Sottostima dell'Immobile venduto all'asta - Il CTU risponde dei danni

Dopo la vendita all’asta di un immobile oggetto di procedura esecutiva e conseguente aggiudicazione, il debitore sottoposto ad esecuzione aveva presentato ricorso al giudice delle esecuzioni lamentando che la stima dell’esperto, con cui era stato fissato il prezzo base d’asta, era viziata per difetto.

Dalla successiva istruttoria era emerso che il valore reale dell’immobile pignorato e messo all’asta, tenuto conto della sua intera superficie e dell’aggiornamento della stima ai valori correnti, risultava molto superiore al prezzo di aggiudicazione e, pertanto, il giudice dell’esecuzione aveva revocato l’aggiudicazione disponendo la restituzione delle somme versate dall’acquirente e la restituzione del bene al debitore.

L’acquirente chiamava in causa il consulente tecnico d’ufficio chiedendo il risarcimento danni in quanto, al fine di recepire l’importo necessario all’aggiudicazione del bene pignorato e posto in vendita all’asta, aveva alienato a prezzo vile l’immobile di cui era proprietario.

Secondo i giudici di legittimità (sentenza 18313/15) che hanno esaminato il caso, il Consulente Tecnico d’Ufficio (CTU) svolge, nell’ambito del processo esecutivo, una pubblica funzione quale ausiliare del giudice, nell’interesse generale e superiore della giustizia, con responsabilità oltre che penale e disciplinare, anche civile, la quale importa, per lo stesso, l’obbligo di risarcire il danno che abbia cagionato in violazione dei doveri connessi all’ufficio.

Inoltre, pur se il provvedimento di nomina dell’esperto per la stima del bene pignorato è dalla giurisprudenza ritenuto atto preparatorio e non di esecuzione e pur essendo tale nomina facoltativa, tanto non rileva ai fini della responsabilità anche civile dell’esperto, ausiliare del giudice delle esecuzioni, una volta che quest’ultimo abbia proceduto a tale nomina e il nominato abbia assunto l’incarico.

L’esperto per la stima del bene pignorato è equiparabile al consulente tecnico d’ufficio ed è, pertanto, soggetto al regime di responsabilità per lo stesso previsto dal codice di procedura civile (articolo 64), secondo cui il consulente tecnico che incorre in colpa grave nell’esecuzione degli atti che gli sono richiesti, è obbligato al risarcimento dei danni causati alle parti.

27 Settembre 2015 · Stefano Iambrenghi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Evizione - Cosa succede quando il bene pignorato è oggetto di vendita giudiziale ma non appartiene al debitore
Come è noto, se un terzo fa valere il suo diritto di proprietà sulla cosa venduta e la sottrae a colui che l'ha comprata, si parla di evizione: in particolare, l'acquirente della cosa espropriata, se ne subisce l'evizione, può riottenere l'importo non ancora distribuito, mentre, se la distribuzione è già avvenuta può ottenere da ciascun creditore la parte che ha riscossa e dal debitore l'eventuale residuo, salva la responsabilità del creditore procedente per i danni e per le spese. Nell'ipotesi di evizione totale, il venditore deve normalmente risarcire al compratore il danno, costituito dalla restituzione del prezzo, dal rimborso delle ...

Vizi nella vendita coattiva dell'immobile pignorato - L'esito fruttuoso non sana la nullità della procedura
L'ordinanza del giudice dell'esecuzione che fissa le modalità della vendita dell'immobile pignorato va rispettata alla lettera, visto che tali modalità, comprese quelle relative alla pubblicità, sono state ritenute indispensabili all'espletamento della vendita coattiva stessa nelle migliori condizioni possibili in relazione al contesto in cui essa avrebbe dovuto avere luogo. Ai fini di sanatoria della nullità della vendita dell'immobile pignorato non può essere richiamato l'esito fruttuoso comunque conseguito: da un lato, perché sulla procedura di vendita deve prevalere l'esigenza di trasparenza e legalità dal momento che l'unica gara corretta non è quella che comunque raggiunge un esito, ma solo quella che ...

Esecuzione forzata - Le spese giudiziali, di custodia e di conservazione dell'immobile pignorato devono essere anticipate dal creditore procedente
Con riguardo all'espropriazione forzata, la normativa vigente consente di individuare nel creditore procedente il soggetto che é tenuto all'anticipazione delle spese. Le spese che il creditore procedente è tenuto ad anticipare sono sia quelle giudiziarie che quelle propriamente materiali necessarie per l'esecuzione. Inoltre, nel caso in cui i beni pignorati non possano essere custoditi senza spese, anche queste ultime possono essere poste a carico, sempre a titolo di anticipazione, del creditore procedente, su provvedimento del giudice dell'esecuzione. Si tratta, in pratica, delle spese che risultano essenziali alla conservazione (dal punto di vista reale e/o economico) del bene pignorato, e/o ad ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sottostima dell'immobile venduto all'asta - il ctu risponde dei danni. Clicca qui.

Stai leggendo Sottostima dell'Immobile venduto all'asta - Il CTU risponde dei danni Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 27 Settembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Settembre 2017 Classificato nella categoria pignoramento ed espropriazione della casa - procedura esattoriale Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 12 Aprile 2018 at 22:28

    Un secondo ipotecario ha pignorato in immobile vantando un credito di 177000 euro. La banca privilegiata non intervenute vanta un credito di 300000 euro. Il giudice deve sommare anche il credito della banca non intervenuta?

    • Ludmilla Karadzic 12 Aprile 2018 at 22:33

      La domanda è poco chiara: in caso di espropriazione il ricavato della vendita deve servire, in prima battuta, il creditore garantito da ipoteca primaria fino a soddisfacimento del credito vantato. L’eventuale residuo può essere assegnato al creditore garantito da ipoteca secondaria.