Ok dal ministero dell'interno alla circolazione sui ciclomotori in due anche per gli under 16

Il ministero dell'interno con una circolare annuncia l'ok per la circolazione sui ciclomotori per i ragazzi con uguale o superiore ai 16 anni.

Da oggi anche sedicenni e diciassettenni potranno andare in due sui ciclomotori senza incorrere nel pericolo di una multa.

La svolta, come accennato, è stata prodotta dalle modifiche al Codice della strada.

Il divieto di circolazione resterà in vigore solo per i quattordici-quindicenni, in caso di ciclomotori non idonei al trasporto di due persone.

Per i quattordicenni che trasportano un passeggero sul motorino, infatti, restano le pesanti sanzioni previste dall'articolo 170 c.d.s, ovvero il fermo amministrativo del ciclomotore per sessanta giorni oltre ad 81 euro di multa.

E sono guai anche in caso di trasporto del passeggero su un mezzo non omologato per la circolazione in compagnia.

Quando si tratta di violazioni commesse da persone minorenni assoggettato alla sanzione amministrativa però resta il genitore o la persona che era tenuta alla sorveglianza, conclude la circolare.

La nuova disposizione auspica una maturità nuova rispetto al passato.

Per fortuna, trapela dal Ministero, non siamo più nell'epoca in cui l'adolescente che non truccava i ciclomotori per avere il brivido la velocità non viveva, o nell'epoca in cui c'erano 1500 morti all'anno sulle due ruote.

Oggi, infatti c'è una patente AM che fa fare una prova teorica e pratica.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ok dal ministero dell'interno alla circolazione sui ciclomotori in due anche per gli under 16.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.