Tutela degli utenti dei servizi bancari e finanziari - Come segnalare scorrettezze o irregolarità degli intermediari

Il cliente che vuole segnalare alla Banca d'Italia un problema nella propria relazione con una banca o un intermediario finanziario può farlo in modo semplice e diretto utilizzando il modulo per l'esposto disponibile sul sito dell'Istituto di emissione.

Il modulo aiuta il cliente a rappresentare in modo sintetico e completo il problema, individua automaticamente la Filiale della Banca d'Italia cui inviare la segnalazione, via posta ordinaria, posta elettronica certificata (PEC) o e-mail convenzionale firmata elettronicamente. Non occorre l'assistenza di legali.

L'uso del modulo on line permette alla Banca d'Italia di analizzare con prontezza ogni segnalazione e di sollecitare l'intermediario a chiarire la questione direttamente con il cliente.

Per la Banca d'Italia gli esposti sono una fonte importante di informazioni per l'esercizio della vigilanza sugli intermediari.

Ricordiamo che resta ferma la separazione tra funzione di vigilanza e il sistema dell'ABF, nell'ambito delle attività volte ad assicurare trasparenza e correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti.

La Banca d'Italia verifica, anche attraverso le segnalazioni pervenute dai clienti, che gli intermediari rispettino la disciplina in materia di trasparenza e correttezza, operando controlli a distanza e svolgendo ispezioni presso sportelli e direzioni generali; in caso di irregolarità, anomalie, comportamenti scorretti, l'Istituto interviene in base alla loro rilevanza, assumendo iniziative nei confronti del sistema o di singoli intermediari.

L'ABF, invece, opera quale sistema alternativo di risoluzione delle controversie e svolge un'attività che è finalizzata a conseguire obiettivi di efficienza e competitività del sistema finanziario. In pratica, gli esiti delle procedure davanti all'ABF forniscono anche un importante contributo all'attività di controllo: le decisioni dell'Arbitro infatti integrano il più ampio quadro informativo di cui la Banca d'Italia dispone nello svolgimento della propria funzione regolatrice.

Insomma, fra segnalazione alla Banca d'Italia e ricorso all'ABF deve cogliersi un rapporto sinergico, un affiancamento e non una sovrapposizione di funzioni nella tutela degli utenti dei servizi bancari e finanziari.

23 luglio 2015 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Avete deciso di chiedere un prestito, una carta di credito o aprire un conto corrente? - Prima di scegliere la banca o la finanziaria a cui rivolgervi leggete questo articolo
L'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) è un sistema di risoluzione alternativa (ADR) delle controversie che possono sorgere tra i clienti e le banche e gli altri intermediari in materia di operazioni e servizi bancari e finanziari. Rappresenta un'opportunità più semplice, rapida ed economica rispetto a quella offerta dal giudice ordinario: il ...
Disconoscimento operazioni di home banking - La banca è tenuta a rimborsare il cliente anche se questi non attiva i servizi di one time password e sms alert
Spesso, in occasione di frode informatica relativa al servizio di home banking e del conseguente disconoscimento delle operazioni fraudolente da parte del cliente, la banca contesta a quest'ultimo di non avere attivato ulteriori e più sofisticati sistemi di sicurezza, in particolare del sistema di accesso basato sulla one time password ...
Decisione dell'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) » Differenza con un accordo in convenzione di negoziazione assistita o con un verbale di conciliazione della controversia raggiunta con il coinvolgimento del mediatore
L'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) è un sistema di risoluzione alternativa del contenzioso (in inglese, alternative dispute resolution, ADR) di tipo decisorio: l'ABF, cioè, stabilisce chi ha ragione e chi ha torto, ma né il cliente, né l'intermediario, sono vincolati dalle decisioni assunte; per cui entrambi hanno la possibilità di rimettere ...
Tutela del consumatore – attività antitrust nel settore dei servizi bancari e finanziari
Nel corso del 2012 l'Autorità ha monitorato la correttezza delle condotte e delle comunicazioni commerciali delle banche, degli operatori del settore del credito al consumo e dei servizi finanziari, nonché delle assicurazioni e dei servizi postali a valore aggiunto, consolidando i filoni istruttori di maggior interesse emersi nel corso degli ...
Clausole vessatorie su mutuo e conto corrente
Il testo coordinato del decreto legge 24 gennaio 2012, numero 1 Articolo 28 1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 183 del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, numero 209, e dalle relative disposizioni e delibera dell'ISVAP di attuazione in materia di interesse degli intermediari ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tutela degli utenti dei servizi bancari e finanziari - come segnalare scorrettezze o irregolarità degli intermediari. Clicca qui.

