Accertamenti fiscali - procedura e garanzie per il contribuente

In caso di verifiche fiscali, il contribuente ha diritto di farsi assistere e di ricorrere al Garante del contribuente a fronte di scorrettezze o violazioni di legge da parte degli organi accertatori.

La Legge numero 212/2000 (“Statuto del contribuente”) prevede all’articolo 12 le modalità con cui possono essere effettuati gli accessi, le ispezioni e le verifiche fiscali nei locali del contribuente.

La norma stabilisce alcune importanti garanzie a tutela del cittadino.

Diritto all’informazione sull’accertamento fiscale

Il contribuente ha diritto di essere informato delle ragioni che giustificano la verifica e dell’oggetto che la riguarda.

Occorre tener presente che tutti gli accessi, ispezioni e verifiche fiscali nei locali destinati all’esercizio di attività commerciali, industriali, agricole, artistiche o professionali possono essere effettuati sulla base di esigenze effettive di indagine e controllo.

Modalità e limiti di tempo alla permanenza nei locali del contribuente durante l’accertamento fiscale

Gli accessi, le ispezioni e le verifiche fiscali svolgono, salvo casi eccezionali e urgenti adeguatamente documentati, durante l’orario ordinario di esercizio delle attività e con modalità tali da arrecare la minore turbativa possibile allo svolgimento delle attività stesse nonchè alle relazioni commerciali o professionali del contribuente.

La permanenza degli operatori civili o militari dell’amministrazione finanziaria, dovuta a verifiche presso la sede del contribuente, non può superare i trenta giorni lavorativi, prorogabili per ulteriori trenta giorni nei casi di particolare complessità dell’indagine, che devono essere individuati e motivati dal dirigente dell’ufficio.

Gli operatori possono ritornare nella sede del contribuente, decorso tale periodo, per esaminare le osservazioni e le richieste eventualmente presentate dal contribuente dopo la conclusione delle operazioni di verifica ovvero, previo assenso motivato del dirigente dell’ufficio, per specifiche ragioni.

Diritto alla difesa dall’accertamento fiscale

Il contribuente ha inoltre il diritto di farsi assistere da un professionista abilitato alla difesa dinanzi agli organi di giustizia tributaria.

Può anche chiedere che l’esame dei documenti amministrativi e contabili venga effettuato nell’ufficio dei verificatori o presso il professionista che lo assiste o rappresenta.

Il contribuente ha inoltre diritto a far annotare le proprie osservazioni e quelle dell’eventuale professionista che lo assiste nel verbale di verifica.

Dopo il rilascio della copia del verbale di chiusura delle operazioni da parte degli organi di controllo, il contribuente ha la facoltà di comunicare entro sessanta giorni osservazioni e richieste che devono essere valutate dagli uffici impositori.

L’avviso di accertamento non può essere emanato prima della scadenza del predetto termine, salvo casi di particolare e motivata urgenza.

Qualora l’avviso di accertamento venga emanato prima dei sessanta giorni, senza che ricorra un’ipotesi di urgenza, lo stesso potrà essere annullato su ricorso del contribuente (in tal senso, Cassazione, Sezioni Unite, sentenza del 29 luglio 2013).

Ricorso al Garante del contribuente sull’accertamento fiscale

Il contribuente, nel caso ritenga che i verificatori procedanocon modalità non conformi alla legge, può rivolgersi anche al Garante del contribuente, istituito presso ogni direzione regionale delle entrate e direzione delle entrate delle province autonome.

In particolare il contribuente potrà inviare segnalazioni scritte al Garante, lamentando disfunzioni, irregolarità, scorrettezze, prassi amministrative anomale o irragionevoli o qualunque altro comportamento suscettibile di incrinare il rapporto di fiducia tra cittadini e amministrazione finanziaria (ad esempio, potrà segnalare il mancato rispetto dei termini per il rimborso dell’imposta da parte dell’Agenzia delle entrate).

Il Garante del contribuente, a seguito della segnalazione ricevuta, potrà rivolgere richieste di documenti o chiarimenti agli uffici competenti.

Questi ultimi hanno l’obbligo di rispondere entro trenta giorni, attivando le opportune procedure di autotutela nei confronti di atti amministrativi di accertamento o di riscossione notificati al contribuente.

Il contribuente verrà informato sull’esito dell’attività svolta, attraverso una comunicazione inviata dallo stesso Garante.

26 Ottobre 2013 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Avviso di accertamento - illegittimo se emesso prima di 60 giorni dalla verifica fiscale
All'esito della verifica fiscale, ci sono 60 giorni di tempo per il contribuente per presentare osservazioni e richieste; l'avviso di accertamento emesso prima dei 60 giorni è illegittimo. La Cassazione a Sezioni Unite, con sentenza del 29 luglio 2013, ha ribadito il principio secondo cui l'avviso di accertamento non può essere emanato prima di sessanta giorni dal compimento della verifica fiscale (e dalla consegna del relativo verbale al contribuente). Questo perchè l'articolo 12, comma 7, della Legge numero 212/2000 ("Statuto del contribuente") prevede che il contribuente ha diritto di presentare le proprie osservazioni e richieste entro sessanta giorni dalla consegna ...

Validità dell'avviso di accertamento emesso prima del decorso di 60 giorni dal processo verbale di constatazione
La questione sottoposta all'esame delle sezioni unite civili della Corte di Cassazione consisteva nello stabilire se l'inosservanza del termine dilatorio di sessanta giorni per l'emanazione dell'avviso di accertamento - termine decorrente dal rilascio al contribuente, nei cui confronti sia stato effettuato un accesso, un'ispezione o una verifica nei locali destinati all'esercizio della propria attività (articolo 12, comma 1), della copia del processo verbale di chiusura delle operazioni - costituisca, nel silenzio della norma, una mera irregolarità sostanzialmente priva di conseguenze esterne, ovvero dia luogo, ad eccezione di casi di “particolare e motivata” urgenza, ad un vizio di legittimità dell'atto impositivo ...

No agli accertamenti fiscali per gli studenti-lavoratori » Ecco quando non vanno applicati gli studi di settore
Niente accertamenti fiscali per lo studente-lavoratore. In caso di accertamento basato sui parametri o sugli studi di settore, il contribuente può fare leva sul concomitante impegno universitario che ha sottratto tempo all'attività di lavoro autonomo. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22949/14. Per chiarire la diatriba, cominciamo dicendo che, in base agli studi di settore, il fisco presume degli standard minimi di reddito da parte di determinate categorie di contribuenti. Ad esempio, per i professionisti, dichiarare un reddito inferiore allo standard, ovvero non essere congrui fa scattare il campanellino di allarme all'Agenzia delle Entrate, la ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accertamenti fiscali - procedura e garanzie per il contribuente. Clicca qui.

Stai leggendo Accertamenti fiscali - procedura e garanzie per il contribuente Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 26 Ottobre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 14 Aprile 2018 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)