Risarcimento danni per auto danneggiata » Ecco la procedura da seguire

Risarcimento danni per auto danneggiata » Una brutta sorpresa

Uscite di casa per andare a lavoro ed ecco la sorpresa: l’auto è rigata, i tergicristalli sono rotti e gli specchietti danneggiati. La prima domanda sorge spontanea: chi è stato? Beh, il colpevole potrebbe essere una persona molto vicina a voi, che ha deciso di vendicarsi colpendovi in modo indiretto. Forse non lo saprete mai e comunque non ci si può fare giustizia da soli, partendo da presupposizioni. La cosa importante, però, è sapere bene come muoversi e cosa fare per ottenere il risarcimento danni dall’assicurazione.

Risarcimento danni per auto danneggiata » Prevenire è meglio che curare

Rancore, invidia, rivalità. Sono questi i sentimenti che spingono un italiano su sette a commettere atti di vandalismo ai danni di un’auto.

Azioni violente volte a creare disagio e frustrazione ai malcapitati proprietari del veicolo, non solo a livello economico, ma in modo particolare in termini di stress emotivo.

Uno sfregio diretto all’individuo, che passa attraverso un oggetto.

Comunque, si sa, prevenire è sempre meglio per curare.

Come fare, allora, per tutelarsi da questi ipotetici atti intimidatori?

Risarcimento danni per auto danneggiata » Tutelarsi

La soluzione più immediata è quella di aggiungere alla propria Rc Auto, all’atto della stipulazione, la garanzia accessoria contro gli atti vandalici.

La polizza, spesso venduta insieme alla garanzia eventi socio-politici, garantisce all’intestatario il risarcimento danni subiti al veicolo durante manifestazioni politiche, sommosse, scioperi, atti di terrorismo e i più frequenti atti di vandalismo.

Viene garantito esclusivamente il rimborso dei danni, provocati da terze persone, che non siano riconducibili alle garanzie di furto e incendio.

Si tratta di una garanzia facoltativa che può tornare molto utile, soprattutto per chi possiede un’auto di alta gamma o ne ha comprata una nuova.

Le assicurazioni, per tutelarsi da potenziali truffe, prevedono uno scoperto, franchigia, che resterà a carico dell’assicurato e un rimborso/premio, idoneo alla copertura economica della riparazione del danno, assegnato solo dopo una verifica da parte di un perito.

Infine, il rimborso non potrà mai superare il valore di mercato del veicolo nel momento in cui è stato danneggiato.

Risarcimento danni per auto danneggiata » Come procedere per il rimborso

Per poter usufruire del risarcimento danni da parte della compagnia assicurativa è necessario porgere denuncia contro ignoti presso una stazione di polizia o dei carabinieri, indicando in essa i danni riscontrati sul veicolo.

La copia della denuncia che sarà rilasciata dall’autorità giudiziaria dovrà essere allegata alla richiesta di risarcimento del danno da inviare alla propria Assicurazione.

A questo punto, sempre nel caso sia previsto dalla polizza da voi stipulata, la compagnia assicurativa incaricherà un perito di stabilire l’entità e la natura del danno.

Alle volte, infatti, quelli che all’apparenza possono sembrare atti vandalici, in realtà sono danni dovuti alla normale circolazione (si pensi ad esempio ad una fiancata rigata), non coperti quindi dalla suddetta garanzia.

Come abbiamo accennato, l’indennizzo eventualmente accordato dall’assicurazione di solito non copre l’intero valore del danno oppure lo copre solo se il valore del danno è superiore a una soglia minima indicata nel contratto assicurativo.

Si parla in tal senso di franchigia, ossia di quella parte del danno che rimane comunque a carico dell’assicurato.

Risarcimento danni per auto danneggiata » E i vandali?

Sfregiare un veicolo, comunque, è un reato penale, che può essere punito con la reclusione fino a un anno o con una multa fino a 309 euro, come disposto dall’articolo 635 del Codice Penale, che recita: Chiunque distrugge, disperde, deteriora o rende, in tutto o in parte, inservibili cose mobili o immobili altrui, è punito, a querela della persona offesa con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a euro 309.

Sulla legittimità della sanzione è intervenuta anche la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 34825/2008, ha sancito che: sussiste l’ipotesi del deterioramento, in caso di danni procurati da una incisione della carrozzeria di un’autovettura, perchè trattasi di condotta che non comporta una semplice alterazione estetica rimovibile con un intervento di ripulitura, ma un’alterazione dell’integrità materiale del veicolo che rende indispensabile un intervento ripristinatorio perchè altrimenti la parte della carrozzeria rimasta priva della protezione della vernice sarebbe lasciata esposta ai fenomeni atmosferici e di ossidazione.

A parere degli Ermellini, quindi, la sanzione è giustificata dal fatto che i danni procurati da un’incisione nella carrozzeria vanno al di là del semplice inestetismo: in assenza di una immediata riparazione, le porzioni di lamiera rimaste prive delle protezione data dalla vernice, esposte a fenomeni atmosferici e di ossidazione, potrebbero compromettere l’integrità del veicolo.

8 Ottobre 2013 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Risarcimento danni veicolo dopo sinistro » Non può essere superiore al valore ante-incidente
Dopo un sinistro stradale, il risarcimento danni richiesto dal danneggiato non può essere superiore al valore che aveva il veicolo prima dell'incidente. La domanda di risarcimento danni subito da un veicolo a seguito di incidente stradale, quando abbia ad oggetto la somma necessaria per effettuare la riparazione dei danni, deve considerarsi come richiesta di risarcimento in forma specifica, con conseguente potere del giudice di non accoglierla e di condannare il danneggiante al risarcimento per equivalente, ovvero al pagamento di un somma pari alla differenza di valore del bene prima e dopo la lesione, allorquando il costo delle riparazioni superi notevolmente ...

Rc auto con polizza maggiorata » Basta il provvedimento Agcm per dare il via al risarcimento danni
Buone notizie per i consumatori: d'ora in avanti, nel caso una compagnia assicurativa sia stata multata dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) per maggiorazioni non congrue della polizza rc auto ai propri clienti, basterà presentare al giudice il provvedimento dell'Antitrust per ottenere il risarcimento danni relativo. Una recente ed assolutamente innovativa pronuncia della Corte di Cassazione ha dato una svolta al procedimento per il risarcimento danni dalle compagnie assicurative, stabilendo, in favore dei consumatori, un principio senza precedenti. La novità sta nel fatto che i consumatori, per arrivare al risarcimento danni, devono limitarsi a produrre in giudizio, qualora ...

Risarcimento dopo sinistro » Non è cumulabile l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa privata con la liquidazione dei danni ottenuta con la tutela rc auto
Nell'ambito di un sinistro stradale, per quanto riguarda la liquidazione per lesioni, in caso si fosse stipulata un'assicurazione contro gli infortuni, non è possibile cumulare l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa con il risarcimento danni nell'ambito della copertura rc auto. In caso di incidente, il danneggiato non può chiedere i danni sia alla compagnia assicurativa privata, che lo copre in caso di infortuni non mortali, che al responsabile del sinistro stradale coperto da tutela rc auto. Il pagamento dell'uno, infatti, esclude quello dell'altro, o, al contrario, in caso di pagamento parziale dell'uno, si può chiedere all'altro solo la differenza residua. Ciò ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su risarcimento danni per auto danneggiata » ecco la procedura da seguire. Clicca qui.

Stai leggendo Risarcimento danni per auto danneggiata » Ecco la procedura da seguire Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 8 Ottobre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria risarcimento per danni a persone e cose Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)