L'usura presunta - di cosa si tratta

La definizione di "usura presunta", proposta da alcuni autori, in modo ambiguo, riferendosi alcuni alla prima altri alla seconda fattisecie, non mi sembra corretta, in quanto adombra una (inesistente) possibilità di poter fornire una prova contraria.

La sanzione penale prevista per il reato di usura semplice è "la reclusione da due a dieci anni e la multa da euro 5.000 a euro 30.000″; alcune circostanze aggravanti specifiche sono: 1) agire nell'esercizio di un'attività bancaria, 2) richiedere in garanzia proprietà immobiliari, 3) agire in danno di chi si trova in stato di bisogno, 4) agire in danno di chi svolge attività imprenditoriale/artigianale, cui possono eventualmente aggiungersil'aggravante generica della5) continuazione (più violazioni della stessa disposizione) e quelle comuni del 6) danno rilevante, 7) aggravamento delle conseguenze, 8) violazione dei doveri del servizio pubblico, 9) abuso delle relazioni d'ufficio.

Articolo 1815, secondo comma, del codice civile : Se sono convenuti interessi usurari [1) superiori al limite stabilito dalla legge (tasso soglia trimestrale) o 2) che risultano comunque sproporzionati rispetto alle prestazioni di denaro (al capitale) ... quando chi li ha dati o promessi si trova in condizioni di difficoltà economica o finanziaria], la clausola è nulla e non sono dovuti interessi.

L'usura è un reato che, a breve, dovrebbe essere inserito tra quelli che comportano la responsabilità (penale) degli enti, ai sensi del D. Lgs. 8 giugno 2001, numero 231, visto che si tratta di un reato normalmente imputabile ad un'impresa societaria (persona giuridica), più che ad una persona fisica e la cui gravità sociale è sicuramente paragonabile alla violazione delle norme sulla sicurezza del lavoro e sul riciclaggio (anche se molti non la percepiscono ancora come tale).

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca