Ravvedimento operoso esteso anche ai tributi locali

Ravvedimento operoso esteso anche ai tributi locali

Con l’articolo 10 bis del decreto fiscale 124/2019, convertito dalla legge 157/2019 e collegato alla legge di bilancio 2020 160/2019, dal 25 dicembre 2019 è possibile regolarizzare con il ravvedimento operoso la totalità delle entrate tributarie, comprese quelle di competenza degli enti locali come Imu, Tari e tasse regionali (bollo auto), indipendentemente dal ritardo rispetto ai termini previsti di versamento del tributo (anche anni).

In pratica, con il ravvedimento operoso (articolo 13 del decreto legislativo 472/1997) è possibile regolarizzare omessi o insufficienti versamenti e altre irregolarità fiscali, beneficiando della riduzione delle sanzioni: anche se sono iniziate altre attività di accertamento (notifica di inviti a comparire, richiesta di esibizione di documenti, invio di questionari) formalmente comunicate al debitore inadempiente.

Il ravvedimento operoso è inibito esclusivamente dalla notifica degli atti di liquidazione e di accertamento.

La sanzione è pari a:

  • 0,1% del tributo dovuto (ravvedimento brevissimo) per ogni giorno di ritardo, se il pagamento avviene entro quindici giorni dalla data in cui il tributo avrebbe dovuto essere versato;
  • 1,5% del tributo dovuto (ravvedimento breve) se il pagamento avviene nel termine di trenta giorni dalla data in cui il tributo avrebbe dovuto essere versato;
  • 1,67% del tributo dovuto se il pagamento avviene dopo il trentesimo ma entro il novantesimo giorno dalla data in cui il tributo avrebbe dovuto essere versato;
  • 3,75% del tributo dovuto se il pagamento avviene dopo il novantesimo giorno ma entro un anno dalla data in cui il tributo avrebbe dovuto essere versato;
  • 4,29% del tributo dovuto se il pagamento avviene dopo un anno ma entro due anni dalla data in cui il tributo avrebbe dovuto essere versato;
  • 5% del tributo dovuto se il pagamento avviene dopo due anni dalla data in cui il tributo avrebbe dovuto essere versato;

Per un calcolo rapido dell’importo dovuto a seguito di ravvedimento operoso, è possibile utilizzare la risorsa disponibile a questo link.

1 Gennaio 2020 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il nuovo ravvedimento operoso
Con il ravvedimento operoso (articolo 13 del Dlgs 472/1997) è possibile regolarizzare versamenti di imposte omessi o insufficienti e altre irregolarità fiscali, beneficiando della riduzione delle sanzioni. L'istituto del ravvedimento operoso, è stato profondamente modificato dalla legge di Stabilità per il 2015 che ha previsto una riduzione della sanzione a un 1/9 del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene entro il novantesimo giorno successivo al termine per la presentazione della dichiarazione, ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro novanta giorni dall'omissione o dall'errore. Il ravvedimento ...

Ravvedimento operoso brevissimo, breve e lungo per omessa registrazione dei contratti di locazione
Per omesso o insufficiente versamento dell'imposta di registro dovuta per un contratto di locazione è prevista l'applicazione di una sanzione il cui ammontare può variare dal 120% al 240% dell'imposta di registro dovuta. Oltre alla sanzione, il contribuente è tenuto ad effettuare il pagamento anche dell'imposta di registro non versata e, naturalmente, degli interessi. Per regolarizzare l'omesso o insufficiente versamento dell'imposta di registro dovuta per un contratto di locazione, il contribuente può ricorrere al ravvedimento operoso, eseguendo spontaneamente il pagamento: dell'imposta dovuta; degli interessi moratori (calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato ...

Nuovo ravvedimento operoso - Le precisazioni dell'Agenzia delle Entrate
La legge di stabilità per il 2015 ha profondamente innovato la disciplina del ravvedimento operoso, determinando un radicale cambiamento dell'assetto originario dell'istituto. Infatti, oggi, il ravvedimento operoso può essere utilizzato per regolarizzare le violazioni commesse in materia di tributi amministrati dall'Agenzia delle entrate, fino alla scadenza dei termini di accertamento. Ciò, a prescindere dalla circostanza che la violazione sia già stata constatata o che siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento, delle quali i soggetti interessati abbiano avuto formale conoscenza. Inoltre, così come chiarito nella circolare numero 23/E dell'ADE, anche l'IRAP e le addizionali regionali e ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ravvedimento operoso esteso anche ai tributi locali. Clicca qui.

Stai leggendo Ravvedimento operoso esteso anche ai tributi locali Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 1 Gennaio 2020 Ultima modifica effettuata il giorno 14 Settembre 2020 Classificato nella categoria Article schema org Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)