Consegna di una sanzione amministrativa a mezzo servizio postale nelle mani di un convivente del destinatario - I giudici di legittimità offrono un ripasso della procedura

Il procedimento di notifica delle sanzioni amministrative ricalca le modalità previste dal codice di procedura civile, ovvero si realizza, via posta, secondo le norme sulle notifiche effettuate a mezzo del servizio postale di cui alla legge 890/1982.

L'agente postale consegna il piego nelle mani proprie del destinatario, ma se la consegna non può essere fatta personalmente al destinatario, il piego è consegnato, nel luogo indicato sulla busta che contiene l'atto da notificare, a persona di famiglia che conviva anche temporaneamente con il destinatario ovvero addetta alla casa ovvero al servizio del destinatario, purché il consegnatario non sia persona manifestamente affetta da malattia mentale o abbia età inferiore a quattordici anni.

A partire dal 2007, la normativa prevede una cautela ulteriore per l'ipotesi in cui il piego non venga consegnato personalmente al destinatario dell'atto: l'agente postale deve dare notizia al destinatario medesimo dell'avvenuta notifica dell'atto a mezzo di lettera raccomandata. Tale il obbligo vige tanto per la notifica degli atti giudiziari, quanto degli atti amministrativi sanzionatori.

Dunque, la notifica della sanzione amministrativa deve considerarsi perfezionata al momento della spedizione della lettera raccomandata (informativa) con cui l'agente postale informa il destinatario dell'avvenuto recapito dell'atto al terzo abilitato a riceverlo, Alla luce di quanto esposto la sanzione amministrativa, deve considerarsi notificata al momento dell'avviso di ricezione e non al momento della consegna manuale a persona convivente.

Per quanto riguarda la proposizione del ricorso, se il giorno di scadenza dei termini di opposizione è festivo la scadenza è prorogata di diritto al primo giorno seguente non festivo.

Quelle appena indicate sono le regole ribadite dai giudici di legittimità nell'ordinanza 15533/2017, in tema di procedimento di notifica delle sanzioni amministrative quando la consegna avviene nelle mani di un convivente del destinatario.

24 giugno 2017 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Ai fini della prescrizione di una sanzione amministrativa la notifica della cartella esattoriale si perfeziona solo al momento in cui l'atto perviene all'indirizzo del destinatario e non con la consegna all'ufficio postale
In tema di sanzioni amministrative, la consegna, all'ufficiale giudiziario (o al servizio postale) di un atto successivo al verbale di accertamento, non è idonea ad interrompere il decorso del termine di prescrizione quinquennale del diritto alla riscossione previsto dall'articolo 28 della legge 689/1981. Infatti, il principio generale, secondo il quale, ...
Notifica diretta a mezzo posta nelle mani del portiere - legittima anche senza aver verificato l'assenza del destinatario
Con la notifica diretta mediante spedizione dell'atto a mezzo del servizio postale, il notificante è abilitato a fare a meno dell'intermediazione dell'ufficiale giudiziario (ferma restando, ovviamente, quella dell'ufficiale postale). Quindi, il notificante è tenuto a seguire le sole modalità di notifica semplificata (ovvero le norme concernenti il servizio postale ordinario) ...
Notifica di un atto nelle mani del portiere - nulla se non si accerta l'assenza dei familiari del destinatario
Quando la notifica di un atto si perfeziona nelle mani del portiere, ai sensi dell'articolo 139 del codice di procedura civile, è necessario che nella relata di notifica si dia atto dell'assenza del destinatario, nonché delle altre persone preferenzialmente abilitate a ricevere l'atto secondo quanto disposto al comma 2 del ...
Notifica degli atti attraverso il servizio postale - momento in cui deve considerarsi perfezionata la notifica del'atto
La notifica degli atti con il servizio postale è regolato dalle norme di cui alla legge 20 novembre 1982, numero 890. L'articolo 10 della legge 3.8.1999, numero 265 ha apportato modifiche al primo comma dell'articolo 12 della legge 20 novembre 1982, stabilendo che: "Le norme sulla notifica degli atti giudiziari ...
La notifica degli atti a mezzo del servizio postale
La notifica degli atti può eseguirsi anche a mezzo del servizio postale (articolo 149 codice procedura civile e legge 890/82). In tale evenienza, l'ufficiale giudiziario scrive la relazione di notifica (relata) sull'originale e sulla copia dell'atto, facendovi menzione dell'ufficio postale per mezzo del quale spedisce la copia al destinatario in ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su consegna di una sanzione amministrativa a mezzo servizio postale nelle mani di un convivente del destinatario - i giudici di legittimità offrono un ripasso della procedura. Clicca qui.

Stai leggendo Consegna di una sanzione amministrativa a mezzo servizio postale nelle mani di un convivente del destinatario - I giudici di legittimità offrono un ripasso della procedura Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 24 giugno 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 24 giugno 2017 Classificato nella categoria notifica del verbale di multa Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca