Spese condominiali - chi paga in caso di separazione o divorzio?

Spese condominiali - Chi paga dopo separazione personale?

Mi sono separata da poco da mio marito e abbiamo scelto la strada della separazione consensuale: come da accordi, io e e i miei figli siamo rimasti nella casa dove vivevamo, di cui è proprietario il mio ex marito.

Adesso però, c'è una diatriba sul pagamento delle spese condominiali.

Secondo me, essendo il proprietario, le spese dovrebbe accollarsele lui.

Lui afferma, invece, che non vivendoci, ed avendo già concesso la casa in comodato, dovrei provvedere io al saldo.

Chi ha ragione?

In caso di separazione legale o di divorzio, quando la casa familiare viene assegnata al coniuge non proprietario della stessa, chi dei due è tenuto a pagare gli oneri condominiali?

Spese condominiali - il coniuge assegnatario è tenuto a pagarle

Quando i coniugi si separano o divorziano, sorge spesso il problema delle spese condominiali.

Con la sentenza numero 18476 del 19.09.2005 la Cassazione ha specificato che, quando la casa familiare è  assegnata al coniuge non proprietario, questi,  nonostante tale assegnazione sia gratuita,  è tenuto a sostenere le spese condominiali (spese ordinarie),  poiché collegate all'uso dell'abitazione.

Di conseguenza rimangono a carico dell'ex coniuge proprietario dell'immobile solo le spese straordinarie.

Un esempio di spesa straordinaria, può essere ad esempio la manutenzione delle fondamenta, la verniciatura del tetto o il rifacimento di una facciata.

Nel caso, invece, di comproprietà degli ex coniugi della casa familiare, il coniuge assegnatario dovrà ugualmente accollarsi le spese ordinarie, ma quelle straordinarie dovranno essere ripartite in proporzione alla rispettiva quota di proprietà.

Ovviamente i due ex coniugi potranno accordarsi tra loro in modo diverso a tale ripartizione che, per come sopra descritta, deriva solo nel caso in cui intese non ve ne siano.

20 gennaio 2013 · Andrea Ricciardi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Separazione e divorzio - Le spese condominiali devono intendersi incluse in quelle ordinarie e straordinarie relative all'immobile assegnato
Spesso la sentenza che definisce le condizioni di separazione o di divorzio pone a carico dell'obbligato, oltre al mutuo, anche le spese ordinarie e straordinarie relative all'immobile assegnato al coniuge separato o all'ex coniuge. Per spese ordinarie e straordinarie devono propriamente intendersi le spese relative all'unità immobiliare di proprietà individuale, ...
Separazione personale tra coniugi » Ex casa coniugale in affitto: ora chi paga il contratto di locazione?
Separazione personale tra due coniugi: in caso di contratto di locazione per l'ex casa coniugale, il padrone di casa da chi deve pretendere il pagamento dell'affitto? Chiariamo la questione nell'articolo seguente. Come sappiamo, nella fattispecie di una separazione personale tra due coniugi, durante la controversia in tribunale, viene decisa anche ...
Separazione » Tutto ciò che c'è da sapere sulla divisione delle spese
Separazione: Obiettivo dell'articolo è aggiornare il lettore su tutte le problematiche riguardanti la divisione delle spese tra ex coniugi: si va dal diritto di abitazione alle tasse, dalle bollette alle rate del mutuo o della finanziaria da pagare. Ecco tutto ciò che occorre sapere su come vanno frazionati gli oneri ...
Separazione dei coniugi - genitore non affidatario e spese straordinarie dei figli
In tema di separazione e divorzio, il genitore non affidatario non decide sulle spese straordinarie dei figli, anche se è tenuto a pagarle. Con la recentissima sentenza numero 8676 del 12 aprile 2010 la Corte di Cassazione ha stabilito che il genitore non affidatario, tenuto al mantenimento, non può contestare ...
Imu e Tasi » A chi spetta il pagamento dopo la separazione di due coniugi?
In caso di di separazione, divorzio o annullamento del matrimonio e conseguente assegnazione dell'immobile di famiglia ad uno dei due ex coniugi, chi paga le tasse sulla casa, Imu e Tasi? La casa assegnata al coniuge a seguito di provvedimento del giudice di separazione legale, annullamento o divorzio, è assimilata ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su spese condominiali - chi paga in caso di separazione o divorzio?. Clicca qui.

Stai leggendo Spese condominiali - chi paga in caso di separazione o divorzio? Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 20 gennaio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria condominio - domande e risposte Inserito nella sezione giurisprudenza.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Stefano Bonardi 19 luglio 2014 at 12:42

    Salve sono separato da due anni.
    La mia ex abita nella casa di mia proprietà con nostra figlia come accordi presi.
    Io sono in affitto in un’altra casa e pago anche il mutuo della mia casa di proprietà passo un assegno di mantenimento a mia figlia.
    La mia ex è da 6 mesi che non paga più le spese condominiali e dice che non le pagherà perchè non lavora.
    L’amministratore di condominio chiederà a me di pagare?
    Come posso risolvere il problema?

    Grazie mille

    • Simone di Saintjust 19 luglio 2014 at 12:51

      Riporto quello che c’è scritto proprio nell’articolo da lei commentato, che lei, evidentemente, non si è dato la briga di leggere.

      Quando i coniugi si separano o divorziano, sorge spesso il problema delle spese condominiali.

      Con la sentenza n. 18476 del 19.09.2005 la Cassazione ha specificato che, quando la casa familiare è assegnata al coniuge non proprietario, questi, nonostante tale assegnazione sia gratuita, è tenuto a sostenere le spese condominiali (spese ordinarie), poiché collegate all’uso dell’abitazione.

      Di conseguenza rimangono a carico dell’ex coniuge proprietario dell’immobile solo le spese straordinarie.

      Un esempio di spesa straordinaria, può essere ad esempio la manutenzione delle fondamenta, la verniciatura del tetto o il rifacimento di una facciata.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca