Troppi debiti: fa prostituire moglie

Una serie di debiti e un mutuo da 25mila euro per un'auto, ereditato dai suoceri per cui si era fatto garante, ha spinto un 40enne del Modenese a far prostituire la moglie. La coppia si è fatta portare sulla vettura da un amico (entrambi non hanno la patente) nel Reggiano e qui la donna, 32 anni, ha iniziato a cercare clienti. Con loro anche le due figlie di 7 e 8 anni. L'intervento dei carabinieri ha posto fine al dramma familiare.

Come ha raccontato QN, a spingere marito e moglie alla drastica decisione sono state le rate insolute che continuavano ad accumularsi, dopo che si erano visti accollare anche quelle per una macchina comprata (e mai pagata completamente) dai suoceri dell'uomo.

Che, non avendo alternative, ha deciso di recarsi con la consorte alla Fiera di Modena. Qui, però, i posti erano tutto occupati e così si sono spostati a Rubiera, in una zona meno battuta dalle organizzazioni della prostituzione.

La donna è scesa dall'auto, dove si trovava il marito, l'amico e le due figlie, e ha cominciato a “lavorare”. A un certo punto, però, è passata una pattuglia dei carabinieri che l'ha identificata, come pure gli occupanti della vettura.

Ai militari l'uomo e la donna hanno raccontato la loro storia, spiegando di non pensare di fare un'attività illegale visto che lei era consenziente e che lo faceva a sostegno delle finanze familiari.

24/10/2007

Fonte:tgcom.mediaset.it

8 novembre 2007 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Spunti di discussione dal forum

Padre di due figlie naturali minorenni – Identificazione nucleo familiare isee
Sono il padre di due figlie naturali minorenni per le quali ho un affidamento condiviso, con collocazione presso la madre, e verso un assegno per gli alimenti. Per accordi in tribunale percepisco gli assegni familiari e il 50% delle detrazioni per figli minori: da tre anni sono sposato con un'altra…
Può essere pignorata la pensione a moglie e marito se entrambi hanno debiti personali con un privato?
Marito percepisce 1200 euro di pensione, moglie percepisce 500 euro di pensione: entrambi hanno un debito con un privato, a entrambi può essere pignorata la pensione? Se sì come: a ciascuno viene chiesto il quinto, oppure essendo quella della moglie troppo bassa possono sommarle e pignorare sul totale?
Interessi Passivi Mutuo pagati dai miei suoceri che non possono essere detratti
Salve a tutti, spero possiate chiarirmi, grazie alle vostre competenze, una situazione: nell'aprile del 2011 ho stipulato un mutuo (tramite Poste/Deutch Bank) per l' acquisto della casa, insieme a mia moglie. Naturalmente, nonostante avessimo 2 contratti a tempo indeterminato, hanno preteso 2 garanti (i miei suoceri) e, come se non…
Automobile prestata ad un amico causa tamponamento – E ora che succede: ci rimetterò io?
Un mio caro amico mi ha chiesto il favore di prestargli la mia macchina mentre ero fuori per lavoro (una settimana): data la nostra vecchia amicizia gli ho concesso il favore senza problemi. Al mio ritorno, però, ho trovato la vettura in pessime condizioni. Il mio amico mi ha confessato…
Sposati con separazione dei beni e donazioni dei suoceri a mio marito
Io e mio marito siamo sposati dal 2009: nel 2014, quindi in data successiva al matrimonio, i miei suoceri hanno donato ad ogni figlio un appartamento, e nell'atto della donazione mio marito dichiara che siamo sposati con regime di separazione dei beni. La domanda e' questa: nei mesi passati (anno…

Link a ritroso

Stai leggendo Troppi debiti: fa prostituire moglie Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 8 novembre 2007 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • emiliano 2 ottobre 2011 at 17:39

    La mia banca ni ha informato che esisteva un libretto al portatore su cui avevevo effettuato un’operazione circa due anni fa, il suo saldo superava la soglia dei €5.000 alla data precedente il 30.6.11, non trovando il titolo la banca mi ha suggerito di sporgere denuncia di smarrimento e chiedere al tribunale il decreto di inefficacia. Decreto ottenuto e affisso per 90 gg presso la banca, ottenuto il certificato di non opposizione sono andato in banca il 30.09.11 e ho prevveduto ad estinguere il libretto, il cui saldo mi è stato accreditato sul c/c intrattenuto presso la medesima banca. Il funzionario mi informa che la banca dovrà mandare il tutto (nominativo del libretto che sporto denuncia di smarrimento, denuncia, decreto e certificiato di non opposizione) al Ministero delle finanze che dovrà decidere sulla sanzione da applicare. Cosa dovrò aspettarmi visto che alla scadenza del 30.6.11 non potevo ricondurre il libretto a risparmio al portatore nei limiti allora fissati per mancanza del titolo? Quali saranno i tempi di attesa per conoscere la decisione del Ministero delle finanze? Potrò fra 30-45 gg chiedere informazioni e a chi?
    Grazie.
    Emiliano.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca