Guida in stato di ebbrezza » il trasgressore non può rifiutarsi di seguire gli agenti in commissariato se lo stesso si trova nelle vicinanze

Conducente fermato per sospetta guida in stato di ebbrezza viene invitato al Comando per il controllo con l'etilometro? Non può rifiutarsi di seguire gli agenti se la stazione si trova nelle vicinanze.

Il conducente che si oppone alla richiesta dei Carabinieri di recarsi con loro al Comando per sottoporsi all'etilometro rischia una condanna penale, a meno che la distanza tra luogo del controllo e Comando non sia davvero rilevante.

Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 42320/14.

Il conducente fermato perché sospetto del reato di guida in stato di ebbrezza può rifiutarsi di seguire gli agenti alla stazione più vicina per fare gli accertamenti con l'etilometro?

La questione non può ricevere una risposta secca: dipende dai casi.

E ciò perché, nel 2012, la Cassazione aveva assolto un conducente che si era rifiutato di seguire la pattuglia di polizia presso il relativo comando poiché quest’ultimo si trovava a una distanza notevole (circa 30 km).

Così, quando gli agenti non hanno con sé l'apparecchio dell'alcoltest e non si è verificato alcun incidente stradale, la distanza notevole può essere considerata un fattore scriminante dell'eventuale rifiuto del conducente.

Ma, fuori da questa ipotesi, per l'automobilista non vi sono scelte, salvo che poi voglia affrontare un processo penale.

A parere degli Ermellini, infatti, tutto si riduce a una mera questione di chilometri.

Se sussiste il reato o meno, dipende, dunque, dalla distanza con il commissariato.

Da notare, però che la legge non indica il chilometraggio esatto e la cui valutazione, quindi, dipende solo dalla sensibilità del singolo giudice chiamato a decidere della questione.

Nessun dubbio, quindi, sul reato, ossia il rifiuto, da parte dell'automobilista, di sottoporsi al test alcolimetrico se il Comando è sito a poca distanza dal luogo dove è stato effettuato il blocco del conducente.

13 ottobre 2014 · Gennaro Andele

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su guida in stato di ebbrezza » il trasgressore non può rifiutarsi di seguire gli agenti in commissariato se lo stesso si trova nelle vicinanze. Clicca qui.

Stai leggendo Guida in stato di ebbrezza » il trasgressore non può rifiutarsi di seguire gli agenti in commissariato se lo stesso si trova nelle vicinanze Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 13 ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 14 gennaio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca