Recupero crediti - Ho appuntamento domani per un finanziamento non rimborsato

Ho appuntamento domani con il recupero crediti per un finanziamento non rimborsato.

Mi hanno chiesto, come unica possibilità di composizione bonaria, cambiali per un ammontare di circa 40000 euro e il termine ultimo è la fine del mese.

Altrimenti depositano gli atti in tribunale e rischiamo il pignoramento della casa. Infatti, sul contratto c'è anche la firma di mia moglie che è proprietaria della casa (ma abbiamo la separazione dei beni).

Ci sono altre possiblità di restituzione del prestito meno rischiose? C'è la possibilità di scendere a patti con l'azienda finanziaria direttamente (fin'ora non li ho mai sentiti)? Rischio la casa di mia moglie veramente?

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su recupero crediti - ho appuntamento domani per un finanziamento non rimborsato. Clicca qui.

Stai leggendo Recupero crediti - Ho appuntamento domani per un finanziamento non rimborsato Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 30 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria assegni cambiali e conti correnti - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • UMBOSS74 14 novembre 2012 at 09:23

    buongiorno, avrei bisogno di alcune delucidazioni. Mio fratello deceduto qualche mese fa, sposato e due figlie piccole, senza alcun reddito dimostrabile, senza proprieta’, ma con diversi debiti riscontrati sia con equitalia che con qualche finanziaria non pagati. Ho consigliato alla moglie pure lei senza reddito o averi, di fare ugualmente la rinuncia all’eredita’, anche perche’ lo stesso avrebbe poco o niente da ereditare, e sicuramente meno dei debiti, ma lei dice che se lo fa perde pure gli eventuali averi. Ora vi domando: si rivalgono su di lei nel pagare le varie cose in sospeso di equitalia e delle finanziarie? E ovviamente viste le cifre sara’ impossibilitata a farlo, cosa succede a lei e alle figlie? Le figlie quando diventano maggiorenni si porteranno dietro questo debito? Se invece lei fa la rinuncia si chiudono tutte le pratiche di debito in automatico? Grazie tante e buon lavoro.

    • Annapaola Ferri 14 novembre 2012 at 16:38

      Lei parla di averi, ma non specifica quali. Una pensione di reversibilità viene trasmessa al coniuge “iure proprio” e non in conseguenza all’accettazione tacita o espressa dell’eredità. Pertanto si può rinunciare all’eredità senza perdere la pensione.

      Resta il problema di eventuali conti correnti non cointestati.

      Accettando l’eredità si accettano tutti i debiti del de cuius. Per ora alle bambine viene automaticamente riconosciuto lo status di eredi con beneficio di inventario. Alla maggiore età potranno eventualmente decidere cosa fare, sempre che siano rimasti beni o debiti non prescritti.

      Per approfondimenti maggiori la invito a consultare questa sezione del blog.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca