rendita vitalizia e vitalizio alimentare



Eredità e successione – il vitalizio assistenziale non è sempre assimilabile ad una donazione

Annapaola Ferri - 11 Febbraio 2018


Il contratto atipico di vitalizio assistenziale stipulato fra il beneficiario (proprietario del bene e fruitore delle prestazioni a cui l'obbligato è tenuto) e l'obbligato (che il bene acquisisce in cambio dell'assistenza resa al beneficiario) si differenzia dalla donazione per l'elemento dell'aleatorietà, essendo, tale contratto, caratterizzato dall'incertezza obiettiva iniziale circa la durata di vita del beneficiario delle prestazioni assistenziali e il conseguente rapporto tra valore complessivo delle prestazioni dovute dall'obbligato e il valore del cespite patrimoniale cedutogli in corrispettivo: pertanto, solo l'originaria macroscopica sproporzione del valore del cespite rispetto al minor valore delle prestazioni fa presumere lo spirito di liberalità tipico [ ... leggi tutto » ]


Contratto di rendita vitalizia e vitalizio alimentare – analogie e differenze

Carla Benvenuto - 13 Ottobre 2017


Il contratto di rendita vitalizia è regolato dall'articolo 1872 del codice civile: la rendita vitalizia può essere costituita a titolo oneroso, mediante alienazione di un bene mobile o immobile o mediante cessione di capitale, per donazione o testamento. Così anche per il contratto atipico di vitalizio alimentare: qui, tuttavia, le obbligazioni contrattuali hanno come contenuto prestazioni (di fare e dare) di carattere accentuatamente spirituale e, in ragione di ciò, eseguibili unicamente da un vitaliziante specificatamente individuato alla luce delle proprie qualità personali. Il vitalizio alimentare, come il contratto di rendita vitalizia, ha natura aleatoria: in esso l'alea, lungi dal venire [ ... leggi tutto » ]