Recupero crediti e atti di citazione presso sedi di GdP non competenti

Una pratica commerciale scorretta a cui ricorrono molte società di recupero crediti

L’Autorità della concorrenza e del mercato (Agcm o Antitrust) è intervenuta per sanzionare, nuovamente, alcune pratiche commerciali scorrette, di una società di recupero crediti, non nuove ai consumatori.

Il procedimento dell'Antitrust, avviato alla luce di informazioni acquisite ai fini dell'applicazione del Codice del Consumo e di segnalazioni di diversi consumatori, va a redarguire una classica pratica commerciale scorretta, utilizzata da diverse società di recupero crediti.

Si tratta dell'inoltro, a diversi consumatori, tramite un avvocato, di atti di citazione in giudizio presso diverse sedi di Giudici di Pace, con l'indicazione fittizia della data della prima udienza, al fine di recuperare presunti crediti oggetto di contestazione, senza il rispetto del foro territorialmente competente, rappresentato da quello di residenza del consumatore e senza procedere ad alcuna iscrizione a ruolo.

A parere dell'Agcm, la pratica commerciale scorretta è particolarmente aggressiva, in quanto contraria alla diligenza professionale, ed orientata a falsare in misura apprezzabile il comportamento economico del consumatore medio cui essa è diretta.

Inoltre, la prassi, limiterebbe considerevolmente, mediante indebito condizionamento, la libertà di scelta o di comportamento del consumatore medio e, pertanto, lo porterebbe ad assumere una decisione di natura commerciale che non avrebbe, altrimenti, preso.

La citazione può avvenire solo presso il Giudice di Pace competente nel territorio del luogo di residenza o domicilio del debitore

Secondo quanto segnalato dall'Agcm, infatti, la società di recupero crediti sanzionata, come accennato, ha inoltrato su scala nazionale, atti di citazione in giudizio presso diverse sedi di Giudici di Pace non competenti per territorio, relativi a presunti crediti.

L'agenzia di recupero crediti, inoltre, non ha dato alcun riscontro all'onere della prova attribuitogli al fine di dimostrare che i consumatori sono citati:

  1. presso il foro competente, corrispondente a quello di residenza del consumatore;
  2. per crediti fondati e non prescritti, per i quali si sia poi concretamente proceduto ad iscrivere a ruolo la causa.

Interrogata dall'Antitrust, peraltro, la società di recupero crediti non ha depositato alcuna memoria difensiva e, pertanto, non ha fornito alcun riscontro all'attribuzione dell'incombente istruttorio dell'onere della prova.

Dunque, l'Agcm, è venuta alla conclusione che gli atti di citazione inoltrati sono idonei a esercitare, nei confronti dei destinatari, un notevole grado di pressione psicologica, suscettibile, nella sostanza, di determinare un significativo condizionamento delle scelte e dei comportamenti.

La pratica commerciale in esame appare, inoltre, non conforme al livello di diligenza professionale ragionevolmente esigibile nel caso di specie, in quanto non si è riscontrato da parte del professionista il normale grado della specifica competenza ed attenzione che ragionevolmente ci si poteva attendere, avuto riguardo alle caratteristiche dell’attività svolta.

Pertanto, per quanto spiegato sopra, ha sanzionato la società di recupero crediti per 10.000 euro.

13 dicembre 2014 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , , , , , ,

le procedure di recupero crediti - informazioni utili al debitore, procedure di recupero crediti, tutela consumatori - pratiche commerciali scorrette, clausole vessatorie e pubblicità ingannevole, servizi non richiesti, tutela debitore - difesa dalle scorrettezze

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su recupero crediti e atti di citazione presso sedi di gdp non competenti. Clicca qui.

Stai leggendo Recupero crediti e atti di citazione presso sedi di GdP non competenti Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 13 dicembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria le procedure di recupero crediti - informazioni utili al debitore Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca