Risoluzione del preliminare di compravendita per inadempimento del promissario acquirente - Il promittente venditore ha diritto al risarcimento del danno per il mancato pagamento del prezzo e per l'eventuale illegittima occupazione dell'immobile

La somma di denaro che, all'atto della conclusione di un contratto preliminare di compravendita, l'acquirente consegna al venditore a titolo di caparra confirmatoria, assolve la funzione, in caso di successiva risoluzione del contratto per inadempimento, di preventiva liquidazione del danno per il mancato pagamento del prezzo, mentre il danno da illegittima occupazione dell'immobile, frattanto consegnato all'acquirente, discendendo da un distinto fatto illecito, costituito dal mancato rilascio del bene dopo il recesso dal contratto del venditore, legittima quest’ultimo a richiedere un autonomo risarcimento.

Ne consegue che il venditore ha diritto non solo a recedere dal contratto ed ad incamerare la caparra, ma anche ad ottenere dall'acquirente inadempiente 11 pagamento dell'indennità di occupazione dalla data di immissione dello stesso nella detenzione del bene sino al momento della restituzione, attesa l'efficacia retroattiva del recesso tra le parti.

L'acquirente di un immobile, che, immesso nel possesso all'atto della firma del preliminare, si renda inadempiente per l'obbligazione del prezzo, da versarsi prima del rogito definitivo, e provochi la risoluzione del contratto preliminare, è tenuto al risarcimento del danno in favore della parte venditrice, atteso che la legittimità originaria del possesso viene meno a seguito della risoluzione lasciando che l'occupazione dell'immobile si configuri come priva di titolo.

Ne consegue che tali danni, originati dal lucro cessante per il danneggiato che non ha potuto trarre frutti né dal pagamento del prezzo, né dal godimento dell'immobile, devono essere liquidati con riferimento all'intera durata dell'occupazione e, dunque, non solo a partire dalla domanda giudiziale di risoluzione contrattuale.

Questi gli insegnamenti impartiti dai giudici della Suprema Corte di cassazione con la sentenza 19403/2016.

12 novembre 2016 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Risoluzione giudiziale del contratto preliminare di compravendita per inadempimento del venditore - L'acquirente ha diritto al valore attualizzato del doppio della somma di denaro a suo tempo corrisposta
La risoluzione del contratto preliminare di compravendita per inadempimento ha effetto retroattivo tra le parti, salvo il caso di contratti ad esecuzione continuata o periodica, riguardo ai quali l'effetto della risoluzione non si estende alle prestazioni già eseguite. Secondo giurisprudenza consolidata, la retroattività della pronuncia di risoluzione di un contratto ...
Ipoteca non dichiarata » Si a risoluzione del preliminare di vendita
Si alla risoluzione del preliminare di vendita se l'ipoteca sull'immobile non è dichiarata » Sentenza Cassazione Ipoteca sull'immobile taciuta? Sì alla risoluzione del preliminare di vendita Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 13208/13, ha sancito che: Il promissario acquirente di un immobile, garantito libero ...
Preliminare di compravendita - i termini di prescrizione per la denuncia di vizi non decorrono dalla data di immissione anticipata
in caso di preliminare di compravendita, la consegna anticipata dell'immobile oggetto dell'accordo effettuata prima della stipula del rogito non determina la decorrenza del termine di decadenza per opporre i vizi noti, né comunque di quello di prescrizione, perché l'onere della tempestiva denuncia presuppone che sia avvenuto il trasferimento del diritto. ...
Vincoli gravanti sul bene non rimossi dopo la stipula di un contratto preliminare di compravendita - E' legittimo il rifiuto a sottoscrivere il contratto definitivo
Nella stipula di un contratto preliminare di compravendita immobiliare, l'acquirente non può avvalersi della disciplina relativa alla garanzia dei vizi della cosa venduta o di quella relativa alla garanzia per mancanza di qualità della cosa venduta, le quali presuppongono la conclusione del contratto definitivo e sono estranee al contratto preliminare, ...
Gli effetti della trascrizione del contratto preliminare sono soggetti a termini di decadenza
Gli effetti della trascrizione del contratto preliminare cessano e si considerano come mai prodotti se entro un anno dalla data convenuta tra le parti per la conclusione del contratto definitivo, e in ogni caso entro tre anni dalla trascrizione predetta, non sia eseguita la trascrizione del contratto definitivo o di ...

Spunti di discussione dal forum

Azione revocatoria atto di compravendita immobile
Sono in procinto di stipulare un rogito dopo aver fatto e registrato un regolare contratto di compravendita. Vengo a conoscenza che il venditore dell'immobile ha perso una causa e quindi si aspetta da un momento all'altro che il creditore faccia applicare un'ipoteca sul suo immobile. Il venditore mi chiede se…
Il rischio di una revocatoria dell’atto di una compravendita quando è escluso?
Il rischio di una revocatoria dell'atto di compravendita per l’intero immobile o per quote di esso è escluso solo quando coesistono tutte e tre le situazioni o una delle tre: l’acquirente è un soggetto terzo (non parente o affine del venditore), il prezzo della transazione è quello di mercato e…
Tutela per evitare un’azione revocatoria su atto notarile
Si, è vero, il venditore mi aveva detto di voler evitare un'ipoteca sull'immobile, ma in definitiva ho convenuto di far saldare il debito in concomitanza o prima del rogito, dandomi evidenza in quest'ultimo caso, pena l'annullamento del contratto e la restituzione della caparra. Questo è quello che è di mia…
Ipoteca giudiziale su immobile
Una zia compra un immobile che, due anni dopo, dona al nipote. Successivamente all'avvenuta donazione, si viene a conoscenza, in maniera informale, che pochi giorni dopo la stipula del contratto pubblico di compravendita sottoscritto dalla zia, al venditore veniva notificato un atto di iscrizione di ipoteca giudiziale. La trascrizione dell'ipoteca…
Come posso tutelarmi per evitare un’azione revocatoria su atto di compravendita
Chiedo come posso tutelarmi per evitare un'azione revocatoria su un atto notarile. Il venditore è un libero professionista, so che ho avuto diverse avventure finanziarie ma l'immobile attualmente è esente da ipoteche. Sto acquistando ad un prezzo di mercato, ovvero ad un valore che oscilla tra +- 10% tra il…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su risoluzione del preliminare di compravendita per inadempimento del promissario acquirente - il promittente venditore ha diritto al risarcimento del danno per il mancato pagamento del prezzo e per l'eventuale illegittima occupazione dell'immobile. Clicca qui.

Stai leggendo Risoluzione del preliminare di compravendita per inadempimento del promissario acquirente - Il promittente venditore ha diritto al risarcimento del danno per il mancato pagamento del prezzo e per l'eventuale illegittima occupazione dell'immobile Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 12 novembre 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria preliminare di compravendita della casa e perfezionamento dell'acquisto Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info