Risarcimento danni » Legittimo dopo acquisto auto con motore difettoso

Nel caso si acquisti un’autovettura con il motore difettoso è valido il risarcimento del danno e/o la risoluzione del contratto.

Infatti, in caso di vendita di prodotti difettosi, il risarcimento comprende tutti i danni subiti dall’acquirente, anche quelli inerenti la mancata o parziale utilizzazione della cosa o il lucro cessante.

Inoltre, essa è alternativa o cumulabile con le azioni di adempimento in via specifica del contratto, di riduzione del prezzo o di risoluzione del contratto medesimo.

Questo l’orientamento espresso dalla Suprema Corte con la pronuncia 26852/13.

Auto con motore difettoso e risarcimento danni: il fatto e le considerazioni

Una donna aveva chiesto la risoluzione del contratto di compravendita di un’autovettura per la grave difettosità del motore. Inoltre, aveva richiesto il risarcimento danni per il limitato uso della macchina e la riduzione del prezzo della vendita.

Il rivenditore, però, si giustificava dicendo che la responsabile dei difetti sarebbe stata la casa produttrice.

Il caso veniva portato presso il Tribunale di Catania, il quale rigettava la domanda di risoluzione e accoglieva quella di riduzione del prezzo di vendita.

Così facendo, aveva, perciò, condannato il rivenditore a pagare alla donna una somma pari al prezzo attuale di un motore nuovo dello stesso tipo di quello montato originariamente o, in alternativa, ad installare, a proprie spese, un motore nuovo.

Ma la società rivenditrice ricorreva contro la decisione in appello, lamentando il fatto che il Tribunale aveva rigettato la domanda di risoluzione ed accolto, invece, quella di riduzione del prezzo.

Secondo la difesa, non poteva esserci un rapporto di subordinazione tra le due azioni, avendo esse gli stessi presupposti.

Il ricorso veniva accolto dalla Corte d’Appelo sulla base dell’effettiva mancanza di legittimazione passiva del rivenditore e in virtù del fatto che la risoluzione del contratto rendeva veramente impossibile proporre l’azione di riduzione del prezzo.

La donna acquirente, perciò, ricorreva in Cassazione.

E qui gli Ermellini, dando ragione alla donna, chiariscono che l’azione di risarcimento danni non esclude quella di adempimento del contratto in via specifica, condannando il rivenditore.

16 Dicembre 2013 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Risarcimento danni veicolo dopo sinistro » Non può essere superiore al valore ante-incidente
Dopo un sinistro stradale, il risarcimento danni richiesto dal danneggiato non può essere superiore al valore che aveva il veicolo prima dell'incidente. La domanda di risarcimento danni subito da un veicolo a seguito di incidente stradale, quando abbia ad oggetto la somma necessaria per effettuare la riparazione dei danni, deve considerarsi come richiesta di risarcimento in forma specifica, con conseguente potere del giudice di non accoglierla e di condannare il danneggiante al risarcimento per equivalente, ovvero al pagamento di un somma pari alla differenza di valore del bene prima e dopo la lesione, allorquando il costo delle riparazioni superi notevolmente ...

Risarcimento danni per auto danneggiata » Ecco la procedura da seguire
Risarcimento danni per auto danneggiata » Una brutta sorpresa Uscite di casa per andare a lavoro ed ecco la sorpresa: l'auto è rigata, i tergicristalli sono rotti e gli specchietti danneggiati. La prima domanda sorge spontanea: chi è stato? Beh, il colpevole potrebbe essere una persona molto vicina a voi, che ha deciso di vendicarsi colpendovi in modo indiretto. Forse non lo saprete mai e comunque non ci si può fare giustizia da soli, partendo da presupposizioni. La cosa importante, però, è sapere bene come muoversi e cosa fare per ottenere il risarcimento danni dall'assicurazione. Risarcimento danni per auto danneggiata ...

Risarcimento dopo sinistro » Non è cumulabile l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa privata con la liquidazione dei danni ottenuta con la tutela rc auto
Nell'ambito di un sinistro stradale, per quanto riguarda la liquidazione per lesioni, in caso si fosse stipulata un'assicurazione contro gli infortuni, non è possibile cumulare l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa con il risarcimento danni nell'ambito della copertura rc auto. In caso di incidente, il danneggiato non può chiedere i danni sia alla compagnia assicurativa privata, che lo copre in caso di infortuni non mortali, che al responsabile del sinistro stradale coperto da tutela rc auto. Il pagamento dell'uno, infatti, esclude quello dell'altro, o, al contrario, in caso di pagamento parziale dell'uno, si può chiedere all'altro solo la differenza residua. Ciò ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su risarcimento danni » legittimo dopo acquisto auto con motore difettoso. Clicca qui.

Stai leggendo Risarcimento danni » Legittimo dopo acquisto auto con motore difettoso Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 16 Dicembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria risarcimento per danni a persone e cose Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)