Separazione » Si configura il reato di appropriazione indebita se si sottraggono beni dall'ex casa coniugale

Dopo la separazione, qualora un ex coniuge sottragga dei beni dall'ex casa coniugale commette il reato di appropriazione indebita.

Il coniuge che non prenda di buon grado la pronuncia del giudice e si appropri, prima di lasciare la casa assegnata all'ex di una serie di beni, come oggetti di arredo, suppellettili o elettrodomestici, si procura un ingiusto profitto e deve rispondere del reato di appropriazione indebita.

Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 11276/2013.

A nessuno fa piacere l'idea di lasciare la casa coniugale senza poter portare via i propri beni.

Bisogna dire, però, che quando il giudice pronuncia la sentenza di separazione, assegnando la casa familiare a uno dei due coniugi, attribuisce sempre l'appartamento insieme a tutti quei beni e servizi necessari ad assicurare l'ordinaria organizzazione della vita familiare, a prescindere da chi ne sia il proprietario.

Con questa disposizione, la normativa vigente garantisce ai soggetti che rimangono ad abitare la casa coniugale la continuità delle abitudini domestiche nel luogo che ha costituito prima della separazione l'habitat familiare.

La casa familiare, infatti, è il nucleo centrale delle consuetudini, degli interessi e degli affetti in cui si esprime e si articola la vita familiare, e si identifica unicamente con quell'appartamento che ha costituito il centro di aggregazione della famiglia durante la convivenza coniugale.

Con la pronuncia in esame, pertanto, gli Ermellini hanno chiaramente disposto il principio per cui sottrarre dei beni dalla casa familiare assegnata all'ex coniuge è reato di appropriazione indebita.

Bisogna notare, però, che questo comportamento non è sempre punito dalla legge penale in quanto il reato è escluso se il prelevamento di beni avvenga a danno del coniuge non legalmente separato, ossia prima della sentenza di separazione.

26 giugno 2014 · Stefano Iambrenghi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Separazione personale » Restituzione beni e denaro? Solo se si dimostra l'esclusiva proprietà
In tema di separazione personale, qualora il coniuge pretenda la restituzione di denaro e beni dal consorte deve dimostrare la non contitolarità degli stessi. Nei confronti dei beni cointestati ai coniugi vige la presunzione di comproprietà ai sensi dell'art. 1298 c.c.. Per cui non potrà chiedere il recupero di tali ...
Non integra il reato di appropriazione indebita il mancato rimborso di un prestito
Anche il danaro, nonostante la sua fungibilità, può trasferirsi nel semplice possesso, senza che al trasferimento del possesso si accompagni anche quello della proprietà. Ciò di norma si verifica, oltre che nei casi in cui sussista o si instauri un rapporto di deposito o un obbligo di custodia, nei casi ...
Separazione ed assegnazione della casa coniugale - mancata impugnazione e modificabilità del provvedimento
Il provvedimento di assegnazione della casa coniugale può essere modificato in sede di appello, anche se non è stato oggetto di specifica impugnazione, per circostanze sopravvenute. È quanto affermato dalla Corte di Cassazione, con la sentenza del 28.04.2010 numero 10222. In particolare la Corte ha ritenuto che il trasferimento dell'unico ...
Conto corrente cointestato a firma disgiunta - quando il prelievo si configura come appropriazione indebita
E' configurabile il reato di appropriazione indebita a carico del cointestatario di un conto corrente bancario, il quale, pur se autorizzato a compiere operazioni separatamente, disponga in proprio favore, senza il consenso espresso o tacito degli altri cointestatari, della somma in deposito in misura eccedente la quota parte da considerarsi ...
Agevolazioni prima casa » Separazione consensuale e attribuzione della proprietà al coniuge dopo il quinquennio: il beneficio resta
Il coniuge cui viene attribuita la proprietà della casa coniugale, in sede di separazione personale, non perde il diritto alle agevolazioni prima casa anche se è già proprietario di un'altro immobile. L'attribuzione al coniuge della proprietà della casa coniugale, infatti, in adempimento di una condizione inserita nell'atto di separazione consensuale ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su separazione » si configura il reato di appropriazione indebita se si sottraggono beni dall'ex casa coniugale. Clicca qui.

Stai leggendo Separazione » Si configura il reato di appropriazione indebita se si sottraggono beni dall'ex casa coniugale Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 26 giugno 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca