Revisione dell’assegno divorzile – Per ottenerla non è sufficiente l’intervenuto pensionamento dell’obbligato

In sede di revisione dell’assegno di divorzio, il giudice non puo’ procedere ad una nuova od autonoma valutazione dei presupposti o dell’entita’ dell’assegno divorzile, ma, nel pieno rispetto della valutazione espressa al momento dell’attribuzione dell’emolumento, deve limitarsi a verificare se, ed in quale misura, circostanze sopravvenute abbiano alterato l’equilibrio cosi’ raggiunto, adeguando l’importo od escludendo l’assegno in relazione alla nuova situazione patrimoniale.

I giustificati motivi indicati dalla legge sul divorzio per la revisione dell’assegno di mantenimento vanno ricollegati a circostanze sopravvenute e non, ad esempio (come richiesto dall’obbligato nel caso specifico esaminato dai giudici di legittimità), alla breve durata del matrimonio fra le parti.

L’intervenuto pensionamento del coniuge obbligato e la conseguente ulteriore impossibilità a svolgere lavoro straordinario non possono automaticamente comportare la revisione dell’assegno divorzile se non accompagnati dall’indicazione del reddito percepito nell’anno del divorzio e di quello percepito nel momento in cui si chiede la revisione dell’assegno divorzile. In pratica, va escluso che l’eta’ avanzata possa essere di per se’ elemento di peggioramento delle condizioni economiche dell’obbligato, in difetto di una specifica prova al riguardo.

Queste sono le indicazioni fornite, in tema di revisione dell’assegno divorzile, dai giudici della Corte di cassazione con l’ordinanza 17808/15.

5 Ottobre 2015 · Piero Ciottoli

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su revisione dell’assegno divorzile – per ottenerla non è sufficiente l’intervenuto pensionamento dell’obbligato. Clicca qui.

Stai leggendo Revisione dell’assegno divorzile – Per ottenerla non è sufficiente l’intervenuto pensionamento dell’obbligato Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 5 Ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 27 Giugno 2020 Classificato nella categoria famiglia separazione e divorzio - assegnazione casa e assegno di mantenimento coniuge separato o divorziato Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso rapido anonimo (test antispam)