia in soccorso dell'Agenzia delle Entrate. Il fisco può ricorrere alle cosiddette presunzioni supersemplici per accertare l'esistenza di ricavi superiori a quelli contabilizzati dal contribuente. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20897/14. Non è illegittimo presumere maggiori ricavi non dichiarati sulla base dei consumi di energia elettrica: l'accertamento fiscale induttivo operato dall'Amministrazione nei confronti di una ditta, per la Cassazione, non merita di essere dichiarato illegittimo perché il contribuente è incapace di fornire la prova dei fatti a fondamento della pretesa tributaria. A parere degli Ermellini, infatti, in tema di ...

Agenzia delle Entrate » Per i rimborsi fiscali i contribuenti sono invitati a fornire l'IBAN
I contribuenti interessati a ricevere i rimborsi fiscali da parte dell'Agenzia delle Entrate e in particolare i contribuenti che nel 2014 non hanno più un proprio sostituto di imposta sono stati invitati dalla massima autorità fiscale a fornire le proprie coordinate bancarie al fine di ricevere l'accredito di quanto dovuto in maniera più veloce. Per velocizzare l'erogazione dei rimborsi fiscali, l'Agenzia delle Entrate sta chiedendo ai contribuenti, attraverso la posta elettronica certificata (Pec) o la posta ordinaria, di comunicare il proprio codice Iban per ricevere le somme direttamente sul conto corrente. Lo rende noto l'Agenzia delle Entrate in un comunicato. ...

Legittimi ed efficaci gli avvisi di accertamento sottoscritti dai funzionari dell'Agenzia delle entrate cui è stato conferito l'incarico dirigenziale senza concorso pubblico
La Corte di cassazione mette la parola fine alla vicenda degli avvisi di accertamento fiscali sottoscritti dai funzionari dell'Agenzia delle entrate, cui era stato conferito un incarico dirigenziale senza concorso pubblico. I contribuenti che hanno fatto ricorso, chiedendo l'annullamento delle cartelle esattoriali originate da quegli avvisi di accertamento, dovranno pagare adesso anche gli onorari degli azzeccagarbugli da cui sono stati indotti ad intraprendere un contenzioso giudiziale dall'esito quantomai scontato. Un epilogo analogo a quello che vide confermare la validità delle cartelle esattoriali mute emesse prima del giugno 2008 (le cartelle esattoriali prive della firma del responsabile del procedimento). Già con ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su agenzia delle entrate ed indagini bancarie » ecco la nuova circolare. Clicca qui.

Stai leggendo Agenzia delle Entrate ed indagini bancarie » Ecco la nuova circolare Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 1 Settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)