Eredità - Debiti e crediti in conto corrente e in conto titoli


Nell’ipotesi di successione mortis causa con pluralità di eredi si registrano, in giurisprudenza e in dottrina, due diversi orientamenti. Secondo alcuni, i crediti del defunto dovrebbero seguire lo stesso destino dei debiti, conseguentemente dividendosi automaticamente tra i coeredi in ragione delle rispettive quote. Secondo altri, invece, i crediti del defunto, a differenza dei debiti, non si dividerebbero automaticamente, ma entrerebbero a far parte della comunione ereditaria.

La prevalente giurisprudenza di legittimità (da ultimo Cassazione 12192/2007) ha optato per la seconda ipotesi, argomentando che, in tema di divisione di beni ereditari, i crediti del defunto non si dividono automaticamente ma vengono ripartiti tra i coeredi con la divisione di tutta la massa ereditaria: e, poiché il mantenimento della comunione ereditaria dei crediti sino alla divisione soddisfa l’esigenza di conservare l’integrità della massa e di evitare qualsiasi iniziativa individuale idonea a compromettere l’esito della divisione stessa, è vietato al singolo coerede di compiere atti individuali dispositivi dei crediti vantati dal defunto ed è necessario che qualsiasi atto, che ai crediti si riferisca, sia posto in essere congiuntamente da tutti i coeredi.

Pertanto, secondo quanto stabilito nella decisione 2983/2016 dell’Arbitro Bancario Finanziario, la liquidazione delle somme e/o dei titoli depositati sul conto corrente e/o nel deposito titoli del defunto può essere effettuata dalla banca solamente sulla base di disposizioni congiuntamente impartite da tutti gli eredi.

23 Luglio 2017 · Roberto Petrella



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su eredità - debiti e crediti in conto corrente e in conto titoli. Clicca qui.

Stai leggendo Eredità - Debiti e crediti in conto corrente e in conto titoli Autore Roberto Petrella Articolo pubblicato il giorno 23 Luglio 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 21 Giugno 2020 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 26 Gennaio 2019 at 14:14

    Siamo tre fratelli: uno dei tre ha contratto un debito riconoscendolo con scrittura privata. Alla morte del debitore tale riconoscimento entra a far parte dell’asse ereditario? E se si, i figli del debitore possono essere chiamati a rispondere in solido?

    • Annapaola Ferri 26 Gennaio 2019 at 16:12

      Se i gigli del debitore, alla morte di questi, accettassero l’eredità, si farebbero ineluttabilmente carico, pro quota, del debito del genitore.