Debiti di natura tributaria - la fase di accertamento della pretesa

In generale, per debiti di natura tributaria (laddove il creditore è l'Agenzia delle entrate o il Comune) esiste una prima fase di attività in cui l'ufficio preposto alla riscossione accerta l'insufficiente o omesso pagamento del tributo stesso. Viene quindi notificato al debitore un atto di accertamento che giustifica e motiva la pretesa tributaria: talvolta questo documento può essere immediatamente esecutivo (nel senso che legittima la fase vera e propria di esecuzione della riscossione) ed allora assume la veste di accertamento immediatamente esecutivo (se emesso dall'Agenzia delle entrate) o ingiunzione fiscale (se emesso dal Comune).

Dunque, la fase di accertamento del credito tributario porta alla notifica di una atto al debitore che può assumere la forma di:

Per impugnare nel merito uno degli atti appena elencati bisogna sempre adire la Commissione Tributaria Provinciale (CTP).

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su debiti di natura tributaria - la fase di accertamento della pretesa. Clicca qui.

Stai leggendo Debiti di natura tributaria - la fase di accertamento della pretesa Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 7 ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 16 marzo 2017 Classificato nella categoria atti impoesattivi - avviso di accertamento immediatamente esecutivo e ingiunzione fiscale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info