Debiti e regime di comunione dei beni – domande e risposte

Quali sono i beni personali che non rientrano nella comuni­one?

a. I beni di proprieta' del coniuge prima del matrimonio.
b. I beni ricevuti dopo il matrimonio per donazione o eredita'.
c. I beni di uso strettamente personale di ciascun coniuge.
d. I beni che servono all’esercizio della professione di ciascun coniuge.
e. I beni ottenuti in risarcimento di un danno e la pensione di invalidita'.
f. I beni acquistati con il ricavato proveniente dalla vendita dei beni personali o con il loro scambio.

Nei casi c, d e f sopra indicati, l’esclusione dalla comuni­one deve risultare dall’atto di acquisto, se di esso ha fatto parte anche l’altro coniuge; se non risulta l’esclusione, il bene e' comune.

I proventi del lavoro di ciascun coniuge o i frutti dei beni personali fanno parte della comunione?

No, perché la comunione dei beni riguarda cio' che si acquista e non i mezzi con cui si acquista. Pero', se al momento dello scioglimento della comunione esistono dei risparmi, questi devono essere divisi in parti uguali fra i coniugi.

Le aziende rientrano nella comunione legale dei beni?

Si', purché siano gestite da entrambi i coniugi e siano state costituite dopo il matrimonio.

In caso di debiti, i creditori possono rifarsi sui beni in comuni­one?

Si', se i debiti riguardano pesi e oneri gravanti sui beni comuni al momento dell’acquisto (mutui, ipoteche, ecc.); carichi dell’amministrazione dei beni stessi (per esempio le spese condominiali); spese per il mantenimento della famiglia e l’istruzione ed educazione dei figli; inoltre tutte le spese compiute nell’interesse della famiglia; ogni altro impegno economico preso in comune accordo dai coniugi.

Quali beni rientrano nella comuni­one legale?

Quelli acquistati durante il matrimonio, ad eccezione dei beni personali. I beni sono comuni indipendentemente da quale dei due coniugi abbia effettuato l’acquisto e il pagamento.

Se un bene è intestato a uno solo dei due coniugi è ugualmente di proprietà di tutti e due?

Si', se acquistato in regime di comuni­one legale.

Che cosa succede se i beni comuni non sono sufficienti a coprire i debiti comuni?

I creditori possono agire sui beni personali di ciascun coniuge, per un ammontare pari alla meta' del credito.

Che cosa succede se si tratta di debiti personali di un coniuge?

Quando i beni personali del coniuge non coprono l’ammontare del debito, i creditori possono rifarsi sui beni della comunione, nei limiti della quota del coniuge debitore (la meta').

Per porre una domanda su debiti e regime di comunione dei beni, sui debiti in genere e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su debiti e regime di comunione dei beni – domande e risposte ed in generale su comunione e separazione dei beni fra coniugi, mini guide - azioni esecutive: pignoramento ed espropriazione, mini guide - consigli e tutela del debitore, mini guide - recupero crediti, pignoramento beni indivisi in comunione cointestati o attribuiti a fondo patrimoniale.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook o Google+.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook o Google+.

  • fabius 24 marzo 2015 at 02:41

    Un anno e mezzo fa mia moglie ha acquistato un alimentari pagando delle dilazione senza garanzia; ora ha chiuso l’attività per crisi ma sono rimasti insoluti i pagamenti della dilazione e dei fornitori. Siamo sposati in comunione dei beni non abbiamo beni di valore, né case. Io ho un lavoro in regola. Se non paga a me potrebbero farmi qualcosa tipo pignoramento in busta paga o no?

    • Annapaola Ferri 24 marzo 2015 at 05:45

      Se riesce a dimostrare che l’attività commerciale di sua moglie era finalizzata a soddisfare esigenze familiari e non personali, il creditore può ottenere il pignoramento del 20% del suo stipendio.

1 13 14 15