Carta revolving ovvero lo strozzinaggio legalizzato

... a tutte le finanziarie che propongono carte revolving

Il costo del denaro è sceso ai minimi termini, e le banche stanno facendo il pieno di soldi dello Stato (ossia nostri), per aver male amministrato quelli dei clienti. I poveri italiani si domandano se questa situazione del costo del denaro, della discesa dei costi dell'energia e del mercato meno rapace sarà compensata da una minore spesa per i servizi e per le tasse.

Albertone direbbe "manco pè gnente"! Anzi:  frutta, verdura, alimentari freschi e benzina rincarano di nuovo, e le Banche e le Finanziarie applicano spese e tassi da usura, specialmente a quei poveracci che, non arrivando alla fine del mese, ricorrono verso gli ultimi giorni alla spesa con le carte.

Naturalmente è tutta gente che ha optato per il rimborso rateale del debito, ed indovinate di quanto sono gli interessi? Sono il 1,56% mensile, equivalente ad un TAN del 18,72% ed un TAEG del 20,41%.

Non parliamo poi se con la carta si preleva in contanti dall'automatico. Minimo un addebito extra di € 3,40 per un prelievo di 40,00 € .

Poi si aggiungono le spese bancarie, calcolate ogni tre mesi, con addebiti fantasiosi e che coprono, oltre il costo di ogni singola operazione, anche un costo per l'estratto conto, un costo per la spedizione, un costo per gli sforamenti, un altro per la tenuta conto... e così via.

Si parla di incentivare i consumi, ma questo avviene solo attraverso operazioni che sono talmente onerose che gli enti che le forniscono danno grasse commissioni ai negozianti che vendono a rate (auto, elettrodomestici, elettronica, mobili, ora anche abbigliamento, ecc.), tanto che se uno accenna a voler pagare in contanti subito ne viene sconsigliato, e gli si dice che per il contante non esiste sconto. Insomma il colmo!

A me sembra che tutto questo sia solo strozzinaggio autorizzato. Perchè il credito al consumo deve essere gravato da interessi doppi e tripli rispetto a quello bancario?

Occorrerebbe cominciare a mettere una bella e grossa pulce nell'orecchio dei nostri governanti, che intervengano sui tassi del credito al consumo per incentivare veramente gli acquisti, e dare così una mano a tutta l'industria.

Se chi finanzia ritiene che questa attività sia pericolosa perchè c'è troppa gente che non paga, si levi dal mercato e faccia altro. Lo Stato potrebbe intervenire con l'obbligo di una copertura assicurativa parzialmente a carico delle tre parti, ossia l'acquirente, il finanziatore e lo stato. Qualora l'acquirente non restituisca il bene, dopo che ogni tentativo di farlo pagare sia andato a vuoto incorrerà in una denuncia penale di tipo pari al furto con destrezza.

16 agosto 2013 · Chiara Nicolai

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su carta revolving ovvero lo strozzinaggio legalizzato.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • francesco 9 settembre 2010 at 21:45

    Nei giorni scorsi sono stato contattato da un impiegato della findomestic in quanto (testuali parole) “essendo io uno dei migliori clienti” ero invitato a recarmi presso la loro filiale per richiedere un finanziamento se interessato.
    Non potendo stabilire una data esatta mi riservavo di recarmi presso i loro uffici appena possibile.
    Giunto nella loro filiale e, dopo aver aspettato il mio turno, vengo fatto accomodare in uno dei loro uffici e, specificando che ero stato invitato da loro stessi, ricevo la prima sorpresa:
    Avendo in corso altri tre finanziamenti con altre finanziarie avrei dovuto estinguerne due per accedere al loro prestito assicurandomi che in tal modo non ci sarebbero stati problemi per il buon esito della pratica.
    La cosa mi sorprende parecchio in quanto come già specificato la proposta era partita da loro…allora che fanno? Chiamano a casaccio?
    Comunque aderisco alla richiesta e mi reco nelle due finanziarie dove ho in corso i finanziamenti chiedendo il conto estintivo, porto il tutto alla filiale della findomestic e sottoscrivo l'autorizzazione all'estinzione dei prestiti. Naturalmente tutto questo tra il recarmi da una parte all'altra della città e le varie code effettuate mi ha impegnato per un giorno intero.
    Dopo circa cinque giorni ricevo un messaggio sul cellulare con il quale mi comunicano che la mia pratica non è stata accettata.
    Non avendo pignoramenti ne protesti in corso, considerando che estinguendo le due rate con le altre finanziarie avrei dovuto pagare una cifra molto minore della somma dei due conti alla findomestic, (quindi accessibile alle mie portate) ed avendo perso un giorno intero dietro di loro è comprensibile il mio disappunto nei loro confronti. Prima ho telefonato ma mi hanno detto che, per questione della privacy non potevano darmi informazioni. Poi ho inviato un fax esprimendo tutta la “stima” che nutro per la loro finanziaria.
    Purtroppo la cosa non finisce qui: mi reco presso un'altra finanziaria, per l'esattezza agos e trovo la sgradita sorpresa che la richiesta di prestito alla findomestic risultava inserita nei terminali. L'impiegato dell'agos mi chiede come fosse andato l'esito della richiesta di finanziamento presso la findomestic (ma penso che già risultasse dai terminali che mi era stato rigettato) alchè spiegando che mi era stato rigettato per motivi che sconoscevo questi mi boccia la pratica senza neppure visionarla dicendo che se era stata bocciata dalla findomestic un motivo valido ci doveva essere e non potevo accedere ad un loro prestito.
    Tutto questo mi è costato tempo ed umiliazione e mi ha impedito di portare a termine i miei progetti. Se i signori della findomestic non avessero rotto l'anima invitandomi a recarmi da loro nel caso mi interessava un finanziamento in quanto “UNO DEI MIGLIORI CLIENTI” mi sarei recato presso una finanziaria con cui ho già in corso dei prestiti e sono sicuro non avrebbero fatto problemi a rinnovarmi un finanziamento. Adesso sono costretto ad aspettare un mese perché, informatomi, ho saputo che le pratiche rigettate restano inserite nei terminali per un mese.
    Ergo: ATTENTI ALLA FINDOMESTIC prima vi contatta poi vi chiude le porte in faccia e ve le fa chiudere anche dalle altre finanziarie!

    1 7 8 9