Procedure di recupero esattoriale di quanto anticipato dal fondo FGVS

Passiamo ora alle procedure di recupero:

  • avviso di intimazione al pagamento: allo scopo di instaurare un clima di maggiore collaborazione e trasparenza con i destinatari dell'azione di rivalsa, vengono inoltrati - a cura di Equitalia, a mezzo posta raccomandata - avvisi di intimazione ed ingiunzione di pagamento, con valore di costituzione in mora e conseguente effetto interruttivo della prescrizione, ai sensi di cui agli articolo 1219 e 2943 del codice civile. In tali avvisi è possibile riscontrare il dettaglio di tutte le informazioni riconducibili al sinistro per il quale il Fondo chiede il rimborso (data sinistro, numero sinistro, targa del veicolo responsabile, danneggiato/i, Impresa Designata territorialmente competente, importo da rimborsare).
  • iscrizione al ruolo: successivamente, in mancanza del pagamento intimato entro e non oltre 60 giorni dalla ricezione dell'avviso pre-coattivo, Equitalia-Sud provvederà all'iscrizione a Ruolo dell'importo ingiunto, con conseguente successiva attuazione delle procedure di riscossione coattiva e cautelare. Il Ruolo, ovvero l'elenco dei debitori e delle somme da essi dovute, costituisce una modalità di riscossione delle imposte, prevista ai sensi dell'articolo 1 del decreto del Presidente della Repubblica numero 602 del 1973 integrato con Decreti Legislativi 26 febbraio 1999 n 46 e 17 agosto 1999 n 326 e loro successive modificazioni.
  • opposizione alla cartella di pagamento:opposizione all'esecuzione, ex articolo 615 cpc, (quando si contesta il diritto di quest’ultimo a procedere esecutivamente al recupero del credito), da proporsi, prima dell'inizio dell'esecuzione, dinanzi al Giudice di Pace, per le cause di valore fino a € 5.000,00, ovvero dinanzi al Tribunale dell'esecuzione, per le cause di valore superiore. Dopo l'inizio dell'esecuzione, l'opposizione potrà essere proposta dinanzi al giudice dell'esecuzione;
  • opposizione agli atti esecutivi ex articolo 617 cpc: (quando si contesta la regolarità formale del titolo esecutivo), da proporsi, entro il termine perentorio di venti giorni dalla notifica della cartella, dinanzi al giudice dell'esecuzione.

17 dicembre 2013 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca