Tutte le problematiche legate alla fornitura del gas

Fornitura del gas, tutte le problematiche: dalle bollette in ritardo, passando per i malfunzionamenti al contatore fino all'odissea per il riallaccio con un nuovo fornitore.

Obiettivo di quest’articolo è spiegare al consumatore tutte le problematiche legate alla fornitura del gas.

Sempre più spesso accade che le società di fornitura di energia non inviano le bollette per l'addebito dei consumi ai propri clienti per periodi che raggiungono anche diversi mesi, creando un accumulo di consumo che dopo molto tempo viene conguagliato in un'unica bolletta, in modo da far lievitare notevolmente la cifra da pagare.

Altri disguidi riguardano, invece, i contatori del gas: i malfunzionamenti, spesso, causano addebiti straordinari in bolletta, spesso inspiegabili per il consumatore.

Quando, infine, un cliente decide di cambiare gestore per risparmiare o perché stufo delle barbarie dei fornitori, allora incomincia il vero calvario.

Di queste storie, purtroppo, ce ne sono a migliaia. E' proprio per questo che, oggi abbiamo deciso di redigere questo articolo, chiarendo uno per uno le problematiche esistenti.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tutte le problematiche legate alla fornitura del gas.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Anna Carmela Carchia 14 dicembre 2014 at 20:38

    Abbiamo fatto un nuovo contratto di affitto intestato a mio marito. Possiamo fare i contratti delle utenze intestate a mia figlia che risiede nella stessa abitazione! O siamo obbligati a intestare le utenze a mio marito?

    • Annapaola Ferri 14 dicembre 2014 at 21:09

      Le società che forniscono luce e gas prevedono che il contratto venga stipulato esclusivamente dal soggetto che possa dimostrare la legittima disponibilità dell'immobile attraverso un titolo di proprietà, di locazione, di assegnazione in seguito a separazione personale, di comodato o usufrutto.