Riarcimento per cancellazione volo e mancata assistenza a terra

Diversamente dal diritto del passeggero alla compensazione pecuniaria, l’obbligo di assistenza a terra in favore del passeggero, in caso di significativi ritardi o di cancellazione del volo, sussiste anche nel caso in cui il ritardo o la cancellazione siano dovuti ad eventi eccezionali non imputabili al vettore.

La validità di tale affermazione trova riscontro nella giurisprudenza della Corte di Giustizia europea, che ha correttamente evidenziato come nei regolamenti vigenti non vi è alcuna disposizione che riconosca, una distinta categoria di eventi «particolarmente eccezionali, tali da liberare il vettore da tutti i suoi obblighi.

La ricorrenza di circostanze eccezionali, come uno sciopero nazionale, è idonea unicamente ad esonerare il vettore dall’obbligo di corrispondere la compensazione pecuniaria, non anche a liberarlo dall’obbligo di prestare assistenza ai passeggeri.

Integra una palese violazione degli obblighi connessi, la compagnia aerea, che non si preoccupa, in occasione dell’annullamento di numerosi voli in seguito ad uno sciopero nazionale, di proporre al passeggero una sistemazione alberghiera, né di organizzargli il trasporto in maniera tale da garantirgli di poter essere presente in aeroporto per imbarcarsi sul volo successivo.

Il giudice, quindi, può concedere risarcimento del danno, incluso quello di natura morale, determinato dall’inadempimento del contratto di trasporto aereo. Per contro, non può condannare il vettore aereo a rimborsare ai passeggeri, il cui volo ha subito un ritardo oppure é stato cancellato, le spese che gli stessi hanno dovuto sostenere a causa dell’inadempimento da parte del citato vettore degli obblighi di sostegno e assistenza.

Pertanto, laddove il passeggero con volo cancellato o lungamente ritardato, soggetto ad una prolungata permanenza in aeroporto durante la quale la compagnia aerea non gli abbia prestato l’assistenza prescritta, la sua domanda di risarcimento del danno non patrimoniale derivante dal disagio subito a causa della mancata assistenza va incontro ai limiti interni alla risarcibilità del danno non patrimoniale.

In pratica, il passeggero che produce istanza di risarcimento danni a fronte della carente assistenza a terra della compagnia aerea e della conseguente necessità di dormire in aeroporto, deve allegare la prova della sofferenza patita e dell’impossibilità di attivarsi per evitare o contenere il danno, reperendo, ad esempio, una soluzione alloggiativa in albergo.

Sono quelle appena riportate le considerazioni svolte dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 12088/15.

11 Giugno 2015 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Sinistro stradale » Il risarcimento danni è ridotto se il passeggero è consapevole del rischio
Qualora il terzo trasportato, ovvero il passeggero, sia consapevole dell'alta velocità e, quindi, del pericolo a cui va incontro, il risarcimento danni da parte dell'assicurazione sarà ridotto. Una compagnia assicurativa ha la possibilità di ridurre il risarcimento danni da versare al terzo trasportato, in caso di un sinistro stradale, qualora il passeggero abbia accettato il rischio di viaggiare con la consapevolezza che la corsa sarebbe stata ad elevata velocità. Ciò è quanto stabilito dalla Corte di Cassazione con la sentenza 11698/14. Questa teoria non è nuova nell'ambito della giurisprudenza riguardante i sinistri stradaali. Il principio accennato, infatti, è applicato, ad ...

Cancellazione del volo a causa di sciopero - Il consumatore ha diritto al rimborso?
Dovevo partire con la mia famiglia per un weekend in Sicilia, ma il volo è stato cancellato a causa di uno sciopero degli assistenti di volo: la compagnia aerea non ha voluto, però, riconoscermi un rimborso. Ciò, poiché l'evento è stato definito causa eccezionale. E' giusto tutto questo? Ho diritto a un risarcimento ...

Assicurazione Responsabilità Civile Auto - Il passeggero terzo trasportato (anche un parente del conducente) ha sempre diritto al risarcimento in caso di sinistro
Esiste una norma finalizzata a tutelare il terzo trasportato, in caso di sinistro, per fargli ottenere nel modo più semplice e veloce possibile, il risarcimento al quale ha diritto. Ricordiamo, per chiarezza, che per terzo trasportato deve intendersi un qualsiasi passeggero che trovi posto sul veicolo coinvolto in un sinistro, diverso dal conducente del veicolo stesso, indipendentemente dall'eventuale grado di parentela, o di affinità, intercorrente con il conducente. La norma, a cui si accennava, è l'articolo 141 del codice delle assicurazioni private, secondo il quale, fatta salva l'ipotesi di sinistro cagionato da caso fortuito, il danno subito dal terzo trasportato, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su riarcimento per cancellazione volo e mancata assistenza a terra. Clicca qui.

Stai leggendo Riarcimento per cancellazione volo e mancata assistenza a terra Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 11 Giugno 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria risarcimento per danni a persone e cose Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)