Assegni - I termini di presentazione hanno efficacia solo per un eventuale ordine di revoca del pagamento

L'assegno, se portato all'incasso nei termini di presentazione previsti dalla legge e decorrenti dalla data indicata nel modulo, deve essere sempre pagato dalla banca o dall'ufficio postale. Il termine di presentazione è:

  • 8 giorni, se l'assegno è pagabile nello stesso comune in cui è emesso;
  • 15 giorni, se l'assegno è pagabile in un comune diverso da quello in cui fu emesso;
  • 20 giorni, se l'assegno è pagabile in uno Stato diverso da quello in cui fu emesso, ma europeo o appartenente al bacino del Mediterraneo;
  • 60 giorni, se l'assegno è pagabile in uno Stato diverso da quello in cui fu emesso ed appartenente ad un diverso continente.

Un assegno privo di data o con data posteriore a quella di presentazione allo sportello (assegno postdatato) si intende come emesso il giorno di presentazione.

Colui che emette l'assegno (traente) può dare ordine alla banca o all'ufficio postale di non pagarlo (revoca del pagamento) se portato all'incasso una volta che siano decorsi i termini di presentazione.

Il superamento del termine di presentazione, dunque, ha effetto solo relativamente alla facoltà di colui che lo ha emesso di impartire alla banca o all'ufficio postale, con effetto vincolante, l'ordine di non pagare l'assegno.

La norma ha la funzione di consentire a chi emette l'assegno, una volta scaduto il termine di presentazione, di riacquistare la libertà di disporre dell'importo indicato nel modulo. Tanto è vero che se, dopo la scadenza dei termini di presentazione dell'assegno ed in conseguenza di un preciso ordine di revoca del pagamento impartito dal traente, la banca (o l'ufficio postale) paga comunque l'assegno presentato all'incasso, il traente può eccepire la responsabilità del trattario (la banca o Poste italiane) per non avergli consentito la piena libertà di disporre della provvista giacente sul conto corrente (Cassazione sentenza numero 23077/13).

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegni - i termini di presentazione hanno efficacia solo per un eventuale ordine di revoca del pagamento.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Rosalia Meloni 24 novembre 2015 at 17:31

    Vorrei conoscere l'iter per incassare un deposito cauzionale effettuato a copertura di un assegno entro i 60 giorni stabiliti per legge.
    Un mio cliente ha effettuato il deposito ma il beneficiario (spagnolo) non riesce ad incassare tale somma. Grazie

    • Ludmilla Karadzic 24 novembre 2015 at 17:46

      Sarebbe opportuno, per rispondere alla domanda in modo mirato, conoscere quali sono gli elementi ostativi per l'incasso da parte del beneficiario, eccepiti dal soggetto depositante. La sinteticità della domanda è in genere qualità pregevole, ma talvolta può confliggere con i requisiti minimi di chiarezza.

    1 2