Revisione dell'assegno divorzile - Per ottenerla non è sufficiente l'intervenuto pensionamento dell'obbligato

In sede di revisione dell'assegno di divorzio, il giudice non può procedere ad una nuova od autonoma valutazione dei presupposti o dell'entità dell'assegno divorzile, ma, nel pieno rispetto della valutazione espressa al momento dell'attribuzione dell'emolumento, deve limitarsi a verificare se, ed in quale misura, circostanze sopravvenute abbiano alterato l'equilibrio così raggiunto, adeguando l'importo od escludendo l'assegno in relazione alla nuova situazione patrimoniale.

I giustificati motivi indicati dalla legge sul divorzio per la revisione dell'assegno di mantenimento vanno ricollegati a circostanze sopravvenute e non, ad esempio (come richiesto dall'obbligato nel caso specifico esaminato dai giudici di legittimità), alla breve durata del matrimonio fra le parti.

L'intervenuto pensionamento del coniuge obbligato e la conseguente ulteriore impossibilità a svolgere lavoro straordinario non possono automaticamente comportare la revisione dell'assegno divorzile se non accompagnati dall'indicazione del reddito percepito nell'anno del divorzio e di quello percepito nel momento in cui si chiede la revisione dell'assegno divorzile. In pratica, va escluso che l'età avanzata possa essere di per sè elemento di peggioramento delle condizioni economiche dell'obbligato, in difetto di una specifica prova al riguardo.

Queste sono le indicazioni fornite, in tema di revisione dell'assegno divorzile, dai giudici della Corte di cassazione con l'ordinanza 17808/15.

5 ottobre 2015 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

L'obbligato perde il lavoro e la beneficiaria torna a casa dei genitori - Si alla riduzione dell'assegno divorzile con efficacia retroattiva decorrente dalla data di licenziamento
La giurisprudenza ha in più occasioni ritenuto legittima la revisione retroattiva dell'assegno divorzile in presenza di un evento che la giustifichi, evento che può essere rappresentato anche dalla perdita del lavoro da parte dell'ex coniuge obbligato (Cassazione civile sentenze 11913/2009 e 16173/2015). La beneficiaria dell'assegno divorzile non può opporsi alla ...
Riduzione dell'assegno di separazione o divorzio - Quando può essere accordata
Per orientamento consolidato della giurisprudenza di legittimità in tema di revisione delle condizioni di separazione o divorzio, il giudice non può procedere ad una nuova ed autonoma valutazione dei presupposti o dell'entità dell'assegno sul­la base di una diversa ponderazione delle condizioni economiche delle parti, ma, deve procedere nel pieno rispetto ...
Divorzio » Il diritto all'assegno divorzile può essere riconosciuto anche dopo il decesso dell'ex coniuge obbligato
Divorzio: sì all'assegno divorzile anche dopo la morte dell'ex coniuge. Infatti, può essere ottenuta una quota della pensione di reversibilità anche dopo il decesso dell'ex consorte. Il diritto all'assegno di divorzio può essere riconosciuto anche dopo la morte dell'ex coniuge, se avvenuta nel corso del giudizio. Lo ha stabilito la ...
Il coniuge più debole può chiedere l'assegno di mantenimento al giudice italiano dopo che un giudice di uno Stato Europeo ne abbia dichiarato il divorzio
La legge sul divorzio, nel prevedere che con la sentenza che pronuncia lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio, il tribunale dispone, tenuto conto delle condizioni economiche dei coniugi e delle ragioni della decisione, l'obbligo per uno dei coniugi di somministrare a favore dell'altro periodicamente un assegno ...
Mantenimento » Dopo separazione ex coniuge diventa ricco? Non aumenta l'assegno divorzile
In tema di mantenimento, se l'ex marito diventa benestante, successivamente la sentenza di divorzio, l'ex consorte non ha diritto ad un aumento dell'assegno divorzile. Bisogna tener conto, infatti, nella determinazione dell'assegno divorzile, degli eventuali miglioramenti della situazione del coniuge, nei cui confronti si chieda l'assegno, qualora costituiscano sviluppi naturali e ...

Spunti di discussione dal forum

Assegno divorzile pignorabile se versato su conto corrente – Ho capito bene?
Quindi se non ho capito male, in riferimento a questa discussione, io posso salvare i miei pochi risparmi, ma se Equitalia decidesse di pignorare il mio conto io non avrei più la disponibilità dell'assegno divorzile; infatti, fino all'esaurimento del debito, con il conto bloccato, il mio ex marito continuerebbe a…
Possibile pignoramento assegno divorzile – Ulteriori chiarimenti
In riferimento a questo topic ed in merito alla pignorabilità dell'assegno divorzile che quando è accreditato sul conto diventa liquidità, invece che prelevare la somma in contanti posso far un bonifico sul conto di mia sorella appena la somma è disponibile? Il bonifico può essere bloccato in qualche modo? Accordarmi…
Assegno di mantenimento e assegno divorzile – Possono essere pignorati alla fonte?
Vivo alle Canarie iscritta Aire: ricevo mensilmente un assegno divorzile dall'Italia e in quanto tale devo dichiararlo in Italia. Il mio conto corrente è in Spagna e in Italia non ho più niente. La domanda e: se non dichiaro e vengo pizzicata, cosa può fare agenzie delle entrate? Può pignorare…
Possibile pignoramento assegno divorzile
Cercherò di riassumere brevemente la mia situazione: ho ricevuto già l'avviso di Equitalia in cui mi invitano a recarmi negli uffici per concordare i pagamenti. Non sono nelle condizioni di poter pagare la somma richiesta. Ho 500 euro di assegno divorzile e non posseggo auto o immobili. Ho letto che…
Mia ex moglie va a vivere con un altro dopo divorzio – Devo ancora corrispondere l’assegno di mantenimento?
Sono stato sposato per dieci anni con la mia ex: in seguito a una forte crisi matrimoniale, abbiamo affrontato prima la separazione e poi il divorzio. Dopo la causa di divorzio, mi è stato assegnato l'onore di un assegno di mantenimento per mia moglie. Dopo un anno, però, lei è…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su revisione dell'assegno divorzile - per ottenerla non è sufficiente l'intervenuto pensionamento dell'obbligato. Clicca qui.

Stai leggendo Revisione dell'assegno divorzile - Per ottenerla non è sufficiente l'intervenuto pensionamento dell'obbligato Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 5 ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia separazione e divorzio - assegnazione casa e assegno di mantenimento coniuge separato o divorziato Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?