Rc auto e risarcimento danni » Tra parenti non si effettua alcun rimborso

Quante volte sarà capitato: due autovetture condotte da persone con vincolo di parentela entrano in collisione, causando un sinistro. Probabilmente, se i due familiari sono in buona fede, penseranno: beh, niente male dai, ci penserà l’rc auto al risarcimento danni. Ma, è bene sapere che, purtroppo, non è affatto così.

La normativa, in questo caso, parla chiaro.

Infatti, l’articolo 129 del decreto legislativo 209/2005 dispone che: Non e’ considerato terzo e non ha diritto ai benefici derivanti dal contratto di assicurazione obbligatoria il coniuge non legalmente separato, il convivente more uxorio, gli ascendenti e i discendenti legittimi, naturali o adottivi del soggetto di cui al comma 1 e di quelli di cui alla lettera a), nonche’ gli affiliati e gli altri parenti e affini fino al terzo grado di tutti i predetti soggetti, quando convivano con questi o siano a loro carico in quanto l’assicurato provvede abitualmente al loro mantenimento.

Da ciò si evince, che, in caso di sinistro stradale, non hanno diritto al risarcimento danni, derivante dall’rc auto, i parenti stretti e legittimi del convivente assicurato.

Pertanto, sono due sono i concetti da tenere in mente: il primo riguarda il fatto che il Codice, nell’escludere i beneficiari che appartengono a terzi, si limita ai danni alle cose.

I danni alla persona, invece, sono sempre soggetti all’indennizzo.

Il secondo fattore, altrettanto importante, è la medesima residenza dei parenti, dove per esempio il genitore mantiene il figlio.

Questo vuol dire che un banale tamponamento tra figlio e padre non potrà portare al risarcimento danni da parte delle compagnie assicuratrici.

La riparazione dei mezzi, ad esempio, rimarrebbe a carico dei rispettivi proprietari.

Un danno oltre la beffa.

Ma il Codice delle Assicurazioni Private in questo caso parla molto chiaro e non dà spazi a libere interpretazioni sugli incidenti tra parenti.

18 Ottobre 2013 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Sinistro stradale: senza cinture di sicurezza niente risarcimento danni? » Non sempre
In un sinistro stradale, è impossibile negare il risarcimento dei danni all'infortunato solo perché non indossava le cinture di sicurezza. In tema di concorso del fatto colposo del danneggiato nella produzione dell'evento dannoso, infatti, a norma dell'articolo 1227, 1 comma, del codice civile, applicabile per l'espresso richiamo di cui all'articolo 2056 del codice civile anche nel campo della responsabilità extracontrattuale, la prova che il danneggiato avrebbe potuto evitare i danni dei quali chiede il risarcimento usando l'ordinaria diligenza, deve essere fornita dal danneggiante che pretende di non risarcire, in tutto o in parte, il creditore. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso ...

Risarcimento dopo sinistro » Non è cumulabile l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa privata con la liquidazione dei danni ottenuta con la tutela rc auto
Nell'ambito di un sinistro stradale, per quanto riguarda la liquidazione per lesioni, in caso si fosse stipulata un'assicurazione contro gli infortuni, non è possibile cumulare l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa con il risarcimento danni nell'ambito della copertura rc auto. In caso di incidente, il danneggiato non può chiedere i danni sia alla compagnia assicurativa privata, che lo copre in caso di infortuni non mortali, che al responsabile del sinistro stradale coperto da tutela rc auto. Il pagamento dell'uno, infatti, esclude quello dell'altro, o, al contrario, in caso di pagamento parziale dell'uno, si può chiedere all'altro solo la differenza residua. Ciò ...

Risarcimento danni veicolo dopo sinistro » Non può essere superiore al valore ante-incidente
Dopo un sinistro stradale, il risarcimento danni richiesto dal danneggiato non può essere superiore al valore che aveva il veicolo prima dell'incidente. La domanda di risarcimento danni subito da un veicolo a seguito di incidente stradale, quando abbia ad oggetto la somma necessaria per effettuare la riparazione dei danni, deve considerarsi come richiesta di risarcimento in forma specifica, con conseguente potere del giudice di non accoglierla e di condannare il danneggiante al risarcimento per equivalente, ovvero al pagamento di un somma pari alla differenza di valore del bene prima e dopo la lesione, allorquando il costo delle riparazioni superi notevolmente ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su rc auto e risarcimento danni » tra parenti non si effettua alcun rimborso. Clicca qui.

Stai leggendo Rc auto e risarcimento danni » Tra parenti non si effettua alcun rimborso Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 18 Ottobre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria risarcimento per danni a persone e cose Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)