Percorso famiglia - sospensione pagamento rate per credito alle famiglie

Beneficio della sospensione del pagamento delle rate mutuo - può accedervi anche il mutuatario licenziato per giusta causa se ha impugnato il provvedimento

Piero Ciottoli - 9 agosto 2016

Negli ultimi anni sono state realizzate diverse iniziative a sostegno della clientela in difficoltà nel pagamento delle rate di mutuo. In particolare, il 31 marzo 2015 l'ABI e varie associazioni dei consumatori hanno sottoscritto un accordo per la sospensione del credito alle famiglie. Tale accordo prevede, al ricorrere di specifiche circostanze (ad es. perdita del posto di lavoro, morte, handicap grave, sospensione o riduzione dell'orario di lavoro), la possibilità di sospendere per un massimo di dodici mesi la quota capitale delle rate sia per i mutui garantiti da ipoteca su immobili destinati ad abitazione principale, non rientranti nelle misure del [ ... leggi tutto » ]

Dopo la sospensione del pagamento della quota capitale dei prestiti le banche non dovrebbero far pagare anche lo spread al debitore

Giovanni Napoletano - 15 giugno 2015

Secondo il Collegio di coordinamento dell'Arbitro Bancario Finanziario (decisione 4136/15) le norme concordate fra ABI ed Associazioni di consumatori, che regolano sospensione della quota capitale dei prestiti erogati nell'ambito del credito al consumo e dei mutui garantiti da ipoteca su abitazione principale muovono dal presupposto secondo cui, al termine del periodo di sospensione, alla banca mutuante debba essere corrisposto il costo che durante la sospensione essa sostiene per procurarsi sul mercato interbancario la provvista di denaro goduta dal beneficiario nel periodo di sospensione (cioè il debito residuo esistente a quel momento). Tale costo è dato appunto dalla componente di riferimento [ ... leggi tutto » ]

Sospensione della quota capitale dei prestiti erogati nell'ambito del credito al consumo e dei mutui garantiti da ipoteca su abitazione principale

Giovanni Napoletano - 13 giugno 2015

L'accordo siglato da Associazione Bancaria Italiana (ABI) e dalle associazioni di consumatori prevede la sospensione per un massimo di 12 mesi della sola quota capitale per i crediti al consumo di durata superiore a 24 mesi e per i mutui garantiti da ipoteca su abitazione principale. La sospensione può essere richiesta dal consumatore nei casi di cessazione del posto di lavoro, morte, grave infortunio o nei casi di misure di sospensione del lavoro e/o di ammortizzatori sociali anche qualora abbia ritardi di pagamenti fino a 90 giorni. La sospensione non comporta il pagamento di commissioni o interessi di mora, ma [ ... leggi tutto » ]

Il prestito garantito dallo stato per gli studenti meritevoli

Marzia Ciunfrini - 12 dicembre 2012

La possibilità di accedere al credito bancario per poter finanziarie quei percorsi formativi senza i quali è precluso l'ingresso nel mondo del lavoro, è, per la maggior parte dei giovani, un fattore cruciale. Non tutti, infatti, possono disporre del sostegno economico offerto dalla propria famiglia. D'altra parte, oggi come ieri, svolgere una propria attività professionale o lavorativa è condizione necessaria per raggiungere l'indipendenza economica e l'integrazione nella società. Possiamo ben dire, allora, che, per i giovani, l'inclusione finanziaria è propedeutica all'inclusione sociale. In questa ottica, il Ministero della Gioventù e l'ABI, hanno sottoscritto una convenzione finalizzata a favorire l'accesso al [ ... leggi tutto » ]

Rinnovo del fondo di accesso al credito per i genitori dei neonati

Ludmilla Karadzic - 12 agosto 2012

L'arrivo in famiglia di un figlio porta con sé nuove esigenze e nuove spese: per aiutare a sostenerle è stato rinnovato, presso il Ministero della Cooperazione internazionale e dell'Integrazione, con delega alla famiglia, il fondo volto a garantire l'accesso al credito delle famiglie con un nuovo figlio. L'accesso al credito viene assicurato attraverso il rilascio di garanzie alle banche e agli intermediari finanziari (Decreto legge numero 158/2008 - articolo 4, comma 1 e 1 bis e legge 183 del 12 novembre 2011 - articolo 12). Possono richiedere un prestito, fino a 5000 euro, i genitori dei bambini nati o adottati [ ... leggi tutto » ]



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca