Definizione agevolata per le cartelle esattoriali - Reloaded

1. Si possono rottamare anche le cartelle esattoriali affidate al concessionario della riscossione da gennaio a settembre 2017

Rientrano nell'ambito applicativo della rottamazione i carichi affidati all'Agente della riscossione dal 1° gennaio al 30 settembre 2017: fanno eccezione i soli carichi non rottamabili (rientrano tra questi per esempio, le somme dovute a titolo di recupero di aiuti di Stato oppure i crediti derivanti da pronunce di condanna della Corte dei Conti) e quelli già oggetto di istanza di definizione agevolata per i quali non è stato portato a termine il piano di rateazione accordato.

Chi intende aderire alla rottamazione pagherà l'importo delle somme dovute senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora. Per le multe stradali, invece, non si pagheranno gli interessi di mora e le maggiorazioni previste dalla legge.

Entro il 31 marzo 2018 l'Agenzia delle entrate-Riscossione dovrà inviare al contribuente tramite posta ordinaria una comunicazione in cui sono indicati i carichi dell'anno 2017 affidati dagli Enti creditori entro il 30 settembre scorso, per i quali non risulta ancora notificata la relativa cartella/avviso.

La domanda va presentata entro il 15 maggio 2018. Si pagherà in un'unica soluzione oppure in un massimo di 5 rate di pari importo, la prima delle quali entro il 31 luglio 2018 e l'ultima, entro il 28 febbraio 2019.

2. Nuova chance per i debitori con carichi affidati al concessionario della riscossione dal gennaio 2000 a dicembre 2016 per i quali non è stata già chiesta la definizione agevolata

Rientrano nell'ambito applicativo della rottamazione i carichi affidati all'Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2016: fanno eccezione i soli carichi non rottamabili (rientrano tra questi per esempio, le somme dovute a titolo di recupero di aiuti di Stato oppure i crediti derivanti da pronunce di condanna della Corte dei Conti) e quelli già oggetto di istanza di definizione agevolata per i quali non è stato portato a termine il piano di rateazione accordato.

La domanda va presentata entro il 15 maggio 2018. Il pagamento dovrà essere effettuato in un'unica soluzione o in un massimo di 3 rate: l'80% delle somme dovute in due rate di pari ammontare, rispettivamente entro il 31 ottobre ed entro il 30 novembre 2018 e il restante 20%, in un'unica rata, entro il 28 febbraio 2019.

L'Agenzia delle entrate-Riscossione invierà una comunicazione entro il 30 settembre 2018, comunicando l'accoglimento della domanda e un prospetto con importi e date di scadenza dell'unica rata o delle tre rate con cui si è scelto di saldare il conto. Oppure renderà note le motivazioni del diniego.

3. Nuova chance per i debitori con carichi inclusi in un piano di rateazione ordinario (non di definizione agevolata) in corso al 24 ottobre 2016 che non sono in regola con il pagamento delle rate in scadenza al 31 dicembre 2016

Rientrano nell'ambito applicativo della rottamazione anche i carichi inclusi in un piano di rateazione ordinario (non di definizione agevolata) in corso al 24 ottobre 2016 non in regola con i pagamenti delle rate in scadenza al 31 dicembre 2016.

La domanda va presentata entro il 15 maggio 2018. Condizione necessaria per poter accedere al beneficio della rottamazione è che venga effettuato il pagamento dell'importo residuo riferito alle rate scadute al 31 dicembre 2016 in un'unica soluzione entro il 31 luglio 2018. Il pagamento dovrà essere effettuato in un'unica soluzione o in un massimo di 3 rate: l'80% delle somme dovute in due rate di pari ammontare, rispettivamente entro il 31 ottobre ed entro il 30 novembre 2018 e il restante 20%, in un'unica rata, entro il 28 febbraio 2019.

Insomma, pagando in un'unica soluzione l'importo delle rate scadute al 31 dicembre 2016, il debito residuo verrà ricalcolato senza interessi legali e sanzioni, conformemente alle regole previste per la definizione agevolata. Ma le rate successive saranno solo tre, in scadenza in un ristretto arco temporale che va da ottobre 2018 a febbraio 2019.

12 dicembre 2017 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La rottamazione bis delle cartelle esattoriali » Nuova chance per i debitori non ammessi al beneficio o decaduti dalla possibilità offerta con la prima rottamazione del 2016 - Si possono adesso rottamare anche i debiti in riscossione coattiva affidati al concessionario dal 1 gennaio al 30 settembre 2017
Nuova chance per il debitore non ammesso al beneficio della prima rottamazione del 2016 per non aver pagato, nei termini, le rate di piani di dilazione in scadenza al 24 ottobre 2016 Relativamente ai soli carichi compresi in piani di dilazione in corso alla data del 24 ottobre 2016, per ...
Definizione agevolata bis delle cartelle esattoriali dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione » 6 cose da sapere assolutamente
In merito alla definizione agevolata (o rottamazione) bis delle cartelle esattoriali proposta dall'Agenzia delle Entrate-Riscossione, vi proponiamo sei possibili domande che la maggior parte di voi si sta chiedendo: ecco le risposte che cercavate da tempo. Non ho pagato la prima (o unica) rata di luglio, né la seconda di ...
Definizione agevolata di Equitalia » La guida definitiva per il debitore
Per quanto riguarda la definizione agevolata, o rottamazione, delle cartelle esattoriali di Equitalia, pubblichiamo la guida definitiva, aggiornata alle modifiche dell'ultimo decreto legge. La Definizione agevolata prevista dal decreto legge n. 193/2016, convertito con modificazioni dalla Legge n. 225/2016, in vigore dal 3 dicembre, si applica alle somme riferite ai ...
Definizione agevolata delle liti tributarie pendenti con Stato, Regioni e Comuni
La definizione agevolata delle controversie tributarie pendenti con l'Agenzia delle Entrate (ma anche con gli enti locali) prevede la presentazione di un'apposita istanza da parte del contribuente e il pagamento integrale degli importi pretesi nell'atto impugnato, che hanno formato oggetto di contestazione, e degli interessi per ritardata iscrizione a ruolo ...
Come funzionerà il prossimo condono delle cartelle esattoriali
Il condono delle sanzioni per tasse e contributi non pagati e affidati al concessionario della riscossione entro il 31 dicembre 2016 Diciamo subito, a scanso di equivoci, che nella conversione in legge (avvenuta il 24 novembre 2016) del decreto fiscale 193/16 (che porterà alla chiusura di Equitalia entro luglio 2017) ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su definizione agevolata per le cartelle esattoriali - reloaded. Clicca qui.

Stai leggendo Definizione agevolata per le cartelle esattoriali - Reloaded Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 12 dicembre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 1 gennaio 2018 Classificato nella categoria autotutela sgravio rimborso sospensione rottamazione sanatoria condono della cartella esattoriale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca