Vendita di un bene parzialmente altrui e risoluzione del contratto

L’ipotesi di vendita di cosa parzialmente altrui, disciplinata dall’articolo 1480 del codice civile, si configura sulla base della situazione oggettiva del bene alienato al momento della stipula del relativo contratto, quando il diritto del venditore e’ limitato ad una porzione materiale del bene e non all’intero, ovvero quando egli venda l’intero pur avendo un diritto pro quota.

Gli elementi soggettivi, conoscenza o ignoranza del compratore al riguardo, si riflettono sulle conseguenze dell’atto, e difatti la norma citata prevede che il compratore può chiedere la risoluzione del contratto solo se, al momento della conclusione, ignorasse che il bene non era interamente di proprietà del venditore e se, inoltre, si possa ritenere che egli non avrebbe acquistato il bene senza quella parte di cui non e’ divenuto proprietario.

In mancanza dell’una o dell’altra delle predette condizioni, il compratore ha diritto soltanto alla riduzione del prezzo corrispondente alla parte che non ha potuto acquistare, sul presupposto della efficacia del trasferimento della parte del bene di proprieta’ del venditore.

La disciplina richiamata trova applicazione anche in ipotesi di vendita da un comproprietario di una cosa di proprieta’ comune indivisa: tale vendita non produce effetti nei confronti degli altri partecipanti alla comunione, ma il contratto concluso dal comproprietario puo’ valere come vendita della propria quota, ovvero come vendita di cosa parzialmente altrui.

Queste le considerazioni giuridiche con cui i giudici dell Suprema Corte hanno motivato la sentenza 20347/15.

30 Ottobre 2015 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Contratto acquisto auto usata con problemi continui - Vorrei chiedere la risoluzione del contratto
Ho acquistato una macchina usata 3 mesi fa, purtroppo la macchina in questi 3 mesi continua a dare problemi e nonostante il concessionario la "sistemasse" in garanzia mi ritrovo dopo due settimane ad aver gli stessi problemi di prima. A questo punto voglio risolvere il contratto: posso richiedere la somma per intero compreso il passaggio di proprietà? Altro problema (dovuto a poca attenzione) non trovo più il contratto di acquisto. Come posso fare per avere una copia? Ho paura che a richiederlo alla concessionaria si rifiutino o addirittura lo manipolassero. ...

Quando è possibile risolvere il preliminare d'acquisto per il timore di evizione del bene
Con il termine evizione si indica, in generale, l'azione giudiziale in seguito alla quale l'acquirente di una determinata cosa in una compravendita, la perde a favore di un terzo che dimostra di essere il vero proprietario. Il diritto previsto dall'articolo 1481 del codice civile, per cui il compratore può risolvere il preliminare d'acquisto o pretendere idonea garanzia quando abbia ragione di temere che la cosa possa esser rivendicata da terzi, presuppone che il pericolo di evizione sia effettivo e cioè non meramente presuntivo, onde esso non può risolversi in un mero timore soggettivo che l'evizione possa verificarsi, ma, anche quando ...

Risoluzione giudiziale del contratto preliminare di compravendita per inadempimento del venditore - L'acquirente ha diritto al valore attualizzato del doppio della somma di denaro a suo tempo corrisposta
La risoluzione del contratto preliminare di compravendita per inadempimento ha effetto retroattivo tra le parti, salvo il caso di contratti ad esecuzione continuata o periodica, riguardo ai quali l'effetto della risoluzione non si estende alle prestazioni già eseguite. Secondo giurisprudenza consolidata, la retroattività della pronuncia di risoluzione di un contratto preliminare fa venir meno la causa delle attribuzioni patrimoniali derivanti dal contratto, determinando a favore della parte non colpevole un obbligo, non risarcitorio, ma restitutorio, avente ad oggetto le cose ricevute ed i frutti effettivamente percepiti dalla parte inadempiente, per i quali ultimi si configura un debito di valore se ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su vendita di un bene parzialmente altrui e risoluzione del contratto. Clicca qui.

Stai leggendo Vendita di un bene parzialmente altrui e risoluzione del contratto Autore Giorgio Martini Articolo pubblicato il giorno 30 Ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria preliminare di compravendita della casa e perfezionamento dell'acquisto Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)