Debiti dai genitori

i miei genitori negli ultimi anni hanno contratto vari debiti fra banche e vari enti pubblici (INPS - IVA - etc.) io vivo con loro e sono nel loro stato di famiglia, attualmente ho un lavoro part-time, i miei non hanno nulla di proprietà escluso: la macchina di mio padre del 1993 e la sua pensione. A casa arrivano sempre per raccomandata AR richieste di pagamento da parte dell'ente creditore Agenzia delle Entrate e nel mese di Aprile 2011 arriva una raccomandata da parte di una agenzia di recupero crediti per un debito contratto da mia madre per scopertura di conto bancario (ci siamo infomati 3 anni fà con la banca e mia madre non risultava essere più inserita nei loro elenchi, in pratica la banca aveva ceduto il credito e mia madre presa alla sprovvista da un'altra agenzia a suo tempo aveva pagato delle rate per poi smettere i pagamenti per mancanza di fondi). il mio quesito è: cosa possono fare ai miei genitori se non pagano, e possono i vari creditori rivalersi su di me? Grazie attendo vostra risposta.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Cry Rossi 14 luglio 2014 at 14:03

    Ho anche io un problema. Sono separata , vivo con un figlio studente già maggiorenne. Il mio ex marito purtroppo mi ha lasciato con un sacco di cartelle esattoriale mai pagate, intestate a me quando avevamo una ditta..inps e irpef. Sono disoccupata precaria da 4 anni iscritta al collocamento in quanto lavoro come colf part-time percepisco circa 450 euro al mese non ho nulla di intestato. Il compagno di mia mamma ( divorziata molti anni fa) vorrebbe donare a mio figlio una somma per aiutarlo anche per eventuali studi futuri, ma ho paura che se lui dovesse dargli questi soldi, magari aprendogli un conto bancario o postale, equitalia potrebbe portarglieli via a causa dei miei debiti, e lui si troverebbe privato per colpa mia dell'aiuto che vorrebbe dargli questa persona per farsi un futuro. Qualcuno mi ha detto che finchè sono io in vita nessuno potrebbe portargli via nulla , qualcuno invece si....
    potete dirmi qualcosa di piu preciso? premetto che l'unica cosa che mi hanno pignorato è una vecchia auto che vale 1000 euro, per il resto non ho nulla......cosa posso temere?
    o cosa posso fare perche mio figlio abbia quest'aiuto da questa persona senza che debba pagare per me?

    • Simone di Saintjust 14 luglio 2014 at 14:29

      E' sufficiente aprire un conto corrente intestato solo a suo figlio, su cui lei può mantenere la delega ad operare e a disporre, se lo crede utile e se suo figlio è d'accordo. Nessuno potrà pignorare quel conto corrente, se non per debiti contratti da suo figlio.