Fornitura energia elettrica e bolletta esorbitante – Presunto guasto del contatore o furto di corrente?

Ho ricevuto una bolletta esorbitante per consumo di energia elettrica: effettivamente i dati del contatore sono in linea con quelli riportati in bolletta, ma io non ho mai consumato tanto e nel periodo di riferimento non abbiamo messo in funzione alcun elettrodomestico che possa aver giustificato simili consumi. Quindi, o il contatore è guasto oppure qualcuno si è attaccato alla mia linea di alimentazione a valle del contatore.

Come devo procedere?

Deve chiedere innanzitutto la verifica del contatore alla società che fornisce energia elettrica: se il contatore risulta regolarmente funzionante, dovrà sostenere anche l’onere per la verifica tecnica effettuata.

Per quanto riguarda l’ipotizzato furto di energia, spetta sempre a lei dimostrare che i consumi sono imputabili a terzi, provando ad esempio la prolungata assenza dal luogo in cui è ubicata l’utenza.

Non solo, qualora venisse accertato presuntivamente l’impiego abusivo dell’energia da parte di terzi, l’intestatario del contratto di fornitura dovrà provare che il furto non è stato agevolato da condotte negligenti a lui imputabili, nonché di aver adottato idonee misure di controllo tese ad impedire, mediante l’uso della comune diligenza, la condotta illecita dei terzi.

In altre parole, l’intestatario del contratto di fornitura dovrà dimostrare che nessun altro aveva l’accesso al luogo in cui erano ubicati i possibili punti di attacco abusivo e, quindi, dovrà fornire la prova che l’uso abusivo della utenza è avvenuto per forza maggiore o caso fortuito.

Insomma, c’è poco da fare, se non pagare la bolletta e verificare che qualche elettrodomestico non sia difettoso in modo tale da assorbire una quantità abnorme di energia elettrica determinando il sovraconsumo.

Le indicazioni appena fornite sono state estratte dall’ordinanza 297/2020 della Suprema Corte di cassazione.

20 Gennaio 2020 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ulteriori precisazioni sulla bolletta di conguaglio non dovuta per fornitura di energia elettrica
In riferimento a questa discussione, se la vostra risposta è uno scherzo degli esperti, voglio segnalarvi che si tratta di uno scherzo di cattivo gusto. Passo allora a riepilogare i fatti. - In seguito ad un cambio gestore fatto dopo pochi mesi di rapporto con loro, ACEA emette un conguaglio di circa 1000 euro inspiegabile, evidentemente una delle loro "bollette pazze" con cui stanno infestando il Lazio (googlare per credere); per fortuna avevamo già cambiato gestore per cui le loro minacce di pagare o venire staccati non hanno alcun effetto, contestiamo la bolletta ed attendiamo risposta ovviamente non pagando. - ...

Contatore di energia elettrica » Manca il sigillo? Il reato di furto non sussiste
Non vi è furto di energia elettrica se l'erogazione del servizio non viene interrotta: in caso manchi materialmente l'interruzione del servizio, che si manifesta con l'apposizione del sigillo, consentire all'utente la possibilità di prelevare ancora energia non fa scattare il reato. Il delitto di furto è caratterizzato dal punto di vista dell'elemento soggettivo dal dolo specifico, costituito da una specifica finalità che l'agente mira a perseguire che, tuttavia, non è necessario si debba realizzare sul piano oggettivo per perfezionare il reato. Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 39809/14. Furto di energia elettrica: da ciò che si evince ...

Fornitura di energia elettrica - Maxi conguaglio dopo 6 mesi dalla chiusura del contratto e dal passaggio a nuovo fornitore
Dopo 6 mesi dal passaggio a nuovo fornitore (Eni) avvenuto a maggio 2019, il vecchio gestore (ENEL) dopo avere emesso a giugno/luglio tanto di fattura finale da me pagata (ed essendo in regola con i pagamenti pensavo fosse finita li) ci ripensa e invia un'altra fattura (di nuovo denominata di cessazione) per circa 600 euro relativa a periodi da ottobre 2018 ad aprile 2019. A questo punto per loro è possibile eventualmente rivalersi con il CMOR? Non sono tenuti a comunicare tutti i consumi con la fattura finale? Se venisse addebitato il CMOR e (in linea puramente teorica) cambiassi di ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Fornitura energia elettrica e bolletta esorbitante – Presunto guasto del contatore o furto di corrente?