Stai leggendo Tutela degli utenti dei servizi bancari e finanziari - Come segnalare scorrettezze o irregolarità degli intermediari Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 23 luglio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 22 ottobre 2017 Classificato nella categoria decisioni Arbitro Bancario Finanziario in tema di bancomat carte di credito e carte revolving Inserito nella sezione tutela consumatori.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • MARCOP 24 luglio 2015 at 18:17

    No certo il mio dubbio era solo legato al fatto che depositerei la cifra in un unica soluZione a fronte di pagamenti che mi sono stati fatti negli ultimi anni di massimo 2-3000 euro totali all anno. Era solo questo il mio dubbio. Grazie

  • MARCOP 24 luglio 2015 at 16:30

    Il problema è che non voglio aprire un conto corrente ma metterli su un libretto di risparmio postale. Inoltre non voglio parlare coi miei della somma che ho da parte.

    • Ornella De Bellis 24 luglio 2015 at 17:31

      Comprendo, ma non saprei cosa aggiungere: se non si tratta di corrispettivi in nero, non vedo cosa lei abbia da temere.

  • MARCOP 24 luglio 2015 at 14:19

    Dimenticavo di dirvi che inoltre non avendo mai superato un tot di reddito risulto come disoccupato e ho l’esenzione da ticket sanitario. Questo potrebbe creare problemi associato alla cifra che andrei a depositare? Per quanto riguarda il conto.corrente ancora non ne ho uno. Grazie

    • Ornella De Bellis 24 luglio 2015 at 14:44

      In un anno, con attività occasionali, è possibile guadagnare seimila euro, aver pagato il dovuto con le ritenute d’acconto e/o con il saldo della dichiarazione dei redditi e trovarsi in una situazione tale da aver diritto al ticket sanitario. L’importante è che le siano state effettuate le ritenute d’acconto sui corrispettivi erogati da terzi e che tutti i redditi siano stati dichiarati.

      Eppoi, può anche fare in modo che i seimila euro vengano accreditati con bonifico da suo padre sul conto corrente che andrà ad aprire, in modo da risultare come una donazione indiretta.

  • MARCOP 24 luglio 2015 at 10:46

    Vi voglio porre la seguente domanda: in circa tre anni di lavoro occasionale con pagamento con ritenuta d’acconto sono riuscito mettere da parte circa 6000 euro e pensavo di metterli in un libretto postale. Potrei avere problemi con l’Agenzia delle entrate per il redditometro? E una cifra importante che ho accumulato in proporzione a quello che ogni volta mi è stato corrisposto, e ci sono riuscito solo perché bollette e cose simili le pagano in genere i miei. Cioé mi aiutano perché non vivo con loro. Nel caso come funziona l’accertamento? Ci potrebbe essere la possibilità?

    • Ornella De Bellis 24 luglio 2015 at 11:55

      In mancanza di elementi più precisi e puntuali, tenuto conto che i risparmi provengono da redditi dichiarati, direi che non dovrebbe avere alcun timore da eventuali accertamenti fiscali. Peraltro la cifra di seimila euro, pur essendo importante, non rappresenta certamente un indizio di evasione fiscale.

      Ad ogni modo, per il futuro, disponga che gli eventuali aiuti da parte dei suoi genitori afferiscano direttamente sul suo conto corrente, in modo che ci sia traccia delle donazioni di cui ha beneficiato. Meglio che al pagamento di bollette, et similia, provveda direttamente lei, utilizzando i fondi messi a disposizione dai genitori.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca