Separazione » Non si può sostituire serratura in attesa della sentenza

Non si può sostituire la serratura della casa coniugale in attesa della sentenza di separazione » Sentenza Tribunale Pisa

Ha diritto al risarcimento dei danni non patrimoniali il coniuge che non può entrare nella casa coniugale perché, a sua insaputa, l’altro ha cambiato la serratura alla porta d’ingresso. Per poter impedire l’accesso alla casa coniugale, infatti, è necessario attendere la sentenza di separazione.

Lo ha stabilito il Tribunale di Pisa, che con la sentenza numero 273/13, ha sancito che: Il diritto al godimento della propria abitazione è un diritto riconosciuto dalla Costituzione ai sensi dell’articolo 2 (vedi anche Tribunale Ivrea, 22,6.2204, in Giur. merito 2004, 2220) e, quindi, la sua lesione dà cittadinanza al ristoro del danno non patrimoniale. Vi è prova che tale lesione sia stata grave ed abbia procurato al ricorrente un pregiudizio che sia andato oltre il mero fastidio o disagio temporaneo.

Tale principio è stato affermato dal giudice di merito, che con questa pronuncia ha condannato al risarcimento del danno non patrimoniale una moglie che, approfittando dell’allontanamento volontario del marito per un viaggio, aveva sostituito la serratura dell’abitazione impedendogli, al rientro in Italia, di accedere alla casa familiare. Così facendo, la moglie, avrebbe violato il diritto alla casa familiare, sancito dall’articolo 2 della nostra Cosituzione.

Il fatto

Come già accennato, una moglie approfittando dell’allontanamento volontario del marito per un viaggio in Nigeria, aveva sostituito la serratura dell’abitazione e impedito a quest’ultimo, al suo rientro in Italia, di accedere alla casa familiare.

La moglie si è difesa affermando che era in atto una crisi matrimoniale, sfociata nell’indifferenza del marito nei suoi confronti e disinteresse al mènage familiare, oltre ad asserite condotte violente da parte dell’uomo. Tali motivi sono stati ritenuti irrilevanti dal giudice toscano e prive di valore scriminante.

Per il Giudice, i coniugi, anche se da separati in casa , avevano continuato ad abitare nell’immobile ed il marito, pur se in viaggio, aveva comunque conservato la detenzione qualificata della casa familiare.

Sulla base di queste premesse, la moglie è stata condannata a risarcire al marito la somma di 3.700 euro, per avere leso, in modo grave, il diritto inviolabile dell’altro coniuge a godere della casa familiare, tutelato dall’articolo 2 della Costituzione.

Conclusioni

Da questa sentenza si evince che, anche in caso di causa di separazione in corso, se uno dei due (ex)coniugi non ha abbandonato di sua volontà la propria casa coniugale, non gli può essere impedito dall’altro l’accesso a quest’ultima, a meno che non ci sia già una sentenza di separazione a sancirlo.

7 Giugno 2013 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Separazione » Revoca della casa familiare se ex moglie si trasferisce al mare con il figlio
Separazione: sì alla revoca della casa familiare in città se l'ex moglie si trasferisce al mare con il figlio. È legittima la revoca della casa familiare, in città, se la moglie si trasferisce volontariamente al mare con il figlio convivente. Infatti, la conservazione dell'appartamento principale, quale habitat domestico, deve avere una soluzione di continuità e non una frequentazione sporadica. Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 2952/14. Separazione e assegnazione casa familiare: gli sviluppi Difficile tenere due piedi in una scarpa. Soprattutto quando l'obiettivo è dimostrare, concretamente, di avere ancora diritto all'assegnazione della casa coniugale, collocata in città, ...

Separazione ed assegnazione della casa coniugale - mancata impugnazione e modificabilità del provvedimento
Il provvedimento di assegnazione della casa coniugale può essere modificato in sede di appello, anche se non è stato oggetto di specifica impugnazione, per circostanze sopravvenute. È quanto affermato dalla Corte di Cassazione, con la sentenza del 28.04.2010 numero 10222. In particolare la Corte ha ritenuto che il trasferimento dell'unico figlio in altra città, con suo allontanamento dalla casa coniugale, può comportare la modifica del provvedimento di assegnazione. Al riguardo si osserva che il presupposto indefettibile per l'assegnazione della casa coniugale al coniuge non titolare del diritto di proprietà o di altro diritto reale è costituito dalla presenza di figli ...

Separazione dei coniugi - revoca dell'assegnazione della casa familiare
In materia di separazione dei coniugi, l'assegnazione della casa familiare non viene meno per il solo fatto della convivenza more uxorio o del nuovo matrimonio del coniuge assegnatario. L'articolo 155 quater, primo comma, del Codice Civile (introdotto dall'articolo 1, comma 2, della legge 8 febbraio 2006, numero 54 - Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli) prevede la revoca dell'assegnazione della casa familiare nel caso in cui l'assegnatario conviva more uxorio o contragga nuovo matrimonio. Ci si chiede se tale revoca sia automatica in conseguenza della convivenza o del nuovo matrimionio dell'assegnatario, o se debba ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su separazione » non si può sostituire serratura in attesa della sentenza. Clicca qui.

Stai leggendo Separazione » Non si può sostituire serratura in attesa della sentenza Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il giorno 7 Giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 6 Novembre 2018 at 23:57

    Buona sera, sono stato allontanato dal giudice dalla casa coniugale nei 15 giorni che precedevano l’udienza presidenziale in cui venne revocato l’allontanamento e assegnata la casa mia moglie, lei ha sostituito le serrature tant’é che non ho mai potuto ritirare i miei effetti personali come stabilito nella stessa sentenza. ha commesso reato di violenza privata? Grazie a presto . Giordano

    • Ludmilla Karadzic 7 Novembre 2018 at 01:56

      Dopo l’assegnazione della casa familiare, il coniuge assegnatario è nel pieno diritto di cambiare la serratura. Per il ritiro dei suoi effetti personali, può minacciare il coniuge separato di citarlo in tribunale per appropriazione indebita.

  • Utente anonimo 24 Settembre 2017 at 11:34

    Sono uscita della casa coniugale per un codice rosa, e pago un affitto di 270 € mensile, però non ho avuto aiuta economica della sua parte in quattro mesi, ho denunciato e ancora non è stato processato, io ho dovuto cercare lavoro per mantenerne ed a miei figlie, incluso uno disabile. Lui adesso vuole la separazione, i figli non sono de lui, si può acquistare una orden giudiziale per rientrare alla casa e che lui sia che esca a altra casa. Lui è proprietario del usufrutto e il suo figlio proprietario del inmueble.

    • Rosario Scarnecchia 24 Settembre 2017 at 19:16

      Lei non riporta se sia stata o meno presentata una denuncia per maltrattamenti nei confronti di suo marito. Comunque, sarà difficile poter rientrare nel tetto coniugale prima degli esiti di un eventuale processo penale: a meno che lei non riesca ad ottenere il diritto di abitazione nell’appartamento in questione come risultato di un accordo omologato o di una sentenza di separazione. Le suggerisco di rivolgersi ad una struttura territoriale che si occupi di violenza sulle donne.