SI RISCHIA IL PIGNORAMENTO DELLA CASA NON PAGANDO LA CARTELLA ESATTORIALE

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

E' l'atto esecutivo con il quale l'Agente della Riscossione inizia la procedura per la vendita all'asta dell'immobile di proprietà del Contribuente, se non si tratta di unica proprietà adibita a residenza principale ed il debito è pari o superiore a 120 mila euro. Il pignoramento immobiliare, di norma successivo all'ipoteca, può essere effettuato immediatamente nel caso di debiti superiori ad € 20 mila. Per importi inferiori a tale limite non si può procedere al pignoramento immobiliare mentre è sempre possibile attivare l'ipoteca, in quanto procedura cautelare e non esecutiva.

Il pignoramento immobiliare si perfeziona con la trascrizione dello stesso e dell'avviso di vendita all'asta con le date indicate per gli incanti, presso la Conservatoria dei Pubblici Registri Immobiliari dove è censito l'immobile.

Eseguita la trascrizione del pignoramento, nei 5 giorni successivi, viene notificato l'avviso di vendita all'asta al Contribuente e agli eventuali Comproprietari, Creditori ipotecari, Usufruttuari.

Per i tributi erariali è prevista l'effettuazione sino a tre incanti; successivamente il bene viene assegnato allo Stato, mentre per gli altri tributi l'Ente Impositore può autorizzare l'effettuazione di un quarto incanto.

Almeno 20 giorni prima della data fissata per il primo incanto viene data pubblicità della vendita affiggendo l'avviso d'asta presso il Tribunale ed il Comune ove l'immobile è situato.

Le comunicazioni di vendita vengono inoltre pubblicizzate nella sezione “Aste Immobiliari” di Equitalia, tramite inserzioni sui quotidiani e riviste specializzate.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Anonimo 16 maggio 2011 at 18:55

    ma mi dite ad una persona di 78 anni che campa con una pensione misera che si può fare fate una cosa giriamo un po la cosa incominciate a far pagare chi veramente non ha mai pagato che hanno ville macchine e case ed e tutto in nero ma la legge quando si sveglia si sveglia solo con le famiglie con buste paghe che andassero girando un po per il mondo a vedere la gente che gli fanno fessi aaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

1 17 18 19