Tassi di interesse usurari nei contratti di mutuo ipotecario

Come noto, i tassi di interesse sono usurari se superiori al tasso soglia rilevante per la specifica tipologia di operazione creditizia. I tassi soglia sono determinati in base alle rilevazioni trimestrali dei tassi effettivi globali medi praticati per categorie omogenee di operazioni e pubblicati nella Gazzetta Ufficiale.

Per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate all'erogazione del credito.

In relazione alla citata disciplina, l'ABF si è pronunciato sull'inclusione, nel calcolo del tasso effettivo globale (TEG), delle spese assicurative sostenute contestualmente alla concessione del credito.

Le Istruzioni per la rilevazione dei tassi esplicitano che nel calcolo del TEG sono incluse, tra l'altro, le spese per assicurazioni o garanzie intese ad assicurare il rimborso totale o parziale del credito ovvero a tutelare altrimenti i diritti del creditore (ad es. polizze per furto e incendio sui beni concessi in leasing o in ipoteca), se la conclusione del contratto avente a oggetto il servizio assicurativo è contestuale alla concessione del finanziamento ovvero obbligatoria per ottenere il credito o per ottenerlo alle condizioni contrattuali offerte, indipendentemente dal fatto che la polizza venga stipulata per il tramite del finanziatore o direttamente dal cliente.

L'Arbitro ha affermato che vanno incluse nel calcolo del TEG anche le assicurazioni aggiuntive stipulate sull'automobile oggetto del finanziamento, in quanto contestuali allo stesso e parti integranti delle relative condizioni economiche.

A giudizio dei Collegi, la commissione di massimo scoperto (CMS) può essere inclusa nel calcolo del TEG, per la verifica del superamento del tasso soglia, solo a far data dall'entrata in vigore della modifica normativa del 2009, che ne prevede espressamente la computabilità.

Alcune decisioni dell'Arbitro hanno riguardato la questione della cosiddetta usura sopravvenuta, ovvero le ipotesi in cui il superamento del tasso soglia sia intervenuto nel corso del rapporto di finanziamento.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , , , , , , , , , , , ,

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tassi di interesse usurari nei contratti di mutuo ipotecario. Clicca qui.

Stai leggendo Tassi di interesse usurari nei contratti di mutuo ipotecario Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 19 dicembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria contratti di prestito e di garanzia Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca